Hogwarts Legacy, preparate la bacchetta: tutti i segreti del combat system

Esplorazione, combat system e Stanza delle Necessità: ecco tutte le novità svelate nell'ultimo showcase dedicato ad Hogwarts Legacy!

Hogwarts Legacy
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • La notizia della pubblicazione tardiva di Hogwarts Legacy su PS4, Xbox One e Nintendo Switch è stata addolcita dal team di Avalanche grazie alla presentazione di una ricchissima selezione di dettagli relativi al gameplay dell'action RPG. Con un lungo e denso showcase, la software house ha alzato il sipario sulle meccaniche che regoleranno l'esplorazione dell'open world e il combat system di Hogwarts Legacy. Spazio anche ad un viaggio nelle profondità della Stanza delle Necessità, tra telai magici e creature fantastiche da coccolare. Indossate dunque la vostra divisa di maghi e streghe, perché ci sono tantissime novità da scoprire!

    Tra scope e ippogrifi

    Che mondo magico sarebbe se non avessimo la possibilità di muoverci a tutta velocità a cavallo di una scopa? Fortunatamente, gli sviluppatori di Avalanche sembrano essere grandi appassionati di trasporti "altenrativi" e hanno ideato una meccanica di volo che sembra davvero promettente. All'interno di Hogwarts Legacy, il nostro alter-ego potrà solcare liberamente l'open world a bordo della sua scopa preferita. A giudicare dal gameplay mostrato nell'ultimo showcase, lo strumento potrà essere evocato in qualunque momento, per sorvolare a tutta velocità il Wizarding World del XIX secolo.

    Non aspettatevi però i comfort e la resistenza di una Nimbus 3000: in questa fase storica, la tecnologia delle scope volanti è solamente agli inizi! Per questa ragione, potremo utilizzare a oltranza la potenza massima della nostra cavalcatura lignea solamente a ridosso del suolo. Nel momento in cui andremo ad aumentare l'altitudine, la scopa inizierà invece a consumare energia, come segnalato da un'apposita barra indicatrice posta nella parte inferiore dello schermo.

    Fortunatamente, nel mondo magico tutto è in costante divenire e Hogsmeade sembra avere la soluzione perfetta per gli amanti del volo. Presso il villaggio, sarà infatti presente un negozio di scope, con un venditore che sarà lieto di proporci gli ultimi ritrovati della tecnologia magica. Offrendo il nostro aiuto al commerciante - un vero e proprio inventore specializzato - ci guadagneremo la possibilità di acquistare alcuni upgrade per il nostro mezzo, con i quali incrementare la libertà di esplorazione ad alta quota e ottenere l'accesso ad aree dell'open world altrimenti inesplorabili.

    Dalla software house arrivano inoltre buone notizie anche per i maghi e le streghe più attenti all'estetica: il negozio di Hogsmeade sarà infatti ben lieto di fornirci modelli differenti di scope e relative personalizzazioni. Queste ultime, ad ogni modo, non avranno alcun impatto sul gameplay.

    Accanto alle scope volanti, gli studenti di Hogwarts Legacy potranno fare affidamento anche su di un'ulteriore cavalcatura: un simpatico ippogrifo. La creatura, a quanto pare, ama risiedere in una borsa che il protagonista porterà sempre con sé.

    In questo modo, il fido amico magico potrà essere evocato a piacimento per una cavalcata nell'ambiente naturale. In quanto animale alato, l'ippogrifo può essere utilizzato a terra - esattamente come un cavallo - oppure per spiccare il volo.

    Un mondo magico da esplorare

    Volare a bassa quota, ad ogni modo, ha anche i suoi vantaggi. La pratica consente infatti di avvistare qualche interessante punto d'interesse da esplorare. In particolare, gli autori di Hogwarts Legacy hanno già confermato di aver disseminato i dintorni della Scuola di Magia e Stregoneria di piccoli insediamenti popolati da maghi e streghe. Accanto ad Hogsmeade, le Highlands scozzesi proporranno dunque località completamente inedite, mai citate nei libri di J.K. Rowling. Presso questi borghi, il protagonista potrà fare la conoscenza di nuovi personaggi, scoprirne i rapporti con la gente di Hogwarts e Hogsmeade e - perché no - racimolare qualche missione secondaria.

    La mini-mappa confezionata da Avalanche agevolerà queste attività di esplorazione, tramite una legenda di simboli volti ad indicare la posizione di abitanti, puzzle e misteri da risolvere. I medesimi - e ulteriori - indicatori saranno presenti anche nell'open-world. Esplorando il mondo di gioco, sarà ad esempio possibile guadagnarsi l'accesso a rovine legate alla Magia Antica. Visitandole, si otterranno degli interessanti bonus, come ampliamenti di inventario o estensione delle proprie conoscenze in materia di incantesimi. Potrebbe inoltre capitare di imbattersi in bracconieri e Maghi Oscuri: fronteggiando gli avversari potremo ottenere molteplici risorse utili. L'interessante varietà di mezzi di trasporto sembra a prima vista associata ad una altrettanto diversificata mappa di gioco. Nel corso dell'ultimo showcase dedicato ad Hogwarts Legacy, l'open-world ha assunto diverse declinazioni, da placidi boschi autunnali ad inquietanti aree paludose avvolte nella nebbia. Sappiamo che il mondo magico riserverà anche aree costiere e ulteriori scenari, con l'obiettivo di ricompensare i giocatori più curiosi.

