TGS 2019

Fairy Tail: cosa aspettarsi dal nuovo RPG tratto dal manga di Hiro Mashima

Sviluppato da Gust Corporation, il neo annunciato RPG di Fairy Tail sembra dotato della medesima grinta che caratterizza il fumetto originale.

anteprima Fairy Tail: cosa aspettarsi dal nuovo RPG tratto dal manga di Hiro Mashima
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Switch
  • PS4 Pro
  • Ormai saturi degli innumerevoli tie-in di Naruto, Dragon Ball, ONE PIECE, Gundam e Sword Art Online (giusto per citarne alcuni) che anno dopo anno continuano a inondare i cataloghi delle nostre console, per lungo tempo ci siamo domandati quanto ancora avremmo dovuto attendere prima che dei colossi nipponici del calibro di Bandai Namco e Koei Tecmo Games annunciassero una trasposizione videoludica di Fairy Tail. Avendo a disposizione un circo di personaggi pressoché infinito e stravagante, l'opera partorita dalle matite del geniale Hiro Mashima si presta infatti a numerosi generi ludici, in particolare musou e picchiaduro (non a caso, non molto tempo fa, ve ne avevamo parlato in uno speciale sugli anime che potrebbero diventare videogiochi).

    La recente messa in onda della terza e ultima stagione dell'anime sembra aver velocizzato le cose, tant'è che i ragazzi di Gust Corporation - già autori della serie Atelier - hanno sfruttato il palcoscenico del Tokyo Game Show 2019 per annunciare a sorpresa un RPG a tema Fairy Tail. Il prodotto, di cui al momento abbiamo poche informazioni, esordirà in tutto il globo su PlayStation 4, Switch e PC nel corso del 2020. In attesa che ciò avvenga, proviamo a far luce su quel che dovremmo aspettarci da questo fatato tie-in.

    Dall'Isola Tenro con furore

    Nella breve finestra temporale compresa fra l'annuncio del progetto e la presentazione ufficiale di Fairy Tail, avvenuta con tanto di live stage presso il TGS, le domande principali che tutti ci siamo posti circa il tie-in riguardavano il suo comparto narrativo. Come i fan sapranno, il manga di Fairy Tail si è concluso nel 2017, dopo undici anni di serializzazione, e si compone di ben 63 volumetti; a ragion veduta, la storia narrata dal mangaka tuttofare per eccellenza appariva ai nostri occhi davvero esagerata e troppo longeva per poter essere trasposta nella sua totalità con un unico tie-in, tant'è che abbiamo addirittura ipotizzato che questo potesse invece basarsi su un racconto più breve e del tutto originale.

    Durante la kermesse nipponica, invece, è emerso che il gioco di ruolo di Fairy Tail salterà la prima metà della vicenda e partirà direttamente dal combattimento finale dell'Isola Tenro: lo scontro fra Hades, Master della gilda oscura Grimoire Heart, ed il Team Natsu fungerà infatti da prologo, di conseguenza il titolo verrà ambientato precisamente dopo il salto temporale di ben sette anni avvenuto in seguito al terrificante attacco del drago Acnologia.
    Durante l'assenza del Master Makarov e di tutti gli elementi principali (e più potenti) di Fairy Tail, la gilda con sede nella città di Magnolia cadrà nel profondo stato di disgrazia già visto nel manga e nell'anime omonimo. Di conseguenza i giocatori, nei panni di Natsu Dragneel e compagni, avranno l'importante compito di ricostruire la sede ed il buon nome di quella che un tempo veniva da tutti considerata come "la gilda più potente del Regno di Fiore".

    E quale occasione potrebbe essere più ghiotta della partecipazione al prestigioso Gran Palio della Magia che si tiene ogni anno e che vede contrapposte le gilde magiche dell'intero continente orientale? Lo staff di Gust ha già confermato che l'entusiasmante torneo fra maghi si collocherà a metà avventura, lasciando dunque ipotizzare che la campagna principale potrebbe terminare dopo la sconfitta di un certo antagonista venuto dal futuro (non lo menzioniamo per evitare spoiler a chiunque non conosca l'opera a menadito) o comunque subito dopo la disfatta della gilda oscura Tartaros, ossia dove terminò anche la seconda stagione dell'anime.

