Final Fantasy 7: Shinra Corporation, Cloudette e Red XIII nel nuovo trailer

Accompagnato dalle note di Hollow, il recente trailer di Final Fantasy VII Remake ci ha mostrato i nuovi design di Jenova, Leviathan e Red XIII.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • È innegabile che gennaio 2020 sia stato un mese poco entusiasmante per i fan di Square Enix, che hanno dovuto assistere al rinvio di Final Fantasy VII Remake e Marvel's Avengers. Per ingannare l'attesa e provare a farsi perdonare per i trenta giorni di ritardo con cui il primo episodio di Final Fantasy VII Remake si presenterà nei negozi, il publisher nipponico ha ben pensato di pubblicare in rete un nuovo trailer, accompagnato stavolta dal brano intitolato "Hollow", ossia il tema che i giocatori potranno ascoltare solo durante lo scorrimento dei titoli di coda.

    Visibile in apertura all'articolo, il filmato è semplicemente straordinario e ammaliante, ma anche traboccante di contenuti ad alto tasso di spoiler per chiunque non abbia mai "affrontato" il capolavoro del 1997 nella propria versione originale. Suggeriamo quindi la visione del trailer e la lettura della relativa analisi soltanto ai fan della prima ora e a chiunque non tema importanti anticipazioni circa la trama del prodotto.

    L'idolo d'infanzia divenuto la nemesi di Cloud

    Non è un segreto che i nemici principali di Cloud e compagni nel primo episodio di Final Fantasy VII Remake saranno la Shinra Corporation e i suoi Turks, eppure il nuovo trailer del progetto ha voluto dedicare un'ampia finestra al carismatico personaggio di Sephiroth e al drammatico legame tra il leggendario SOLDIER e il protagonista della settima fantasia finale.

    Il video si apre infatti nelle vicinanze del mulino di una Nibelheim spensierata e vivace, dove un Cloud ancora molto giovane e idealista rivelava all'amica Tifa di volersi trasferire nella caotica città di Midgar per poter inseguire il proprio sogno nel cassetto: diventare un valente SOLDIER come Sephiroth, che per il ragazzo dai capelli a punta è sempre stato un idolo e un modello da seguire. Un cambio di scena ci riporta poi nel presente per mostrarci il primissimo incontro fra gli increduli ribelli di AVALANCHE e lo spadaccino a lungo creduto morto, anticipando agli spettatori un assaggio delle spaventose capacità belliche vantate dal vero nemico di Cloud e compagni. Alternando sequenze narrative a piccoli frammenti di gameplay, il trailer torna in effetti diverse volte sul personaggio di Sephiroth, sulla profetica faida con Cloud, e sulla raccapricciante creatura alle sue spalle, che forse potremmo addirittura considerare una delle assolute protagoniste del trailer. Se il primo scontro con Jenova, nella versione originale di FF7, avveniva soltanto durante il viaggio verso Costa del Sol - quindi molto tempo dopo i fatti ambientati nella città di Midgar - il remake sembra deciso a riscrivere almeno in parte la cronologia degli eventi, anticipando di parecchio il primissimo combattimento tra l'AVALANCHE e la possente creatura.

    A giudicare dalle immagini, il primo episodio di FF7R includerà infatti una delle boss fight più iconiche della settima fantasia finale, in quanto Tifa e gli altri saranno chiamati a respingere assai prima del tempo un gigantesco essere multiforme e agghiacciante, nonché dotato di parecchi tentacoli in grado di spuntare dal terreno per travolgere i malcapitati avversari.

    Complice un'ambientazione piuttosto macabra, non è escluso che la battaglia "inedita", che per giunta vedrà i nostri alle prese con bersagli multipli e corrosivi attacchi a distanza, possa addirittura rivelarsi uno dei momenti più potenti e impegnativi dell'intero episodio, dimostrando la volontà del team di Nomura di espandere e affinare il già sublime comparto narrativo di FF7.

    Le alte sfere della Shinra Corporation

    Se nel trailer mostrato in occasione dello scorso TGS (per saperne di più, consultate la nostra precedente anteprima di Final Fantasy VII Remake) avevamo potuto ammirare in azione Reno, Rude e gli altri componenti dei Turks, stavolta Square Enix ha trascinato per la prima volta sul palcoscenico i pezzi grossi della Shira Corporation, come lo stesso presidente Shinra, il fedele Heidegger dalla risata detestabile o il direttore Reeve Tuesti, che già alla sua prima apparizione tentava con foga di convincere gli altri due a desistere dalla folle idea di distruggere una certa area, rivelando un'integrità interiore non esattamente in linea con gli abietti metodi dell'azienda.

    Sicuramente più consona alla loro posizione all'interno della Shira è invece la presentazione dell'avvenente scienziata Scarlet e dell'infantile direttore Palmer: se la prima, immortalata all'interno del proprio laboratorio, dà prova del profondo sadismo utilizzando un soldato al pari di un poggiapiedi, il secondo viene dipinto come un uomo capriccioso, puerile e sempre pronto a lamentarsi di problemi futili, come ad esempio l'aver terminato le scorte di burro. Tra una scena di battaglia e l'altra troviamo quindi uno degli antagonisti più contorti e importanti per la Compilation di Final Fantasy VII, ossia l'uomo disposto a non curarsi del benessere degli altri esseri viventi pur di testare le proprie ipotesi e teorie. Un superuomo, un genio, o un autentico pazzo, l'arrogante professor Hojo è nel trailer un estasiato spettatore della "toccante riunione" fra Cloud e Sephiroth, ignari che proprio il loro scontro stia venendo filmato per dimostrare una teoria del folle ricercatore.

