Anteprima Gears of War: Judgment

Una nuova modalità di gioco per il titolo People Can Fly!

anteprima Gears of War: Judgment
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il panorama delle esclusive, per la stampa come per i videogiocatori, è da sempre stato metro di paragone per il confronto tra le varie console. Indimenticabili lotte si sono viste all'interno delle community sparse per il web a "colpi d'esclusiva" e le stesse aziende responsabili della produzione di questa o quella console sono costantemente in battaglia sul terreno delle esclusive. Quello dei titoli in uscita per una sola piattaforma, dunque, è un "buisness" molto importante, un biglietto da visita fondamentale in una generazione con sempre meno varietà da offrire ai suoi fruitori. Un minimo di mente locale da oggi a Marzo 2013, a questo punto, ci mostra come in questa "lotta futura", la potenziale vincitrice potrebbe tranquillamente essere Sony, che al suo attivo avrà due produzioni come The Last of Us e Beyond: Two Souls. Microsoft, in ogni caso, non sembra essersi seduta completamente sugli allori e, con alla testa Halo 4, ha in previsione una line-up ad anticipare quella devastante della softco nipponica per i primi mesi del 2013. L'ultima di questa serie di esclusive, in arrivo il 19 Marzo 2013, sarà proprio il Gears of War Judgment in oggetto quest'oggi. In oggetto poiché nel corso del Comic Con 2012, in corso di svolgimento a San Diego, il team di sviluppo (che ricordiamo essere People Can Fly!) ha mostrato una nuova modalità, Overrun, dando anche una completa disanima sulle classi presenti nelle modalità multiplayer.

Offerta completa

Quella di Overrun è una modalità che va sostanzialmente a completare il comparto multiplayer di Gears of War, aggiungendo una game mode ad obiettivi delle più classiche (Search & Destroy), ancora non presente nel masterpiece Epic Games. Si tratterà sostanzialmente di distruggere o difendere un generatore, a seconda dello schieramento del quale faremo parte. I COG, ovviamente, si troveranno in difesa - le Locuste in offesa. Ogni match vedrà le squadre impegnate in un turno d'attacco e uno di difesa: chi riuscirà a distruggere il generatore in questione più velocemente avrà vinto la partita. I COG, non bastasse, dovranno anche difendere le fortificazioni (a filo spinato) che già abbiamo imparato a conoscere in modalità Orda 2.0, con l'unica differenza che, in Overrun, non si potranno ricostruire ma solo riparare. Una volta distrutte, dunque, non ci sarà altro a proteggere quel lato della mappa dai feroci assalti delle locuste.
A fare tutta la differenza del mondo, in questa particolare modalità, le classi - già brevemente presentate nel corso dell'E3 2012 ma sviscerate in maniera ben più completa solo in quel di San Diego. Partendo dai ben più amichevoli umani troviamo l'Ingegnere, il Soldato, il Medico e lo Scout, ognuno con le sue abilità peculiari. L'Ingegnere avrà con se una particolare "pistola" in grado di riparare le fortificazioni semplicemente avvicinandovisi e puntandole come fosse una normale arma da fuoco. Operazione molto rischiosa dato che difficilmente potrà essere svolta da un punto sicuro e riparato; per questo motivo alla classe in questione People Can Fly! ha aggiunto un'altra interessante peculiarità: la possibilità di estrarre e piazzare una torretta difensiva, automaticamente tarata per abbattere i nemici in avvicinamento. Accanto all'Ingegnere, come si diceva, il Soldato. Questa è una classe prevalentemente offensiva e per questo equipaggiata con le armi più potenti. Tuttavia, in un'ottica teamplay come quella di Overrun, anche il Soldato avrà qualche abilità peculiare atta a contribuire al gioco di squadra. Si tratta della facoltà di lasciare sul campo di battaglia casse di rifornimenti tramite le quali i compagni possano ricaricare i loro munizionamenti. Nelle lotte più strenuanti, dunque, il "semplice" Soldato si rivelerà estremamente importante, contribuendo alla fase offensiva con la sua dotazione e al mantenimento delle armi alleate cariche e pronte a far fuoco. Ancor più importante sarà però il Medico, l'unica classe umana di sesso femminile presente in Gears of War: Judgment. Oltre alla possibilità di attaccare (sfruttando però bocche da fuoco molto meno potenti) il Medico potrà lanciare una granata curativa, estremamente utile soprattutto per il suo raggio d'azione abbastanza esteso. Questo particolare aggeggio non solo curerà ogni COG nel suo raggio d'azione ma sarà anche in grado di riportare in salute (a distanza) gli alleati in fase di dissanguamento. Scavando tra le fila umane, infine, troviamo lo Scout, classe che si descrive da sola già dal nome. Si tratta di un personaggio dotato di un'agilità superiore alla media e per questo in grado di arrampicarsi sugli ostacoli più alti (dove solo lui avrà accesso) per appostamenti e tiro di precisione. Già solo grazie a questo fattore, in grado di ampliare la "dimensione verticale" della mappa, la varietà delle partite risulterebbe notevolmente incrementata. Ma lo Scout potrà spingersi ben oltre. A sua disposizione infatti un particolare segnalatore che, lanciato sul campo, segnalerà la posizione di tutti i nemici nelle immediate vicinanze, anche attraverso i muri. Molto interessante notare come ogni nemico taggato dal dispositivo in questione riceva danni extra se colpito mentre ancora nel raggio di rilevamento. Anche quest'ultima classe, come tutte le altre, partirà con una dotazione base personalizzata; in seguito potremo essere noi, grazie ai punti esperienza accumulati, ad incrementarne la varietà.