    La seconda ipotesi è forse la più plausibile, poiché lascerebbe abbastanza materiale ad un ipotetico sequel focalizzato invece sulla guerra conclusiva fra le forze dello Stregone Oscuro Zeref, indiscusso sovrano dell'Impero di Alvarez, e le gilde magiche del continente di Ishgal, ovvero la porzione di trama che gli animatori di Fairy Tail hanno utilizzato per dar vita alla prorompente stagione finale della popolare serie televisiva.

    In ogni caso, il tessuto narrativo del prodotto includerà molti contenuti cui cimentarsi dopo aver raggiunto i titoli di coda e addirittura presenterà episodi originali creati in collaborazione col sensei Mashima. Attraverso missioni speciali e dialoghi opzionali, questi approfondiranno probabilmente la caratterizzazione dei personaggi, i rapporti fra le varie gilde e, più in generale, sveleranno nuovi retroscena sul vastissimo mondo di Fairy Tail, senza però interrompere o disgregare il naturale corso degli eventi.

    Sfortunatamente il publisher non ha voluto fornirci alcun dettaglio sulle già annunciate storie extra, ma il coinvolgimento dello stesso Hiro Mashima nel progetto - che ricordiamo fungerà da supervisore generale - dovrebbe comunque assicurare la buona riuscita delle stesse: già in passato, se ricordate, il mangaka aveva ideato interessanti scenari inediti e inclusi esclusivamente nell'anime, al fine di approfondire il racconto e sfruttare le molteplici idee che durante la realizzazione del manga non aveva potuto trasporre su carta e inchiostro. Fra esilaranti gag umoristiche al limite della decenza e momenti di epico eroismo, il risultato finale potrebbe rivelarsi ancora una volta mozzafiato!

    Sono tutto un fuoco!

    Dinanzi alle premesse ludiche del prodotto, è impossibile non aprire questo paragrafo con l'espressione che il protagonista Natsu Dragneel utilizza prima di ogni suo combattimento. Se la scelta di tradurre Fairy Tail in un RPG ci aveva inizialmente lasciati interdetti, la promettente formula adottata dai maestri di Gust Corporation ha subito fugato qualsiasi dubbio, in quanto si adegua alla perfezione ai costumi che caratterizzano l'immaginario di Mashima.

    Esattamente come accade nel manga originale, il titolo vedrà i suoi protagonisti alle prese coi numerosi incarichi assegnati alla gilda, i quali li porteranno a soggiogare orde di mostri agghiaccianti, sventare piani diabolici di organizzazioni criminali, esplorare luoghi fantastici e bizzarri, e così via. Come risultato, la sede della gilda Fairy Tail crescerà esponenzialmente, finirà addirittura per ospitare un laboratorio di ricerca, riceverà incarichi sempre più difficili e prestigiosi, e soprattutto potrà accogliere un maggior numero di adepti. Come avviene nella serie Atelier, il gioco di ruolo godrà di una mappa del mondo che collegherà la città di Magnolia e la capitale floreale di Crocus a tutte le altre location visitate dai nostri beniamini, le quali pulluleranno di NPC con cui dialogare, negozi in cui rifornirsi, tesori da rinvenire e innumerevoli nemici da sbaragliare. Stando alle immagini diffuse dallo sviluppatore, la stessa Magnolia è stata ricreata in maniera molto fedele all'originale, con tutte le sue attrazioni principali, come ad esempio la gigantesca Cattedrale Caldia situata al centro della città e la strada in riva al fiume che conduce all'accogliente appartamento della co-protagonista Lucy Heartfilia. Un luogo, questo, in cui i vari membri del Team Natsu si sono introdotti senza il permesso della fanciulla, provocandone le reazioni più impensabili e spassose.

    Chissà che proprio la casa di Lucy, lontano dai riflettori e dalla baraonda provocata quotidianamente dai maghi guerrieri di Fairy Tail, non possa dunque fungere da HUB secondario o comunque ospitare delle quest secondarie incentrate sulla bellissima Maga degli Spiriti Stellari. Nulla vieta, ad esempio, che al temine della campagna venga esplorata proprio la vita quotidiana che la ragazza ha dovuto assumere nei dodici mesi successivi all'improvviso scioglimento della gilda, ossia prima che il compagno Natsu tornasse a infiammare la sua intera esistenza.

