Infinity Strash Dragon Quest: The Adventure of Dai, i Cavalieri del Drago

Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai è ancora lontano ma noi abbiamo deciso di scavare a fondo nell'ultimo gameplay trailer.

Infinity Strash Dragon Quest: The Adventure of Dai, i Cavalieri del Drago
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • Chi avrebbe detto che, a distanza di vari decenni dall'esordio originale, Dai no Daibouken sarebbe tornato alla ribalta e avrebbe goduto di una seconda giovinezza? Meglio noto in Italia come "Dai - La Grande Avventura" e "I Cavalieri del Drago", negli anni '90 Dragon Quest: The Adventure of Dai è stato uno dei manga più venduti di Shueisha, ma sfortunatamente il suo adattamento animato non si rivelò altrettanto popolare. Tutto è cambiato nel corso del 2020, quando il remake dell'anime ha creato le condizioni ideali per espandere l'universo di Dai con prequel cartacei, spin-off e qualche tie-in videoludico.

    Annunciato nel mese di maggio 2020, Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai è senza dubbio il più interessante tra i nuovi prodotti legati al brand, ma dal momento che Square Enix ha deciso di posticiparlo a tempo indeterminato per migliorarne il comparto tecnico sottotono (ve ne abbiamo parlato nella nostra precedente anteprima di Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai), il titolo non dispone ancora di una finestra lancio. In attesa che il publisher nipponico faccia chiarezza sullo stato dei lavori, ne abbiamo posto sotto la lente d'ingrandimento l'ultimo video di gameplay, così da poter apprendere quante più informazioni possibili sul suo sistema di combattimento.

    Le sfide che attendono il prode guerriero Dai

    Ripercorrendo le vicende narrate dal fumetto originale e dalla serie televisiva disponibile nel Bel Paese sulla piattaforma streaming di Crunchyroll (per maggiori dettagli consultate la nostra anteprima del remake di Dai - La Grande Avventura), l'action RPG in via di sviluppo presso Game Studio porrà i giocatori nei panni dei discepoli di Avan e farà vivere loro una lunghissima epopea volta a respingere l'avanzata dell'immenso esercito demoniaco al servizio del Grande Satana Vearn.

    Per l'esattezza Square Enix non ha ancora specificato se il tie-in adatterà l'intera vicenda o soltanto una porzione di storia, ma la comparsa di Crocodyne, Flazzard e Baran nel primissimo trailer del videogioco dovrebbe quantomeno confermare la presenza dei suoi primi quattro archi narrativi. Tenendo poi presente che il titolo verrà sicuramente pubblicato dopo la conclusione del nuovo anime (che proprio in queste settimane è entrato nel vivo del capitolo finale), vi è la concreta possibilità che Game Studio e Square Enix approfittino del recente posticipo per realizzarne una trasposizione completa.

    Mettendo da parte la componente narrativa, è tempo di analizzare nel dettaglio il gameplay che il publisher ha diffuso in rete lo scorso dicembre, in occasione dello speciale panel tenuto presso il Jump Festa 2022. Attraverso un video della durata di tre minuti, il connubio giapponese ci ha mostrato una missione che ha tutta l'aria di essere una sfida opzionale: nel filmato, infatti, il prode guerriero Dai affronta il nerboruto Crocodyne, enorme coccodrillo antropomorfo e generale dell'esercito degli animali, ma per qualche motivo lo spadaccino è completamente solo e il suo equipaggiamento sembrerebbe essere obbligatorio.

    Come se non bastasse, il ragazzino impugna la portentosa "Spada di Dai", che nella timeline canonica viene forgiata soltanto nella seconda metà del racconto. Questo curioso dettaglio potrebbe essere in realtà il frutto di una mera distrazione, ma per il momento non ce la sentiamo di escludere a priori la possibilità che queste sfide volte a riaffrontare i boss già sconfitti si sblocchino nelle fasi avanzate della campagna, giustificando insomma l'utilizzo della spada realizzata in oricalco.

    L'arsenale del Cavaliere del Drago

    Se le fugaci clip di gameplay incluse nel trailer di annuncio ricordavano vagamente la formula ludica utilizzata dai due episodi di Dragon Quest Heroes, ossia un sistema di combattimento fortemente basato sul concatenamento di combo frenetiche, scivolate con cui schivare gli attacchi avversari e potenti tecniche speciali, il nuovo video ci ha permesso di dare una prima occhiata all'interfaccia utente.

