Harry Potter Magic Awakened: il nuovo gioco mobile sul Wizarding World

Warner Bros e NetEase presentano un app che fonde meccaniche RPG ed elementi tipici dei card game: alla scoperta del nuovo gioco di Harry Potter.

anteprima Harry Potter Magic Awakened: il nuovo gioco mobile sul Wizarding World
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Era chiaro sin dall'annuncio di Harry Potter Wizards Unite che qualcosa si stesse muovendo, in quel di Warner Bros. Qualcosa che, dopo il successo dei primi due film di Animali Fantastici e l'intramontabile passione dei fan nei confronti della serie classica, puntava verso rinascita del franchise di Harry Potter in campo videoludico. Da mesi, d'altronde, i rumor si accavallano l'uno sull'altro in direzione di un fantomatico progetto Tripla A, un RPG a mondo aperto ambientato nello straordinario universo magico creato da J.K. Rowling.

    Il videogame in questione sembra essere ancora lontano dal vedere la luce e, in tal senso, l'annuncio di Harry Potter Magic Awakened (avvenuto pochi mesi fa), ci è sembrato una dichiarazione d'intenti: un eventuale capitolo destinato alle principali console del mercato videoludico profuma sempre più di next gen, ed è un appuntamento che non fatichiamo ad immaginare nel 2021, in concomitanza con l'uscita del terzo episodio di Fantastic Beasts nei cinema di tutto il mondo. Intanto, soprattutto dopo alcune recenti informazioni sul gameplay di Harry Potter Magic Awakened, andiamo alla scoperta del nuovo progetto di Portkey Games, che stando alle premesse potrebbe rivelarsi un'esperienza da non sottovalutare.

    Portkey Games, dal dietro le quinte alle luci della ribalta

    Prima di approfondire tutte le novità ludiche della produzione, giunte in queste settimane grazie a vari video gameplay che ci mostrano una versione alpha del gioco , è necessario specificare si tratta di una collaborazione tra Warner Bros. e il colosso cinese NetEase, che ne ha affidato lo sviluppo al team "specializzato" nei giochi mobile ispirati al Wizarding World. Portkey Games figura infatti come collaboratore di Jam City per Hogwarts Mystery e di Niantic per il gradevole Harry Potter Wizards Unite, ma è proprio con Magic Awakened che la software house punterà al definitivo salto di qualità in veste di sviluppatore ufficiale.

    Possiamo già dirvi che, stando ad una visione del video gameplay di Magic Awakened, il prodotto sembra davvero affascinante. Ad averci colpito è anzitutto l'apparato artistico, che punta su modelli tridimensionali arricchiti da un design peculiare, dal tratto fumettistico, fatto di ombreggiature e disegni che paiono realizzati a mano. Un concept art, insomma, estremamente artigianale e pregevole, che potrebbe rappresentare uno dei principali punti di forza della produzione. Noi speriamo che anche l'Europa riesca a mettervi le mani sopra, poiché al momento l'uscita di Harry Potter: Magic Awakened sembra fissata esclusivamente per il mercato cinese su dispositivi iOS e Android.

    Una nuova generazione di maghi

    Oltre all'aspetto visivo, anche il comparto narrativo pare piuttosto solido: la trama sarà ambientata dopo la Seconda Guerra dei Maghi, cioè dopo la battaglia di Hogwarts che vide il giovane Harry e i suoi compagni di scuola debellare definitivamente la minaccia di Lord Voldemort e dei suoi Mangiamorte. Stando alle immagini, è possibile che sul nostro cammino incontreremo le versioni adulte dei nostri maghi preferiti, come compaiono nel capitolo finale de I Doni della Morte, mentre il protagonista sarà presumibilmente uno studente della nuova generazione di Hogwarts che gli utenti dovranno personalizzare.

    L'avventura chiederà ai giocatori di modellare il proprio avatar attraverso un editor che ci sembra davvero ricco, oltre che graficamente peculiare: come se ci stessimo vestendo in una cabina armadio magica, con tanto di cassetti e ante che si aprono da soli, potremo gestire totalmente l'aspetto e le caratteristiche del nostro personaggio sin dalle origini. Dalla consegna della lettera, per mano di Rubeus Hagrid in persona, alla consueta preparazione di Diagon Alley, culminante nella scelta della bacchetta presso la bottega di Olivander, senza dimenticare il leggendario smistamento in una delle quattro Case per mano del Cappello Parlante.

