Gollum per PS5 e Xbox Series X: le ultime novità sul gameplay

Gollum debutterà nel 2021 su PlayStation 5 e Xbox Series X, ecco le novità sul prossimo gioco di Daedalic ispirato a Il Signore degli Anelli.

The Lord of the Rings Gollum
Speciale: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Daedalic ha tra le mani un vero "tesoro". Una licenza assai preziosa, quella de Il Signore degli Anelli, che merita senza dubbio di essere sfruttata a dovere. Dopo le ottime prove di Monolith con L'Ombra di Mordor e L'Ombra della Guerra, The Lord of The Rings: Gollum segna il ritorno nelle Terre videoludiche della mitologia di Tolkien, questa volta addirittura in formato next gen. Di recente, grazie a un ricco coverage in esclusiva della rivista tedesca GameStar, sono emerse le prime immagini del progetto per PS5 e Xbox Series X di Daedalic Entertainment, a cui hanno fatto seguito anche nuovi e intriganti dettagli sul gameplay della produzione, che abbandona i toni action dell'avventura di Talion per abbracciare un avanzamento basato interamente sullo stealth.

    Quando Smeagol incontra Gollum

    Proprio come nella trilogia letteraria, il protagonista del titolo sarà una figura assai complessa, con la quale il giocatore - stando agli obiettivi del team - potrebbe provare una forte dose di empatia. Un personaggio a metà strada tra la repulsione e la tenerezza, la debolezza e l'astuzia.

    Sul piano del design, la creatura concepita dal team si situa in una via di mezzo tra la visione del romanzo e quella del film, in modo tale che abbia una sua unicità ma risulti comunque familiare ai fan sia della trilogia cinematografica sia di quella cartacea. Con una licenza di tale portata, Daedalic ha potuto prendersi qualche libertà nella messa in scena del racconto, pur restando il più possibile fedele all'opera di partenza, senza mai snaturarne la mitologia alla base.

    Nel gioco la doppia personalità di Gollum emergerà costantemente, e le due voci interiori del protagonista comunicheranno durante tutto il corso dell'avventura. Da una parte, Smeagol tenterà una via di fuga dalle situazioni più pericolose, mentre Gollum cercherà un approccio più diretto per fronteggiare le minacce. Il team ha lavorato duramente per bilanciare questi due stili anche sul piano delle possibilità offerte dal level design. Nell'esperienza, la doppia personalità del protagonista si manifesterà sotto forma di decisioni da selezionare a schermo: le scelte caratterizzate dal colore verde apparterranno a Smeagol, mentre quelle rosse a Gollum.

    Il menù di selezione varierà in base al nostro precedente comportamento: nel caso in cui agissimo come un assassino silenzioso, ad esempio, le scelte rosse, convenzionalmente identificate come negative, saranno più grandi e invasive. Se nei dialoghi interiori sceglieremo un approccio più cauto, in contrapposizione al comportamento più aggressivo attuato in precedenza, dovremo vincere la resistenza dell'anti eroe, tramite una sorta di mini gioco che ci accompagnerà nella progressione. Si tratta di una meccanica francamente molto suggestiva, ideale per rappresentare in formato ludico la contorta psiche dell'ex hobbit, ma ovviamente occorrerà valutare di volta in volta quanto le due anime di Gollum impattino sul gameplay. C'è da sottolineare che, in base a quanto rivelato da Daedalic, le decisioni da intraprendere non impatteranno sul finale, bensì sul modo per giungere alla conclusione della storia. In termini di atmosfere, il gioco non sarà basato direttamente sull'opera di Tolkien, e calerà il protagonista all'interno di un'avventura del tutto originale.

    All'inizio della vicenda Gollum verrà interrogato da Gandalf, e gli racconterà la sua storia: lungo le circa 10 ore di gioco, insomma, l'utente vivrà la trama attraverso le memorie della creatura. Per quanto concerne le ambientazioni da visitare, sappiamo che nella prima metà dell'esperienza Gollum sarà impegnato a fuggire dalla torre di Barad-dur, dove è tenuto prigioniero, e in seguito raggiungerà persino Bosco Atro e Cirith Ungol, il passo del Ragno, due luoghi ben noti agli appassionati di Tolkien.

    Nascondersi dove l'ombra cupa scende

    Sul piano ludico, il Gollum che impersoneremo sarà ovviamente un anti eroe molto debole e del tutto privo di armi. Per questo l'avventura sarà totalmente orientata sulle dinamiche stealth, lontana dagli scontri fisici, mortali per il protagonista. Quando possibile, l'ex hobbit deve rimanere nell'ombra e nascondersi dietro le mura: per muoversi, può cambiare rapidamente tre differenti tipi di postura, da una posizione completamente eretta fino alla possibilità di strisciare.

