PSVR

Horizon Call of the Mountain: un gioco emozionante e immersivo per PSVR2

Sony presenta lo spin-off di Horizon: Call of the Mountain è il primo gioco annunciato per PlayStation VR2 e uscirà al lancio del nuovo visore.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Non sono trascorsi che pochi mesi dal lancio di Horizon: Forbidden West, strepitoso sequel di Horizon: Zero Dawn che ci ha condotti nel micidiale Ovest Proibito per raccontare la seconda parte dell'epopea di Aloy (tutti i dettagli nella recensione di Horizon: Forbidden West), eppure Guerrilla Games guarda già al futuro del franchise. Annunciato nella prima settimana di gennaio 2022, Horizon: Call of the Mountain sarà il prossimo episodio del brand ed esordirà in esclusiva su PlayStation VR2. In attesa di scoprire la data di uscita dello spin-off in realtà virtuale - che con tutta probabilità accompagnerà il lancio del caschetto di Sony - ve ne proponiamo le nostre impressioni preliminari.

    Un Carja in cerca di redenzione

    Sviluppato da Guerrilla Games e Firesprite, Horizon: Call of the Mountain sarà il primo capitolo della serie a non assegnare il ruolo di protagonista alla nostra adorata Aloy.

    A questo giro, infatti, la cacciatrice di Macchine dovrà farsi da parte, in quanto la storia sarà raccontata attraverso gli occhi di un personaggio completamente inedito e chiamato Ryas. Attualmente sappiamo davvero poco sul suo conto, se non che in passato è stato un guerriero appartenente alla Shadow Carja e che al tempo della Liberazione di Meridana è stato responsabile del trasporto del principe Itamen, dove appunto si è guadagnato il titolo di "Ombra di Itamen". Al contrario, suo fratello Urid è rimasto tra i Carja fedeli al Re Sole Avad, ragion per cui nel corso della guerra civile i due consanguinei si sono ritrovati su fronti opposti. Ad un certo punto della propria vita, però, Ryas si è lasciato catturare e imprigionare a Sunstone Rock, dove però è stato risparmiato da Blameless Marad, che gli ha proposto un patto: qualora Ryas avesse accettato di indagare su una nuova minaccia per i Carja, l'officiante alla corte del Re Sole gli avrebbe restituito la libertà.

    Guerrilla Games non ha voluto fornirci ulteriori dettagli sul guerriero, che per tutta la durata della campagna di Horizon: Call of the Mountain dovrà presumibilmente fare del proprio meglio per redimersi agli occhi di Marad e del proprio popolo. È stato però confermato che nel corso del suo viaggio, Ryas incontrerà personaggi nuovi e volti già noti tra i quali spicca la stessa Aloy, ma disgraziatamente non sappiamo ancora quanto screen time verrà effettivamente destinato all'eroina della saga e soprattutto non è chiara la collocazione temporale di Horizon: Call of the Mountain.

    Autentico maestro nel tiro con l'arco, Ryas sarà costretto a dar fondo a tutte le sue abilità per sopravvivere alle terribili Macchine che lo attaccheranno lungo il cammino. Per riuscire nell'impresa tutt'altro che facile, questi dovrà obbligatoriamente padroneggiare un'ampia gamma di strumenti e al contempo raccogliere i materiali necessari per migliorare il suo equipaggiamento, così da poter fronteggiare qualsiasi minaccia.

    Osservando il trailer divulgato in occasione dello State of Play di giugno 2022, abbiamo infatti appreso che in Horizon: Call of the Mountain dovremo scalare delle irte montagne, cercando di sfruttare a nostro vantaggio corde, piccozze da alpinismo e qualsiasi appiglio possibile. Sarà inoltre imperativo tenere gli occhi ben aperti, giacché i Glinthawk e altre potenti Macchine in agguato cercheranno a più riprese di ostacolare la missione di Ryas e porre fine alla sua vita.

    In aggiunta alla campagna principale, Horizon: Call of the Mountain includerà una modalità secondaria chiamata River Ride e che, stando a quanto riferito da Guerrilla Games, ci consentirà di ammirare lo splendido quanto pericoloso mondo di Horizon da una visuale privilegiata. A bordo di una canoa, dovremo infatti attraversare delle correnti acqua, cercando di respingere le Macchine che a intervalli regolari prenderanno di mira l'imbarcazione e i suoi passeggeri.

    Emozionante e immersiva, a quanto pare l'esperienza su binari è stata studiata per "condividere la magia di PlayStation VR2 con amici e familiari", che naturalmente potranno seguire le disavventure del giocatore grazie al display connesso alla PlayStation 5. Chissà che questa non possa addirittura presentare livelli e sfide a tempo, invitando gli utenti a competere tra loro per stabilire dei nuovi record personali.

    Horizon Call of the Mountain Le informazioni attualmente in nostro possesso su Horizon: Call of the Mountain non ci consentono di sbilanciarci coi giudizi, ma se non altro lasciano intendere la chiara volontà di Guerrilla Games di espandere ulteriormente il già sconfinato quanto affascinante immaginario di Horizon. Per capire l’effettiva portata e le ambizioni ludiche del prodotto, dovremo pertanto attendere i prossimi appuntamenti comunicativi di Sony.

    Quanto attendi: Horizon Call of the Mountain

    Hype
    Hype totali: 23
    77%
    nd