Anteprima Jak II: Renegade

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Jak II: Renegade - 977

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Ps2
  • Dopo due anni di torture, Jak è tornato!

    È difficile esprimere l'entusiasmo con cui ho giocato il primo capitolo apparso sugli scaffali dei negozi europei all'incirca due anni fa. Jak & Daxter è stato sicuramente uno dei titoli maggiormente apprezzati della line-up Sony, un gioco che ha rivoluzionato il concetto e la struttura propria fino a quel momento dei giochi platform. I ragazzi della Naughty Dog, in questi mesi di silenzio e di voci non confermate non sono rimasti con le mani in mano: a Settembre di quest'anno è prevista l'uscita del secondo capitolo, invocato a gran voce dagli utenti PlayStation, programmato in maniera impeccabile da questo eccezionale studio.

    Molti di voi si staranno chiedendo perché il titolo di questo secondo capitolo non si limiti ad aggiungere un mero numero 2 al precedente. Jak II: Renegade, punta a mettere il giocatore al corrente del fatto che questa volta il personaggio principale del gioco sarà esclusivamente Jak, il rinnegato, riuscito ad evadere grazie all'aiuto dell'amico Daxter dopo circa due anni di prigione durante i quali ha subito torture e sul cui corpo sono stati avviati i più disparati esperimenti. La sete di vendetta e la conoscenza di essere in possesso di poteri che vanno oltre le normali capacità di combattimento rendono il protagonista un altre ego davvero molto affascinante. Se a ciò andiamo ad aggiungere l'eccezionale presenza di Hirokazu Yasuhara (nei Visual Concepts di Sega per ben 15 anni) come level designer, l'esperienza maturata dai ragazzi della Naughty Dog per quanto riguarda gameplay e trama, posso praticamente assicurare che questo gioco non deluderà le aspettative. Ma procediamo con ordine.

    Il primo obbiettivo dei ragazzi di Crash Bandicoot era quello di rendere l'intero gioco più “maturo” e quindi più coinvolgente. Dopo aver stabilito sommariamente il character design è stata costruita una struttura di gioco che fa del suo punto forte una trama complessa, ricca di colpi di scena e di magistrali tocchi di classe. A supporto di tali informazioni le dichiarazioni rilasciate nelle varie conferenze stampa riguardanti la presenza di scene d'intermezzo realizzate con motore di gioco della durata complessiva di circa due ore e la presenza di ben tre ore di dialoghi. Inoltre Jak parlerà, e ciò non fa che aumentare la caratterizzazione ed il coinvolgimento generale. Ogni personaggio, assicurano i programmatori, avrà un proprio comportamento, un proprio nome, avrà, insomma, una sua personalità, e starà a noi capire se quello che ci dice o quello che ci promette sarà verità o menzogna: avete capito bene, in Jak II: Renegade, i truffatori esistono, e non sono così facili da scovare come si può pensare!

    Il primo capitolo ha stupito tutti per la profondità di visuale concessa dal motore di gioco e per la maniacale cura dei particolari che adornavano i vari scenari, rendendo l'esperienza di gioco qualcosa di unico. Questo nuovo titolo punta a sorprendere nuovamente i videogicoatori per la vastità e la definizione offerta: la linea dell'orizzonte supera in profondità quella dell'ottimo Ratchet & Clank, mantenendo intatto il framerate fisso a 60 fps (questo è quanto è stato affermato) e garantendo l'assenza di caricamenti nel corso dell'avventura. Una delle prime ambientazioni, la città, dimostra come i programmatori abbiano implementato una quantità davvero stupefacente di algoritmi per evitare effetti di sfarfallio o, peggio ancora, l'aliasing, le famose quanto inquietanti scalettature delle superfici. In città potremo muoverci a bordo di un hovercraft anti-gravità, e saremo liberi di utilizzarlo a nostro piacimento. Se, invece, adocchieremo un secondo mezzo di nostro gradimento non dovremo far altro se non comportarci come nei games della serie Gta: disarcionando il guidatore e prendendo possesso del veicolo. Tale opportunità si rivelerà fondamentale soprattutto quando saremo inseguiti da schiere di guardie pronte a farci la pelle al minimo errore. I Naughty Dog, però, nonostante tutte le idee nuove apportate al titolo, hanno intenzione di implementare le classiche movenze proprie del genere platform: salti, doppi salti, capriole, salti in allungo, rotazioni e per finire saremo armati. Saranno quattro le armi a nostra disposizione, le potremo cambiare in ogni momento tramite la pressione della croce direzionale e in ogni situazione dovremo saper riconoscere quale sia la miglior arma per contrastare le orde nemiche. A quanto pare, secondo indiscrezioni, non saranno più presenti tutti i gadget che erano presenti nel primo capitolo e che erano necessari per completare l'avventura: ci dovremo solamente preoccupare di raccogliere munizioni, e guai a chi rimane senza!

    Insomma, Jak II: Renegade ha tutte le carte in regola per imporsi sul mercato come miglior titolo platform. Se le promessa verranno mantenute ci troveremo di fronte ad un vero must buy, un titolo che anche i meno appassionati dovranno possedere all'interno della loro vetrinetta privata. Restate collegati su play2eye, l'E3 si avvicina sempre più e le news non tarderanno a fioccare!

    Che voto dai a: Jak II: Renegade

    Media Voto Utenti
    Voti: 38
    7.8
    nd