Anteprima Il signore degli Anelli - Il Ritorno del Re

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Il signore degli Anelli - Il Ritorno del Re - 1853

Articolo a cura di

Il viaggio sta per finire...

Siamo ormai giunti a vedere la fine del Signore degli Anelli, grazie all'ultimo capitolo della saga "Il ritorno del Re". Naturalmente la EA, detentrice dei diritti sulla trasposizione videoludica e già artefice del divertente "Le due torri", non poteva farsi scappare questa occasione, e ci ha dato modo di vivere dal vivo le gesta della Compagnia dell'anello. Vediamo come.

La battaglia continua

La EA ha ripreso esattamente lo schema di gioco del precedente capitolo, sfornando un action rpg dai tratti occidentali (alla Diablo per intenderci), con tantissimi oggetti da trovare, orde di nemici da sconfiggere e una crescita di livello lenta e meditata.
Rispetto al precedente capitolo (che chiameremo TTT) in questo nuovo episodio possiamo vedere netti miglioramenti anche al solo comparto grafico, infatti il gioco da al tutto una maggiore definizione.

Chi ben comincia....

Sin dalla schermata iniziale possiamo assistere ad una pregevole trasposizione della colonna sonora del film. Inoltre la suddetta schermata sarà ricca di opzioni che esamineremo nel dettaglio più avanti.
Una volta scelto di fare una nuova partita, potremo scegliere quale personaggio usare.
Come negli rpg occidentali, ogni combattente rappresenterà una classe da usare: Gandalf il mago, Aragorn il Ranger d'attacco, Eowin il Ranger difensivo, Gimli il guerriero, Legolas l'arciere e Frodo il Ladro.
Sarete quindi liberi di scegliere quale tipo di combattente si adatta meglio alle vostre esigenze!

Abbondanza di opzioni

Come detto precedentemente, la schermata iniziale è ricca di opzioni: potremo iniziare una nuova partita, caricarne una precedentemente salvata in uno dei 4 blocchi di salvataggio, potremo collegare il GBA al Game Cube per scaricare nuovi contenuti dalla versione casalinga del Ritorno del Re (ROTK), ci saranno le impostazioni del gioco ed i riconoscimenti.
Direi che c'è tutto ciò che occorre.

Scegliamo attentamente

Mentre in TTT i personaggi da scegliere non erano ben equilibrati tra loro, con alcuni di essi più potenti di altri, in ROTK potremo avere personaggi ben bilanciati, con i loro punti di forza e le loro debolezze. Scegliere il personaggio più adatto al proprio tipo di combattimento è essenziale.
Inoltre il gioco cambia a secondo del personaggio che avete scelto, permettendo così di rivivere l'avventura dai vari punti di vista, così, mentre con Aragorn dovrete proteggere Minas Tirith, con Frodo dovrete dirigervi verso le terre di Mordor.

Comandiamo il nostro eroe

Il gioco è molto semplice nel suo svolgimento. Il nostro protagonista potrà fare solamente due azioni principalmente, attaccare e lanciare incantesimi.
Gli attacchi avverrano con l'arma attualmente equipaggiata, l'incantesimo da lanciare potrà essere cambiate rapidamente grazie al pulsante L. R invece servirà a raccogliere gli oggetti da terra.
La visuale è isometrica dall'alto, riuscendo a cenferire una buona panoramica di gioco.
Il personaggio risponde rapidamente ai nostri comandi, ed ha un comodo sistema di puntamento automatico che non vi costringe a compiere fastidiosi movimenti con le diagonali.

Ma è il Signore degli Anelli?

Ogni aspetto grafico e sonoro è stato curato egreggiamente, ogni area di gioco presenterà musiche del film, ed i luoghi da visitare saranno ben presenti nei ricordi di chi ha visto la versione cinematografica.
Ogni personaggio è ben disegnato, nitidamente definito, e compie movenze molto simili a quelle viste nei film, con Gandalf che combatte usando una spada ed un bastone, Aragorn in grado i combattere con due spade o con una spada ed uno scudo, Frodo che si nasconde dai nemici, ecc.
Le abilità maiche dei personaggi poi, sono ben adatte al loro personaggio nel film.

Un gioco perfetto allora?

Purtroppo il gioco non è esente da difetti: esaminiamoli nel dettaglio.
La trama, raccontata tramite immagini fisse con i dialoghi in basso, riassume sommariamente quanto successo nel film, non riuscendo di certo a soddisfare chi cercava riferimenti più espliciti alla trama.
Il gioco, proprio per la sua natura, tende a diventare ripetitivo, in quanto dovrete sempre, enrare in una nuova zone, abbatterne tutti i nemici e proseguire per quella successiva.
Come in TTT, il sistema di difficoltà non è perfettamente calibrato. Mentre all'inizio del gioco avrete vita facile, andando avanti incontrete nemici che saranno aumentati di potenza molto più velocemente di voi, costringendovi a ripetere la stessa zona più e più volte per potere crescere di livello e sconfiggerli.

Commento

Una licenza dopotutto ben sfruttata. Il gioco non è certo privo di difetti, ma i fan del film troveranno in questo gioco esattamente ciò che cercano.
Tu coloro i quali hanno amato giochi come Diablo su PC o Baldur's Gate su Console, troveranno il titolo un ottimo passatempo.