    Gli sviluppatori hanno del resto confermato che, a partire dal momento in cui il mondo esterno ad Hogwarts diviene accessibile, il protagonista potrà dirigere i propri passi in ogni direzione, senza alcun tipo di vincolo o limitazione. Ovviamente, bisognerà tenere in conto il fatto che alcune aree potrebbero celare minacce particolarmente insidiose, ma starà al singolo mago scegliere se mettersi o meno alla prova.

    Con l'avanzare della storia di Hogwarts Legacy, l'open-world sperimenterà il trascorrere delle stagioni. I panorami potranno dunque risultare innevati nel pieno delle festività natalizie o lussureggianti al ritorno della primavera. L'action RPG proporrà inoltre un ciclo giorno-notte, il cui impatto non sarà esclusivamente estetico. Avalanche ha infatti garantito di aver disseminato per la mappa risorse che potranno essere raccolte soltanto al calar delle tenebre e meccanismi coi quali si potrà interagire solamente in dati momenti della giornata.

    Duelli magici a volontà

    L'esplorazione, per quanto suggestiva, non rappresenta l'unico aspetto centrale di Hogwarts Legacy, che vedrà i giocatori impegnati in moltissimi combattimenti. Strutturati in tempo reale, i duelli faranno affidamento sul lancio di incantesimi di ogni genere, dai più "semplici" e noti come Stupeficium sino alle potenti Maledizioni Senza Perdono.

    Queste ultime, in particolare, sembrano rese in maniera davvero realistica: utilizzando un Avada Kedavra, ad esempio, vedremo il nemico perire all'istante, mentre il lampo scarlatto di Crucio spingerà l'avversario a contorcersi tra spasmi di dolore. Ovviamente, le Maledizioni Senza Perdono non potranno essere utilizzate in rapida sequenza: vista la loro potenza, gli sviluppatori ne hanno vincolato l'utilizzo ad un tempo di ricarica particolarmente esteso, soprattutto per quanto riguarda l'Avada Kedavra.

    Progredendo nel gioco, il protagonista potrà apprendere incantesimi e migliorare le proprie abilità, anche grazie alla scoperta di maggiori informazioni sull'ancora misteriosa Magia Antica. Il tutto si tradurrà in nuove dinamiche per il combat system, alcune delle quali legate ad interazioni contestuali, segnalate dall'apparizione di un'icona nel campo di battaglia.

    Tra queste, possiamo citare la possibilità di scagliare pesanti oggetti contro gli avversari o di scatenare un potente attacco legato alla Magia Antica. Quest'ultimo - che differirà a seconda del nemico che ci si trova di fronte - può essere attivato solamente dopo aver messo a segno un ampio numero di combo e sembra avere un ruolo di particolare rilievo nel combat system di Hogwarts Legacy. Una volta scagliata, infatti, tale magia non solo sottrae molta energia all'avversario, ma genera anche la comparsa di alcuni piccoli globi di luce blu. Dettaglio interessante, questi ultimi sono visibili esclusivamente al protagonista della storia. Raccogliendoli durante gli scontri, si accelereranno i tempi di ricarica degli incantesimi più potenti a nostra disposizione.

    Per sperimentare liberamente con il sistema di combattimento di Hogwarts Legacy, i giocatori avranno a disposizione due arene. Una di queste, l'Arena legata alle Arti Oscure, sarà tuttavia assente dalla Standard Edition del gioco (un dettaglio che era stato confermato già con il reveal delle diverse edizioni di Hogwarts Legacy). Una scelta che in questa fase non ci convince del tutto, soprattutto a fronte della presentazione delle caratteristiche dell'area. Collocata nella Foresta Proibita, l'Arena metterà a immediata disposizione dei suoi frequentatori le Maledizioni Senza Perdono. Al suo interno, sarà dunque possibile testare gli incantesimi oscuri, così da poter poi scegliere liberamente se perseguire o meno la strada della Magia Oscura nel proprio percorso di sviluppo del personaggio.

    Ma gli scontri di Hogwarts Legacy non chiamano in causa solamente incantesimi e movimenti di bacchetta. Sul campo di battaglia si potranno infatti portare con sé anche le pozioni e le piante distillate e coltivate all'interno della Stanza delle Necessità. Nel corso dell'ultimo showcase, abbiamo ad esempio potuto osservare in azione la Pozione Endurus, che ricopre la pelle del giocatore di materiale roccioso, riducendo l'entità dei danni ricevuti: un ritrovato particolarmente utile quando si affrontano nemici possenti come i Troll! Presenti all'appello anche la Pozione Rigeneratrice, che aumenta la salute, e la Pozione Focalizzante, che accelera i tempi di carica dei diversi incantesimi.