    Per quanto concerne il gameplay, lo studio Gust ha rivelato di aver optato per un sistema di combattimenti a turni - non una sorpresa se consideriamo l'esperienza pregressa che lo sviluppatore ha accumulato in ventidue anni di Atelier - che vincolerà tanto le azioni dei componenti del party, quanto quelle dei nemici ingaggiati nei dungeon. Gli scontri, in ogni caso, non saranno affatto casuali, ma sfrutteranno la formula degli "encounter": similmente a quanto avviene, ad esempio, negli episodi delle serie Ni no Kuni o Tales of, le lotte avranno inizio non appena i nostri eroi entreranno in contatto col nemico. Sfortunatamente i video finora pubblicati dal publisher non ci hanno permesso di visionare il menu di battaglia, ma soltanto i vari attacchi speciali dei cinque protagonisti assoluti di Fairy Tail.

    È comunque probabile che il combat system preveda gli attacchi classici (come le spadate di Erza o i poderosi cazzotti di Natsu) e tutte le appariscenti tecniche magiche che abbiamo potuto ammirare nel corso dell'anime. Secondo quanto specificato, attacchi speciali come l'Uranometria di Lucy e la Bufera del Drago Celeste di Wendy richiederanno il dispendio di MP, che tuttavia potranno essere recuperati ogni volta che sconfiggeremo un nemico.

    Soddisfacendo particolari condizioni, addirittura sarà possibile ricorrere agli attacchi magici combinati anche noti come Unison Raid e ai cambi di forma dei Dragon Slayer (il più recente trailer ci ha infatti mostrato l'inarrestabile modalità "Drago del Fulmine Infuocato" del protagonista Natsu). Ai suddetti si aggiunge infine la possibilità di richiedere l'intervento dei compagni di gilda che, per esempio, consentirà al Master Makarov irrompere sul campo di battaglia per poi scatenare il portentoso incantesimo "Fairy Law". Tanti elementi, in definitiva, che lasciano presagire il confezionamento di un prodotto non solo incoraggiante, ma soprattutto in grado di preservare la natura caotica e inarrestabile dell'opera di Mashima.

    Guilds' Finest

    L'unica nostra reale "riserva" su questo intrigante tie-in di Fairy Tail riguarda, come prevedibile, il numero di personaggi giocabili: trattandosi di un gioco di ruolo e non di un picchiaduro, è lecito aspettarsi che i combattenti controllabili in battaglia non siano poi tanti. Il team di Gust non ha voluto rivelare il numero esatto di personaggi giocabili previsti dal titolo - probabilmente perché il roster non è ancora definitivo - ma perlomeno ha specificato che saranno più di dieci. Quelli già confermati sono ovviamente Natsu Dragneel, Lucy Heartfilia, Gray Fullbuster, Erza Scarlet e Wendy Marvel, ma a giudicare dalle silhouette nere mostrate durante il TGS, a questi se ne aggiungeranno altri dieci.

    Finora abbiamo potuto distinguere chiaramente il Dragon Slayer del Ferro, Gajeel Redfox, la "donna della pioggia", Juvia Lockser, ed il leader della gilda indipendente Crime Sorcière, Jellal Fernandes, ma alcuni particolari delle silhoutte potrebbero suggerire la presenza dei Draghi Gemelli della gilda Sabertooth, Sting Eucliffe e Rogue Cheney, nonché del tonante Laxus Dreyar. Dopotutto, Gust ha già confermato che i giocatori potranno inserire nelle proprie squadre anche i personaggi appartenenti alle altre gilde, ragion per cui supponiamo che almeno i migliori esponenti di ciascuna di esse riescano a trovare il dovuto spazio nel roster giocabile.

    Fairy Tail Nonostante i titoli Gust non appartenenti alla saga di Atelier ci abbiano spesso delusi, le informazioni finora divulgate sul progetto legato a Fairy Tail lasciano presuppore che lo sviluppatore nipponico tirerà fuori dal cilindro una trasposizione ludica molto fedele alla rocambolesca epopea cartacea disegnata da Hiro Mashima. Quantomeno, la speranza è che il prodotto finale riesca a distinguersi dai tanti picchiaduro (spesso mediocri) che affollano da tempo immemore i cataloghi delle nostre piattaforme da gaming, e considerando che lo sviluppo è ormai giunto al 50% non dovremo aspettare nemmeno troppo tempo per calarci finalmente nei panni del turbolento Natsu e spazzare via intere schiere di nemici col suo Ruggito del Drago di Fuoco.

    Quanto attendi: Fairy Tail

    Hype
    Hype totali: 17
    78%
    nd