    Purtroppo non abbiamo altri indizi sulla campagna principale, che potrebbe risultare un mix tra spunti narrativi inediti e una curiosa operazione nostalgia: seppur con personaggi diversi da Harry, Ron ed Hermione, ad esempio, nella versione alpha si intravede un trio di studenti alle prese con un troll di montagna all'interno di una toilette, una sequenza palesemente ispirata alla prima, grande sfida che Potter e Weasley hanno dovuto sostenere ne La pietra filosofale per trarre in salvo la loro amica. Non solo: una delle sequenze finali ci mostrano, con una breve carrellata, il tavolo destinato ai docenti nella Sala Grande: compaiono, tra gli altri, Severus Piton e Albus Silente, personaggi che sappiamo deceduti rispettivamente ne I Doni della Morte e Il Principe Mezzosangue.

    GDR e gioco di carte

    Dal punto di vista dell'offerta ludica Magic Awakened si presenta come un ibrido tra RPG tradizionale e gioco di carte, ma sembra evidente che il team di sviluppo abbia ambizioni decisamente importanti per il suo primo progetto da produttore solista. Il titolo alterna visuale isometrica e quella di un comune action in terza persona, con mappe interamente esplorabili e suddivise in specifiche aree del castello di Hogwarts.

    La "macro-mappa", invece, ci permetterà di sorvolare la magione a cavallo di una scopa, una sorta di hub primario dal quale sarà possibile raggiungere tutte le location della Scuola di Magia e Stregoneria. Rappresentata come una sorta di grande diorama attorno al quale può svolazzare il nostro avatar, la mappa di gioco di Magic Awakened ci sembra piuttosto dettagliata e rispettosa dei luoghi più iconici partoriti dalla mente di J.K. Rowling, con tanto di Campo da Quidditich che, si spera, nella versione finale potrebbe permetterci di giocare le partite del campionato scolastico.

    In qualità di RPG , il nuovo progetto di Portkey Games prevede un sistema di sviluppo e progressione del personaggio piuttosto imponente: sarà possibile personalizzare il proprio avatar non soltanto a livello estetico, ma anche ludico, visto che avremo modo di imparare incantesimi di ogni tipo per accrescere sempre più le nostre conoscenze magiche. Il gameplay svelato da Warner Bros ci fa intravedere una discreta componente di farming, necessaria ad ottenere oggetti utili e valute come gemme o carte speciali.

    Sicuramente non mancherà nemmeno una prorompente dose di crafting, magari sfruttando le conoscenze del nostro avatar in materia di pozioni man mano che si proseguirà nel corso dell'avventura, che per forza di cose dovrà coprire il percorso scolastico del protagonista. In tal senso non ci è chiaro se la storia richiederà un avanzamento espressamente singleplayer, e se in tal caso la campagna coprirà soltanto un anno di scuola per poi aggiornarsi nel post lancio con altri spezzoni di trama, o se la componente multiplayer avrà un ruolo ludico centrale come in Wizards Unite.

    Di certo ci sarà un elemento PvP, nel quale si potrà partecipare a sessioni di gioco 3 contro 3 in un formato che ci sembra molto simile al celebre Club dei Duellanti, introdotto da Gilderoy Allock ne La Camera dei Segreti per insegnare agli studenti l'autodifesa necessaria a prevenire gli orrori del Basilisco.

    Fondamentale ai fini del gameplay, infine, sarà la gestione del proprio mazzo di carte, perni di tutto l'apparato ludico e, di conseguenza, del combat system. Le battaglie a suon di incantesimi, per intenderci, potrebbero ricordare a molti il combattimento di Kingdom Hearts Chain of Memories, il capitolo "intermedio" tra i primi due episodi della saga Square-Enix e sviluppato in origine per Game Boy, in cui ad ogni azione corrisponde l'utilizzo di una card.

    Così sarà anche in Magic Awakened, visto che a quanto pare il giocatore potrà disporre di 4 carte ricaricabili per scagliare gli anatemi con cui colpire i nemici. Immaginiamo che i mazzi, così come le singole carte, siano interscambiabili e potenziabili, così da costruire l'arsenale migliore possibile in base alla propria progressione e alle lezioni sostenute.

    Harry Potter Magic Awakened Ci sono ancora tante incognite sul nuovo progetto mobile legato al Wizarding World, su tutte la finestra di uscita e il mercato di riferimento. Il lancio è previsto, per adesso, esclusivamente nel panorama cinese, ma la nostra speranza è che il titolo di Portkey Games possa vedere la luce anche nel resto del mondo. Le premesse di Harry Potter: Magic Awakened ci sembrano davvero incoraggianti, sia sul versante artistico sia per quanto concerne il comparto ludico. Una storia che ci accompagni negli anni successivi al finale dell'opera originale, peraltro, può rappresentare un elemento narrativo affascinante, così da esplorare l'evoluzione e il progresso del Mondo Magico subito dopo la caduta del temibile Lord Voldemort.

    Quanto attendi: Harry Potter Magic Awakened

    Hype
    Hype totali: 4
    52%
    nd