E3 2019

Kingdom Hearts 3: il trailer del DLC Re:Mind solleva nuovi misteri su KH

In occasione dell'E3 2019, Square Enix ha diffuso in rete il criptico trailer ufficiale del DLC a pagamento di Kingdom Hearts 3 in arrivo a fine anno.

anteprima Kingdom Hearts 3: il trailer del DLC Re:Mind solleva nuovi misteri su KH
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • A distanza di qualche mese dal suo annuncio ufficiale, la casa dei Chocobo ha finalmente svelato il primo trailer di Re:Mind, ossia l'attesissima espansione di Kingdom Hearts III, il cui contenuto risulta ancora un mistero. In occasione dell'E3 2019, infatti, Square Enix ha pubblicato un criptico filmato per rivelare quello che, con tutta probabilità, sarà il protagonista del DLC: un personaggio che, in seguito ai fatti di Kingdom Hearts III, pensavamo di non rivedere, ma che a quanto pare potrebbe avere ancora qualcosa da dire. Dal momento che l'analisi del nuovo trailer potrebbe contenere pesanti spoiler sul finale del gioco, ne consigliamo la lettura solo a chiunque abbia già completato la più recente avventura di Sora e compagnia.

    Uno sguardo al passato

    Concepito come l'atto finale del Capitolo di Xehanort, Kingdom Hearts III ci ha infine mostrato la promessa Guerra dei Keyblade fra luce e oscurità, donando al Maestro Xehanort - e alle sue "incarnazioni" provenienti da diverse epoche - una definitiva uscita di scena. Questo, perlomeno, è quello che pensavamo prima della pubblicazione del trailer ufficiale di Re:Mind, in cui un giovane Xehanort non ancora votato all'oscurità sembra fungere da assoluto protagonista.

    Privo dei caratteristici occhi dorati che hanno sempre contrassegnato le varie forme di Xehanort, il ragazzo è dunque immortalato durante quella che potrebbe rivelarsi come la sua primissima visita al Cimitero dei Keyblade, avvenuta diversi anni prima della sua affannosa ricerca del leggendario "X-Blade". Il lugubre luogo destinato a ospitare il conflitto finale fra i sette Guardiani della Luce e le tredici Oscurità è infatti utilizzato stavolta come scenario dell'incontro fra lo stesso Xehanort e una misteriosa figura incappucciata - forse la stessa di cui abbiamo scoperto l'identità nel Finale Segreto di Kingdom Hearts III - apparentemente intenzionata a manipolare il futuro Maestro del Keyblade. Dalla conversazione tenuta tra i due interlocutori è deducibile che proprio l'individuo ammantato di nero abbia dato al giovane amico la cappa utilizzata, nella serie, sia dal Maestro dei Maestri che dai vari componenti dell'Organizzazione XIII. Appurata l'utilità della tenuta, in grado appunto di tenere lontana l'oscurità, all'adolescente Xehanort viene poi posta una domanda assai criptica, che difatti ci fornisce un ulteriore indizio sulla precisa collocazione temporale dell'incontro. Di ritorno da un misterioso "giro del mondo", Xehanort appare oltremodo convinto di essere "estremamente necessario", senza però rivelarne le ragioni. Le ombre utilizzate durante la suddetta scena, tuttavia, non lasciano alcun dubbio: il ragazzo proveniente dalle Isole del Destino ha già cominciato a muovere i primi passi lungo la strada per diventare il Thanos della saga di Square Enix, ossia l'individuo auto incaricato di ripristinare l'equilibrio dell'universo e donare a tutti un nuovo inizio, attraverso la luce dell'originale Kingdom Hearts.

    Se questa prima sequenza, a nostro avviso fondamentale per cementare il ruolo di Luxu/Xigbar (?) nella narrativa di Kingdom Hearts, pareva suggerire l'arrivo di un ulteriore prequel della serie, le successive ci hanno invece mostrato tre combattimenti avvenuti durante la Guerra dei Keyblade.

    In primo luogo possiamo infatti ammirare i combattimenti che hanno visto Riku, Sora, Aqua e Ventus contro Dark Riku, Xigbar, Terra-Xehanort e Vanitas, vissuta tuttavia da un punto di vista differente. Nel trailer, infatti, il giocatore non controlla Sora, come avvenuto nel capitolo finale di KH3, bensì l'amico Riku e la maestra Aqua, confermando le voci che li vedrebbero come personaggi giocabili.

    È però il terzo ed ultimo combattimento del filmato a sollevare numerosi dubbi sulla narrazione, poiché ci mostra un'accesa battaglia che nel gioco principale non è mai avvenuta: nei panni di un redivivo Roxas, accompagnato dagli inseparabili Xion e Axel, il giocatore affronta un Saix più potente e furioso che mai. Sorvolando sulla possibilità di controllare nuovamente l'unico personaggio di tutta la saga in grado di utilizzare contemporaneamente (e senza limiti di tempo) ben due Keyblade, lo scontro sembra promettere una bizzarra retcon dei fatti avvenuti in KH3, o comunque un what if che al momento non possiamo in alcun modo spiegarci.

    Sorge dunque spontanea una domanda sulle reali intenzioni di Tetsuya Nomura, che dopo aver giocato con numerosi salti temporali e stramberie di ogni tipo potrebbe stavolta raccontarci una seconda stesura dei fatti avvenuti durante la Guerra del Keyblade. Una teoria neanche troppo azzardata, che potrebbe trovare conferma nel titolo stesso del DLC, "Re:Mind". Un contenuto scaricabile a pagamento che, a detta del producer, includerà episodi inediti e numerosi boss nuovi (di cui uno segreto), ma soprattutto farà luce sulle misteriose dinamiche legate al ritorno di Xion: un'amatissima eroina che tutti i fan del franchise speravano di rivedere nel terzo episodio di KH, ma che appunto vi è comparsa all'improvviso e senza un background esaustivo.

    La seconda metà del filmato, infine, ci mostra un Sora in possesso di un nuovo Keyblade, che appunto dovrebbe dar vita ad una Fusione inedita e all'apparenza devastante, e un interessante conversazione fra Xigbar e Luxord, dove entrambi sollevano dubbi sull'identità dell'altro. Non a caso, se il segreto del primo è ormai di dominio pubblico, il sorridente Luxord, che prima di svanire nell'oscurità ha donato a Sora una carta jolly capace di "ribaltare la situazione", è ancora un grosso mistero, e proprio il suo gesto, così inesplicabile e imprevedibile, potrebbe rappresentare la chiave del ritorno del ragazzo coi capelli a punta.

    In attesa di maggiori informazioni (e magari qualche delucidazione sulla precisa collocazione temporale del DLC) non possiamo che rimandare al prossimo inverno la soluzione dei vecchi e dei nuovi enigmi legati alla saga di Kingdom Hearts, augurandoci che stavolta possano trovare una giusta - e a questo punto dovuta - spiegazione. Certo è che Re:Mind, almeno per il momento, sembra sempre più intenzionato a sconvolgere e complicare ancora una volta l'intero canovaccio narrativo della serie, già abbondantemente ingarbugliato dal suo stesso compositore.

    Che voto dai a: Kingdom Hearts 3

    Media Voto Utenti
    Voti: 119
    8.4
    nd