    Studiandola attentamente abbiamo appreso innanzitutto che in Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai avremo soltanto due barre da tenere sotto controllo: poste entrambe nell'angolo in basso a sinistra, la prima sarà chiaramente quella della vita, mentre la seconda si riempirà progressivamente ad ogni colpo portato a segno. Una volta colma, questa consentirà di scatenare lo spaventoso potere dell'Avan Strash, ovvero la tecnica più potente della scuola di Avan. Non è tutto, perché questa seconda barra sarà a sua volta suddivisa in tre segmenti, ognuno dei quali potrà essere consumato per ricorrere all'attacco speciale: una soluzione che all'occorrenza gli utenti saranno liberi di sfruttare per lanciare in rapida successione la bellezza di tre Avan Strash e capovolgere in un baleno l'esito degli scontri più impegnativi, ma che con po' di fantasia lo sviluppatore Game Studio potrebbe anche impiegare per regolamentare l'uso di tecniche diverse e persino più potenti della suddetta, come la micidiale variante sviluppata dallo stesso Dai e chiamata "Avan Strash Cross".

    Se sulle due barre appena descritte troveremo poi l'inventario con gli oggetti di guarigione, sul lato opposto dello schermo avremo invece cinque scorciatoie per accedere all'attacco standard, alla capriola e a tre skill speciali. Data l'assenza di una barra MP, sono proprio queste ultime ad aver colto la nostra attenzione, in quanto il loro innesco non consumerà alcuna risorsa; al contrario, dopo ciascun impiego le tecniche del piccolo Dai (e presumibilmente anche quelle dei suoi compagni) andranno incontro a un breve periodo di cooldown prima di poter essere utilizzate di nuovo, proprio come accade nei giochi mobile.

    Nella build mostrataci il prode guerriero ha accesso alle tecniche di spada Daichi-zan e Kaiha-zan (rispettivamente il Fendente della Terra e dell'Acqua), più l'incantesimo elementale Fiamma, ma siamo comunque convinti che nella versione finale di Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai ci potremo personalizzare un minimo il moveset del Cavaliere del Drago e impostare le altre tecniche apprese dal guerriero durante la storia, come l'incantesimo del fulmine Raiden, la magia del ghiaccio Hyado o la tecnica di spada chiamata Kuretsu-zan (il Fendente dell'Aria). E chissà che tra queste non possano trovare posto persino delle skill legate all'Emblema del Drago e alla Dragonic Aura - i poteri caratteristici di un autentico Cavaliere del Drago - che in termini ludici si tradurrebbero in sbalorditivi boost per l'attacco e la difesa.

    Piccoli miglioramenti all'orizzonte

    Come spiegato lo scorso dicembre dal producer Ryutaro Ichimura, Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai è stato posticipato a tempo indeterminato a causa dei feedback tutt'altro che entusiastici ricevuti dai fan. In seguito al reveal del prodotto, pare infatti che Square Enix e Game Studio siano stati sommersi da una valanga di commenti negativi circa il datato comparto tecnico del tie-in, il che avrebbe appunto spronato il connubio a fare del proprio meglio per elevare la qualità complessiva del titolo. Allo scopo di soddisfare le aspettative del pubblico, il team di sviluppo è effettivamente intervenuto sui modelli poligonali dei personaggi, che nonostante risultino ancora troppo spigolosi, rispetto a quanto visto nel trailer di annuncio appaiono più definiti e soprattutto sono caratterizzati da chiaroscuri tutto sommato convincenti.

    Lo stesso non si può dire però per quanto concerne le texture, ancora troppo blande e ripetitive, e per le animazioni, goffe e a tratti legnosette. Dal momento che la build mostrataci potrebbe non essere tanto recente, nutriamo comunque la speranza che le performance e la qualità dell'immagine possano non essere rappresentative del prodotto finale. Considerando poi che il publisher non ha voluto confermare nemmeno stavolta le piattaforme che accoglieranno Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai, il suo esordio potrebbe essere persino più lontano del previsto, offrendo a Game Studio tutto il tempo necessario per confezionare un adattamento videoludico degno dei discepoli di Avan.

    Quanto attendi: Infinity Strash - Dragon Quest: The Adventure of Dai

    Hype
    Hype totali: 32
    81%
    nd