Dai COG alle Locuste il passo è breve e le differenze piuttosto sostanziali. Partendo dai ranghi più bassi troviamo gli odiosi Ticker, animaletti con la capacità di tagliare progressivamente il filo spinato delle barricate coi loro artigli, farsi esplodere in prossimità e sprintare molto velocemente per sfuggire ai carnefici. Pagheranno naturalmente questa velocità con una stazza esigua ed una resistenza ai proiettili assolutamente commisurata. Risalendo la cima incontriamo i Wretch, seconda ed ultima classe senza una dotazione bellica vera e prorpia. Muovendosi grazie alle sole gambe i Wretch potranno sfruttare la loro agilità scimmiesca per saltare d'un balzo le barriere protettive ed attaccare i generatori coi loro artigli e scovare e tramortire i cecchini accuratamente appostati (arrampicandosi nei loro nascondigli). Infine, grazie alla potenza della loro voce, saranno in grado di produrre un urlo che paralizzerà per qualche secondo le truppe nemiche a breve distanza. Proseguendo la lunga catena alimentare delle Locuste troviamo i Granatieri, una classe di soldati equipaggiati con un numero particolarmente cospicuo di granate a frammentazione, arma principale per seminare morte e distruzione sul campo di battaglia. Il Granatiere, parlando di Locuste, sarà una delle due classi a poter montare un BloodMount, la versione "sotterranea" dei cavalli - una creatura capace di rendere i soldati più veloci ed aumentare esponenzialmente la distanza massima di lancio per le granate.

"Overrun è una modalità che va sostanzialmente a completare il comparto multiplayer di Gears of War, aggiungendo una game mode ad obiettivi delle più classiche (Search & Destroy), ancora non presente nel masterpiece Epic Games"

Immediatamente a seguire c'imbattiamo nella seconda delle classi a poter sfruttare quest'orrida (esteticamente) cavalcatura - il Kantus. Si tratta della controparte medica degli invasori: una classe in grado però di ripristinare la salute e rivitalizzare i compagni a terra tramite un'abiità innata (una sorta di magia sciamana). Il Kantus si rivelerà dunque ancor più pericoloso (o utile), dato che potrà seguire i suoi commilitoni curandone le ferite contemporaneamente, senza bisogno di estrarre strane strumentazioni. Anche per lui la "cavalcatura" del BloodMount significherà espandere il raggio dell'healing circle. Dai bipedi (BloodMount permettendo) si passa nuovamente alle creature striscianti o su quattro zampe incontrando il Corpser, una sorta di gigantesca mano corazzata. Gli artigli a formare le ipotetiche dita, sul frontale, lo renderanno terribilmente ostico da abbattere, dandogli contemporaneamente la facoltà di sfondare facilmente le barricate e scavarsi una via d'accesso preferenziale a qualsiasi area attraverso il sottosuolo. Oltre ad essere fenomenali barriere, tali artigli, fungeranno da unica e terribile arma offensiva dei Corpser. Ad affiancarli, tra le creature più disgustose in ambito Locuste, i Serapede, simil-insetti ai quali una dura scorza superficiale offirà una sostanziale barriera contro il fuco nemico. Oltre alle zanne, questi millepiedi striscianti potranno alzarsi sulle zampe di mezzo per sputare veleno addosso ai COG anche a distanza. L'unica maniera sicura per eliminare tali creature sarà coglierle alle spalle e disintegrarle pezzo pezzo, a partira dalla "coda". Il reparto "bestialità" chiude i battenti con l'immancabile Mauler, un colosso da far paura al più duro dei COG, armato di scudo pesante e di pesantissima mazza ferrata, con cui schiacciare il fragile cranio degli esseri umani come fosse cristallo. Dalla sua il Mauler non avrà solo la stazza (che gli donerà resistenza al costo di un'agilità davvero ridotta) ma anche la facoltà di far ruotare vorticosamente lo scudo: una doppia funzione che gli consentirà di rispedire al mittente qualsiasi proiettile e di affettare ferocemente qualsiasi essere umano gli capiti a tiro. Ognuna di queste classi, ovviamente, andrà sbloccata guadagnando punti per uccisioni e distruzione di generatori nel corso delle varie partite.
Con tutte queste caratteristiche all'attivo, per quanto Overrun non proponga nulla di così innovativo nel panorama degli shooter, la modalità si mette in ottima luce, proponendo interessantissime alternative e puntando fortemente sul gioco di squadra - che non fa mai male. Bisognerà valutare soltanto la qualità del level design a questo punto e la quantità e varietà di mappe messe a disposizione -si spera- esclusivamente per questa game mode.

Gears of War: Judgment Per quanto l’idea di un Gears of War da People Can Fly! non ci riesca ad esaltare più di tanto, non possiamo fare a meno di elogiare le aggiunte (classi su tutte) che il team responsabile di Bulletstorm sta apportando al brand Epic, regalandogli, forse, ancora qualche momento di gloria in quest’oramai stanca generazione. Overrun è poi l’ennesimo esempio di come, alle volte, basti qualche interessante variazione per smuovere un pò le acque di un brand di successo, senza voler perforza reinventare un’intera intelaiatura ludica. Il tutto, per ora, promette bene. Staremo a vedere nel prosieguo quali altre novità il dev team avrà riservato ai giocatori.

Che voto dai a: Gears of War: Judgment

Media Voto Utenti
Voti: 28
7
nd