    Nel reame vegetale, possiamo invece citare la Tentacula Velenosa, che una volta piantata nell'arena agisce come una torretta, scagliando attacchi contro tutti gli avversari. Proprio come insegnato dalla Professoressa Sprite, sfoderare una Mandragola nel bel mezzo del combattimento consentirà inoltre di stordire tutti i nemici presenti nelle vicinanze.

    A completare il quadro, ci pensa poi la meccanica delle Maledizioni. Queste ultime consentono di vincolare il destino di alcuni avversari presenti sul campo di battaglia: nel momento in cui ne colpiremo uno (magari proprio con un Avada Kedavra!) i danni saranno ripartiti tra tutti i soggetti legati dalla maledizione.

    La Stanza delle Necessità: una base segreta a Hogwarts

    Da quanto detto sul sistema di combattimento di Hogwarts Legacy, appare evidente che la Stanza delle Necessità rivestirà un ruolo decisamente importante nel corso della nostra avventura come maghi e streghe. Per rifletterne la centralità, Avalanche ha deciso di trasformare l'area in una vera e propria base operativa, che potrà peraltro essere personalizzata sotto molti punti di vista. Sfruttando diversi temi, sarà possibile variare l'architettura della stanza, che potrà essere abbellita con statue, tappeti, tavoli e altri oggetti di arredamento.

    Per modificare la Stanza delle Necessità dovremo però apprendere delle bizzarre Magiformule di Evocazione, celate in tomi e pergamene in vendita nei negozi di Hogsmeade. In aggiunta, anche alcune missioni secondarie potrebbero ricompensare il giocatore con opzioni di personalizzazione destinate al suo quartier generale. Le possibilità sembrano essere davvero moltissime, al punto che ogni oggetto può essere modificato nel colore, nelle dimensioni e nella posizione.

    Nella Stanza delle Necessità, potremo compiere alcune utili attività di investigazione. Se c'è qualcosa che la saga di Harry Potter ci ha insegnato, è in effetti il rischio di utilizzare un oggetto magico senza conoscerne gli effetti. Per questa ragione, una volta ottenuto un abito o un oggetto magico sconosciuto, il giocatore potrà portarlo nella sua base per cercare di identificarlo presso l'utile Tavolo della Descrizione.

    Tali equipaggiamenti potranno aiutare notevolmente il protagonista dell'avventura, ad esempio offrendo protezione aggiuntiva dal veleno o dagli attacchi di specifici nemici, come lupi mannari, goblin o troll. Questi effetti potranno inoltre essere rimescolati per personalizzare ulteriormente il proprio equipaggiamento, tramite l'utilizzo di un pratico telaio magico.

    Per compiere queste opere di sartoria magica, serviranno ovviamente delle risorse altrettanto fatate, che dovremo trarre da nientemeno che le creature fantastiche allevate nel Vivaio incluso nella Stanza delle Necessità. Quest'area ricrea un ambiente naturale, all'intero del quale potremo accudire indistintamente esemplari di Graphorn, Snaso, Mooncalf o Kneazle. Spazzolando e nutrendo gli animali,

    ci guadagneremo la loro fiducia e verremo ricompensati con i più disparati ingredienti magici, tra piume, matasse di pelo e tanto altro. Per accrescere la propria fattoria magica sarà necessario esplorare l'open world e recarsi presso le tane di queste creature. Dopo averle salvate da situazioni di pericolo, avremo l'opportunità di condurle nel Vivaio e stringere un'amicizia con loro. Anche quest'area della Stanza delle Necessità potrà essere completamente personalizzata, sia per fini estetici sia a scopi pratici. Alcune Magiformule di Evocazione consentiranno infatti di installare nel Vivaio strumenti in grado di velocizzare le operazioni di cura delle creature fantastiche, tra miscelatori di mangime, mangiatoie e altri ritrovati che farebbero la gioia di Hagrid. Volete giocare con i vostri animali? Sì, anche questo e possibile e sarete lieti di sapere che ogni creatura avrà il proprio passatempo preferito. Potremo anche decidere di dare un nome a ogni animale presente nel Vivaio.

    E se un solo Vivaio non è abbastanza, sappiate che avanzando nel gioco sarà possibile sbloccarne altri, così da avere accesso a diversi habitat. Inizialmente, i nostri animali risiederanno in una vasta area pianeggiante, con un prato luminoso, ma col tempo potremo attrezzare anche paludi e ulteriori scenari.

    Hogwarts Legacy Hogwarts Legacy sembra promettere l'esperienza videoludica che i fan di Harry Potter hanno sempre sognato. Prima di scagliare in alto le bacchette per festeggiarne il lancio, resta però la necessità di una prova con mano della produzione Avalanche. Se sulla carta la commistione tra esplorazione, scontri e componente ruolistica sembra infatti promettente, solamente un viaggio bacchett...ehm pad alla mano saprà davvero confermare - o smentire - la magia che sembra celarsi all'interno della produzione.

    Quanto attendi: Hogwarts Legacy

    Hype
    Hype totali: 271
    87%
    nd