Anteprima Grand Theft Auto: Liberty City Stories

Liberty City nel palmo di una mano...

Anteprima Grand Theft Auto: Liberty City Stories
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS2
  • Psp
  • Premessa ( Parental Advisor )

    Il Gioco trattato in questo articolo è destinato ad un pubblico adulto. Molti discorsi circa la moralità con cui viene classificato questo gioco sono stati causa di dibattiti e pesanti critiche. Non è compito nostro giudicare (come fanno in troppi) cosa sia giusto o sbagliato, per tale motivo si consiglia la lettura dell’articolo ad un pubblico adulto.

    E’ uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo

    E’ meglio non fargli perdere le staffe, al Boss, l’ho imparato sulla mia pelle quando io e quell'italo-americano, (come si chiamava? Tommy Vercetti mi pare) siamo andati a far quel lavoretto giù al porto. C’era la nebbia, ricordo bene, e pioveva, pioveva a dirotto quel giorno. Potevi sentire il freddo che ti entrava nelle ossa frantumandole poco a poco. Sapevo cosa fare, ma il mio amico dall’accento italiano no, non lo sapeva affatto. In un attimo, un attimo lungo quanto uno sbatter di ciglio, mi ritrovo la canna gelida della sua pistola sulla tempia. “Dammi i soldi”, disse con tono minaccioso, tipico di chi non te lo chiederà una seconda volta. Chiusi gli occhi, sentii un brivido pervadermi lungo tutta la schiena e proprio all’ora pensai che questa era soltanto un’altra schifosa giornata a Liberty City.

    Tanta libertà, forse troppa?

    Quando i ragazzi della Rockstar hanno composto le prime righe del codice che sarebbe poi divenuto il primo Gta per Playstation one, probabilmente non avevano la minima idea di ciò che il gioco sarebbe divenuto, del successo che nelle vendite avrebbe avuto, dell’approccio che i videogiocatori di tutto il mondo avrebbero avuto con il gioco, dell’innovazione che solo la serie Gta ha effettivamente portato nel mondo dei videogames, ne tantomeno del polverone di polemiche (vedi il recente caso della patch Hot Coffee per Pc e Xbox) che ha sollevato. Il senso di libertà che si respira girando per le strade di Liberty City (il nome è forse un caso?) è stato qualcosa di inimmaginabile, di unico, un passo che in molti hanno tentato nell’ambito videoludico, ma in cui tutte le software house, prima e dopo Rockstar, hanno fallito. La libertà di poter fare qualsiasi cosa voglia il videogiocatore, quindi di essere assolutamente libero da ogni vincolo. Stanco di ripetere sempre quella missione? Nessuno vieta di farne un’altra: con una città ai propri piedi nessuno può fermarti. Cosa? Le forze dell’ordine? Gli swat? Che problema c’è? Porti sempre con te il tuo fido lanciarazzi, dopotutto.

    A spasso con Gta

    Ancora una volta la console portatile Sony mostra i muscoli nel reparto tecnico, sfoderando una grafica molto simile a quella vista con Gta III su Playstation 2. Da questo punto di vista Psp non finirà mai di sorprenderci, e questa volta lo farà proponendoci un’intera città da esplorare, Liberty City appunto. Inizialmente, quando fu stato annunciato Gta per Psp in molti erano scettici: ci si chiedeva come può una console portatile “gestire” un gioco dalle "dimensioni tecniche" immesne. La risoluzione poi proposta in giochi come Spiderman 2 in cui, ad esempio, la città è suddivisa in blocchi proprio per venire incontro alle ridotte capacità della Playstation Portatile, non ha fatto altro che alimentare la paura di non poter più avere quel senso di libertà nel gameplay visto sulle console maggiori. Siamo fieri di annunciarvi che Rockstar ha garantito che non vi saranno limitazioni, ne restrizioni di alcun tipo, quindi saremo liberi di girovagare per le strade di Liberty City, con caricamenti dichiarati "minimi" dai programmatori stessi. Speriamo che queste premesse siano mantenute, altrimenti la giocabilità potrebbe risentirne fortemente. Rockstar assicura anche la presenza delle ben famose stazioni radio che hanno da sempre caratterizzato il gioco: non è ancora stato confermato se sia possibile creare una propria playlist con gli mp3 presenti sulla Memory stick; qualora così fosse non vi resta altro che portare la colonna sonora preferita (vi consigliamo caldamente il sound track delle Iene e Pulp Fiction, che si sposa perfettamente con l’atmosfera del gioco) per render l'esperienza ancora più cool.

    Identico a Gta III ?

    Se pensate che Gta Liberty City Stories sia identico a Gta III vi sbagliate: il gioco è ambientato tre anni prima le vicende narrate in Gta III e ci vedrà nei panni di Tony Cipriani del clan Leone (una “faccia conosciuta” per chi ha già giocato al terzo capitolo della serie), intento a compiere illecite attività per aumentare il proprio potere e rispetto nella città. La trama di Liberty City Stories sarà quindi inedita e la città presenterà notevoli differenze rispetto alla Liberty City che conosciamo: essendo il gioco ambientato tre anni prima non mancheranno sostanziali cambiamenti all’urbanistica delle strade e degli edifici (per esempio troveremo nuove strutture e cantieri edili dove in Gta III sorgeva qualche palazzo). A rendere più varia l’esperienza ludica vi saranno numerose missioni di breve durata, per meglio adattare il gioco alle caratteristiche di Psp (torneranno dunque le commissioni raccolte dai telefoni pubblici), che si andranno ad affiancare a quelle più classiche ed ad alcune dal concept rinnovato: dovremo ad esempio infiltrarci in clan rivali facendo attenzione a non farci riconoscere, camuffando il personaggio nel modo di vestire ed utilizzando apposite vetture. Un’altra novità sarà rappresentata poi dalla possibilità di poter guidare anche le moto, opzione del tutto inedita per Liberty City (i motocicli sono comparse da Vice City in poi). Manca invece l’abilità di poter nuotare, opzione che si è fatta apprezzare nel recente San Andreas, e non vi è neanche la possibilità di poter curare l’aspetto fisico (andando in palestra o riempiendosi il corpo di Tattoo), sempre vista sull’ultimo capitolo della serie. Piccole mancanze certo, ma avrebbero certamente dato quel pizzico in più che non guasta mai.

    GTA Liberty City Stories Con la sua libertà nel gameplay la serie Gta ha stravolto il mondo dei videogames negli ultimi anni: ancora una volta il gioco si candida ad essere una killer application per una console Sony. Rockstar promette, oltre ad un comparto tecnico di tutto rispetto, basato su un motore grafico solido e senza incertezze, alcune innovazioni che dovrebbero giovare sul gameplay. Ma saranno esse sufficienti? Oppure ci ritroveremo nuovamente ad un ottimo porting da Ps2, ma nulla di più? A fine ottobre, data di uscita prevista, avremo finalmente una risposta .Rare volte Rockstar ha deluso i propri fan: non ci resta che confidare nelle loro abilità.

    Che voto dai a: GTA Liberty City Stories

    Media Voto Utenti
    Voti: 65
    6.9
    nd