Jagged Alliance 3: una nuova alleanza

La serie Jagged Alliance torna con un terzo episodio dopo la tiepida accoglienza riservata a Jagged Alliance Rage nel 2018.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • In occasione dei festeggiamenti del suo decimo anniversario, il publisher THQ Nordic ha svelato al mondo il remake di Destroy All Humans! 2 (per tutti i dettagli consultate la nostra anteprima di Destroy All Humans! 2 Reprobed) ed il ritorno di due IP che non si vedevano da diverso tempo. Stiamo naturalmente parlando di Outcast, che a distanza di oltre vent'anni dall'esordio rinascerà a nuova vita, e Jagged Alliance, la cui ultima incarnazione risale ormai al 2018. Dal momento che nei giorni scorsi abbiamo assistito a una presentazione di Jagged Alliance 3, abbiamo preparato per voi un resoconto completo delle prime informazioni forniteci sul prodotto dal suo team di sviluppo.

    Un nuovo Jagged Alliance

    Dopo l'insuccesso di Jagged Alliance: Rage!, che solo qualche anno fallì nell'impresa di conquistare pubblico e critica, non eravamo certi che il publisher austriaco avrebbe tentato ancora di infondere nuova linfa vitale nella proprietà intellettuale inizialmente appartenuta a Mad Labs Software.

    Per questo autentico revival, dal quale ipotizziamo dipendano le sorti stesse dell'IP, l'azienda ha deciso di schierare in campo i ragazzi di Haemimont Games, un talentuoso studio principalmente noto per titoli gestionali come gli ultimi tre episodi di Tropico o il più recente Surviving Mars, ma che sin dai primi anni duemila ha apposto la propria firma su apprezzati titoli strategici quali Imperivm III: The Great Battles of Rome e Celtic Kings: Rage of War.

    Anzi, secondo quanto riferitoci sarebbe stato proprio lo studio bulgaro a esporre le proprie idee circa la realizzazione di un nuovo episodio numerato del franchise, convincendo THQ Nordic di essere il team giusto per riportare in auge la serie. Per riuscire in questa non facile impresa, sia il publisher che lo sviluppatore hanno quindi eseguito un'attenta ricerca finalizzata a individuare quali fossero gli elementi di Jagged Alliance più amati dai fan storici (come ad esempio i dettagliati ritratti dei personaggi), in modo tale da preservarli e riproporli anche nel nuovo titolo.

    Essendo ancora in una fase non troppo avanzata dello sviluppo, Haemimont Games non si è sbottonato molto sui dettagli, ma ci ha spiegato innanzitutto che il prodotto sarà ambientato a Grand Chien, una nazione ricca di risorse naturali, e inviterà i giocatori a esplorarne liberamente la vasta struttura open world.

    A essere del tutto precisi, gli utenti avranno addirittura la facoltà di decidere il fato del Paese, in quanto la campagna dell'RPG li spingerà a vestire i panni di mercenari e a compiere di volta in volta delle scelte che influenzeranno il corso della narrazione. Come se questo singolo dettaglio non garantisse un certo livello di rigiocabilità, nel corso della presentazione abbiamo appreso che il team di mercenari sarà molto vasto e variegato, difatti il cast includerà parecchi volti nuovi dalla personalità unica e tanti fan-favorite provenienti dai passati episodi del brand. Nel pieno rispetto della tradizione di Jagged Alliance, avremo a che fare con individui propensi a collaborare con determinati colleghi e viceversa, il che ci costringerà a valutare con attenzione quali mercenari arruolare e assegnare alla medesima squadra. Una selezione che, se effettuata con leggerezza e poca lungimiranza, potrebbe tradursi nel totale rifiuto da parte dei sottoposti di eseguire gli ordini impartiti loro sul campo di battaglia, abbassando quindi il morale della compagnia e generando non pochi imprevisti.

    Tattiche di guerriglia!

    Passando al gameplay, Jagged Alliance 3 vedrà il ritorno di tutte le attività presenti nei suoi più apprezzati predecessori. Questo significa che i fan vecchi e nuovi potranno dare battaglia ai locali per controllare quanti più territori possibili, addestrare gli abitanti dei vari territori posti sotto il proprio dominio, affinché siano di supporto durante le operazioni di guerriglia e soprattutto partecipino attivamente nelle sequenze finalizzate a difendere i terreni già conquistati dalle tante compagnie nemiche, che a intervalli regolari cercheranno di estendere (o ripristinare) la propria influenza.

    Quello di Jagged Alliance 3 sarà insomma un mondo vivo e in continuo movimento, ragion per cui ai giocatori verrà data la possibilità di controllare molteplici parti e condurre operazioni su vasta scala, che come promessoci sfrutteranno delle mappe estremamente ampie. A tal proposito è stato sottolineato che il titolo disporrà di una modalità co-op online e che potrà quindi essere affrontato anche in compagnia di amici.

    Trattandosi di un gioco di ruolo vero e proprio, i mercenari impersonati acquisiranno dei punti esperienza ogni volta che sconfiggeranno un nemico, il che consentirà loro di salire di livello e apprendere dei perk individuali che, di conseguenza, li distingueranno da tutti gli altri personaggi del roster. A proposito dei perk, lo sviluppatore ha svelato che il titolo includerà una vastissima selezione di abilità speciali, che promette quindi di incoraggiare e favorire la totale personalizzazione delle unità.

    Lo stesso vale per le armi, che a seconda della tipologia potranno essere indicate al combattimento ravvicinato o a quello sulla distanza. La parola d'ordine in Jagged Alliance 3 sembra quindi essere "individualità", ma sfortunatamente i mezzi a nostra disposizione non sono sufficienti per inquadrare e comprendere la portata del progetto in via sviluppo presso le fucine di Haemimont Games. Certo è che ne seguiremo lo sviluppo con sincera curiosità, augurandoci che una prova con mano che possa rispondere ai nostri questi e mostrarci i muscoli della produzione sia già in agguato.

    Quanto attendi: Jagged Alliance 3

    Hype
    Hype totali: 2
    65%
    nd