    In Final Fantasy VII Remake, ad ogni modo, non compariranno solo i personaggi presenti nell'edizione originale, ma anche una serie di new entry potenzialmente interessanti, soprattutto agli occhi di chi ancora oggi ricorda a menadito l'epopea di Cloud e compagni. È il caso di citare il guerriero inedito introdotto soltanto nel trailer del TGS 2019: un ex-SOLDER di nome Roche, che a quanto pare ce l'ha morte con Cloud, al punto tale da arrivare a inseguirlo per le strade di Midgar pur di ottenere un "secondo ballo" soggetto a diverse interpretazioni.

    È mai possibile che proprio il biondo spadaccino sia stato la principale causa della rovinosa caduta di Roche? E soprattutto, l'ipotetica faida tra i due guerrieri ha avuto inizio durante i fatti narrati in FF7R o prima ancora che Cloud si unisse ai ribelli di AVALANCHE? Certo è che la presenza di storie come quella di Roche, se numerose e ben impiantate all'interno dell'intreccio principale, potrebbe giustificare la decisione di Square Enix di ambientare il primo episodio dell'attesissimo remake nella sola Midgar e nei suoi non pochi territori limitrofi.

    Un primo sguardo all'adorabile "Cloudette"

    Come i fan più attenti ricorderanno, uno dei precedenti trailer di Final Fantasy VII Remake ci aveva mostrato il nuovo aspetto dell'ambiguo Don Corneo, un personaggio al centro di quella che tutti ricordiamo come la scena più spinosa e divertente del gioco. Ebbene, il nuovo video ha invece trascinato Cloud nell'Honey Bee Inn, il vivace locale del Settore 6 in cui l'eroe biondo verrà truccato e vestito da donna, in modo tale che possa entrare nelle grazie (e nelle stanze) del già menzionato Don Corneo.

    Tra balletti, costumi improponibili e giochi di luce, la scena tanto temuta dai fan non perderà nemmeno una briciola della propria carica ironica originale, e addirittura "Cloudette" potrà essere controllata per le strade del ghetto, con conseguenze spassose che al momento possiamo solo immaginare. Va comunque detto che Cloud, anche con trucco, treccine e abiti femminili, non sembra neanche lontanamente una donna, anche a causa di una pettinatura poco convincente. Se pensavate che i capelli a punta dell'eroe sarebbero stati stirati o comunque pettinati in maniera differente, per riadattare in maniera assai più realistica la suddetta scena e provare a nascondere il sesso del protagonista, il prodotto finale potrebbe mettervi dinanzi a una soluzione meno convincente e credibile.

    Il ritorno di Red XIII e delle Summon

    Non ce vogliano Jenova, Sephiroth e tutti gli altri personaggi comparsi nel video, ma la scena più impattante dell'intero trailer è senza dubbio quella che ha reintrodotto (alla buon ora!) il caro Red XIII, la cui assenza nei precedenti asset di FF7R stava diventando sempre più assordante e fastidiosa, soprattutto se consideriamo che l'uscita del gioco è ormai vicinisima.

    Maestoso ed elegante, il lupo dalla folta pelliccia rossa è piombato al centro della scena con tutte le perle, gli orecchini e le piume previste dal suo storico e irresistibile look, sconvolgendo Tifa e gli personaggi a causa della sua incredibile capacità di comprendere e utilizzare il linguaggio umano. Quasi a voler ribadire quanto ancora oggi nessuno sappia esattamente che cosa sia Red XIII, "Io sono soltanto quello che vedete dinanzi a voi. Niente di più." è appunto una delle due battute del personaggio, le cui vere origini rimarranno con tutta probabilità un mistero irrisolto e affascinante, proprio come 23 anni fa.

    Infine, una serie di scene di azione rivelano che il giocatore, fra le altre cose, potrà controllare Cloud persino nelle situazioni più impensabili, spingendolo magari a intrufolarsi all'interno di un condotto di aerazione nella sede principale della Shinra Corporation (come ad esempio quelli collocati al 63° piano della struttura). Non meno interessante è la presenza di materie ed evocazioni che, nel gioco originale, erano reperibili solo dopo aver lasciato Midgar in via definitiva.

    La Chocobo & Moogle (al tempo nota semplicemente come Choco/Mog), per esempio, permetterà al giocatore di richiedere l'intervento delle due creature, che appunto combatteranno per qualche tempo al fianco di Cloud e compagni e, al momento di lasciare il campo di battaglia, scateneranno contro i nemici un intero branco di Chocobo furiosi. Nel trailer, inoltre, abbiamo assistito all'evocazione di un Leviathan maestoso e caratterizzato da un design molto vicino all'originale. Peccato soltanto che il suo unico attacco finora mostrato non ci sia parso particolarmente scenografico, anche perché, con tutta probabilità, non si è trattato del travolgente Tsunami.

    Final Fantasy 7 Remake Trailer dopo trailer, Final Fantasy VII Remake si conferma un titolo ammaliante e promettente, nonché votato alla sublimazione di un universo già impressionante e indimenticabile. Tra boss fight inedite e intriganti personaggi assenti su PlayStation One, senza dimenticare la presenza di evocazioni ottenibili soltanto nelle fasi avanzate del gioco originale, si direbbe che Tetsuya Nomura ed il suo team abbiano alterato la scaletta degli eventi anche più di quanto avessimo originariamente ipotizzato, spalancando la porta a potenziali sorprese di ogni tipo. Augurandoci che la tanto chiacchiera demo di FF7R approdi davvero sugli store digitali, magari a distanza di qualche settimana dalla nuova data di uscita del prodotto, al momento non possiamo far altro che inchinarci dinanzi al lavoro compiuto da Square Enix, che dopo alcuni passi falsi sembra aver finalmente ritrovato la retta via.

    Quanto attendi: Final Fantasy 7 Remake

    Hype
    Hype totali: 385
    87%
    nd