    Le diverse stance influenzeranno la visibilità della creatura e anche la sua mobilità lungo i livelli, da esplorare persino in verticale. Gollum è del resto un hobbit molto atletico, e queste sue abilità saranno molto rilevanti nell'economia dell'avanzamento, utili per raggiungere punti di vantaggio nelle ambientazioni e scovare collezionabili che forniranno nuovi dettagli sulla storyline.

    Come in Zelda: Breath of the wild, l'atto dell'arrampicarsi consumerà un variabile quantitativo di stamina, ma non in ogni circostanza. Finché Gollum manterrà una buona presa con le mani e i piedi, non ci sarà pericolo di perdere energia, mentre quando la situazione diventerà precaria l'indicatore della resistenza comincerà a cedere. In questo modo Daedalic ha provato a creare un buon equilibrio tra la facilità d'approccio e il grado di sfida. Dal momento che l'arrampicata è una caratteristica fondante dell'avventura, il team non ha voluto limitarla eccessivamente, pur inserendo nella progressione la necessità di dosare la stamina nelle occasioni più spinose.

    Il tutto diventerà poi più complesso quando bisognerà scappare dalle guardie: in base al loro grado, del resto, i nemici possono arrampicarsi e seguire incessantemente il protagonista. D'altronde, la verticalità dei livelli è una caratteristica molto importante in un gioco stealth. Come nella serie Styx o nel Batman di Rocksteady, in sostanza, avere un punto di vantaggio dall'alto si rivelerà fondamentale per sopravvivere alle minacce, per valutare i pattern dei nemici e capire come agire.

    In alcune occasioni, avremo inoltre anche l'opportunità di eliminare i bersagli colpendoli alle spalle con una pietra, modificando di conseguenza il temperamento di Gollum. Uccidere gli orchi provocherà poi un forte impatto sulla salute mentale di Gollum, che si ripercuoterà sulle possibilità decisionali già menzionate nel precedente paragrafo, ma il team promette che non ci sarà una netta distinzione tra bene e male all'interno del titolo.

    Tornando alla struttura dell'avanzamento, gli autori hanno rivelato che i livelli alterneranno sequenze più lineari ad altre più ampie, in cui occorrerà orientarsi a dovere per comprendere quale tattica utilizzare. Daedalic ha poi intenzione di limitare al minimo la presenza di elementi a schermo: nella versione osservata dai redattori di GameStar, era presente solo un indicatore che rappresentava la postura di Gollum, disposto nel margine basso della visuale. Ovviamente non mancheranno anche dei segnali visivi utili a comprendere quando il protagonista verrà identificato dalle guardie. Per orientarsi, sarà poi possibile osservare alcuni indizi ambientali, come ad esempio il volo dei pipistrelli, che si dirigeranno sempre verso la via di uscita. E questo è solo uno dei numerosi suggerimenti che il team ha posizionato nelle ambientazioni per facilitare l'orientamento.

    In ogni caso, saranno presenti anche delle mappe, da rubare alle guardie o recuperabili da alcuni personaggi non ostili: durante l'avventura, infatti, il protagonista potrà anche incontrare alcuni preziosi alleati che, se aiutati, ricambieranno il favore facilitandoci l'avanzamento nei livelli. Tra le personalità di spicco che l'ex hobbit avrà l'onore di conoscere, faranno la loro comparsa molti personaggi apparsi nei libri di Tolkien, da Gandalf fino a Thranduil, il padre di Legolas, senza dimenticare qualche altra sorpresa tutta da scoprire.

    Un altro compagno potrà essere poi usato in ogni circostanza: si tratta di un piccolo gufo che può estinguere delle fonti di luce lontane, tagliare corde o abbattere scale, all'interno di piccoli puzzle ambientali che non dovrebbero mai impegnare a fondo il giocatore con enigmi troppo complessi. Per concludere questa panoramica sugli elementi ludici di Gollum, vale la pena segnalare la presenza di un piccolo inventario, nel quale inserire del cibo che ripristinerà la salute o la stamina, oppure degli oggetti chiave per completare la missione.

    The Lord of the Rings Gollum In attesa di vedere in azione questo nuovo stealth game per PS5 e Xbox Series X, i dettagli raccolti dal portale tedesco GameStar delineano il profilo di un titolo piuttosto intrigante. Per quanto Gollum non ci appaia, dalle prime immagini, particolarmente estasiante sul versante grafico, c'è da ammettere che sul piano ludico il gioco potrebbe avere un discreto potenziale. La nostra speranza, allo stato attuale, è che l'ambizione di Daedalic possa rendere sufficientemente onore al fascino immortale de Il Signore degli Anelli.

    Quanto attendi: The Lord of the Rings Gollum

    Hype
    Hype totali: 64
    66%
    nd