Mario Kart Live Home Circuit: gare mozzafiato con la Realtà Aumentata

Sulla scia di Nintendo Labo, Mario Kart si prepara a superare i confini del videogioco tradizionale per combinare giocattolo e realtà aumentata.

Mario Kart Live Home Circuit
Anteprima: Nintendo Switch
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Sono molte le iniziative con cui Nintendo ha deciso di celebrare il 35° anniversario di Super Mario: dall'attesissima collezione dei Super Mario 3D (a proposito, avete già letto la nostra recensione di Super Mario 3D All-Stars?) a esperimenti che vanno ben oltre il mondo dei videogiochi, come la collaborazione tra Nintendo e LEGO. Nel mezzo si pone forse una delle proposte più curiose degli ultimi anni, ovvero Mario Kart Live Home Circuit.

    Continuando con l'impostazione già vista su Labo, dove l'obiettivo è quello di superare i confini del videogioco grazie alle peculiarità di Switch, lo spin-off della celebre serie di Nintendo propone di trasformare la propria casa in un circuito di Kart, portando la magia dell'universo di Mario Kart all'interno della propria abitazione attraverso l'utilizzo della realtà aumentata. Scopriamo quindi insieme, fin nel minimo dettaglio, tutte le nuove informazioni condivise da Nintendo durante un'anteprima stampa dedicata al titolo in uscita il prossimo 16 ottobre.

    Derapate "aumentate"

    Quello che differenzia Home Circuit da tutti i precedenti Mario Kart è ovviamente l'utilizzo della realtà aumentata. Al giocatore sarà infatti richiesto di pilotare un kart radiocomandato nel mondo reale che, attraverso l'uso di una telecamera posta sulla scocca del veicolo, permetterà di vivere una gara di Mario Kart a tutti gli effetti sullo schermo di Switch. Il gioco verrà venduto in due set, uno dedicato a Mario e l'altro a Luigi, che comprenderanno tutto il necessario per gareggiare in un percorso creato dall'utente.

    Nelle due confezioni, che si differenziano solo a livello estetico, oltre al kart saranno presenti quattro porte di cartone, necessarie per costruire il tracciato, due segnali di curva opzionali per aiutare i piloti nella comprensione del percorso e un cavo USB C con cui ricaricare il proprio veicolo. Il software di gioco, disponibile - come già accennato - dal 16 ottobre, sarà scaricabile gratuitamente dal Nintendo eShop.

    Uno degli obiettivi principali degli sviluppatori era quello di creare un'esperienza semplice e immediata, che richiedesse quante meno difficoltà possibili per essere apprezzata al meglio. Ed effettivamente, dalla preparazione del circuito alla gara vera e propria, sono necessari pochi passaggi: si inizia con il creare l'ossatura del percorso, disponendo le quattro porte all'interno della stanza (in un'area consigliata di 3.5m x 3m), per poi associare il kart al software di gioco tramite la scansione di un QR Code.

    Si potrà quindi prendere confidenza con la realtà aumentata di Mario Kart Live nella modalità esplorazione, un free roaming che permetterà al giocatore di guidare senza limiti di spazio e tempo. Per entrare nella gara vera e propria bisognerà fare un primo giro di prova con Lakitu, che imbratterà di vernice le ruote del kart: così facendo sarà il giocatore a decidere col suo passaggio da una porta all'altra l'effettivo percorso del tracciato, su cui poi potrà gareggiare sfidando la CPU in corse in perfetto stile Mario Kart.

    Una delle modalità principali in single player è ovviamente l'immancabile Gran Premio: una serie di gare su percorsi prestabiliti che vedranno trionfare il pilota con il miglior punteggio accumulato. Come da tradizione, per tagliare il traguardo per primi non basteranno solo le proprie abilità al volante ma bisognerà anche sfruttare in modo intelligente gli oggetti disseminati lungo il percorso.

    Sono tantissimi gli strumenti familiari riproposti anche in Home Circuit, come i funghi per il boost e i gusci di tartaruga per infastidire gli avversari, ma altrettante saranno le novità per sfruttare al meglio le peculiarità del titolo. Ci saranno ad esempio i Categnacci e le Piante Piranha ad attenderci alle porte dei tracciati: i primi renderanno difficile da gestire il kart a causa di improvvisi scatti non direzionabili, mentre le seconde addenteranno il malcapitato di turno bloccandone il passaggio.

    O ancor più problematici saranno gli incantesimi di Kamek, magie che invertiranno i controlli del kart dando vita a un vero caos su pista. Anche le condizioni meteo assumeranno un ruolo fondamentale nel feeling di guida e nella difficoltà di controllo del veicolo: le tempeste di sabbia diminuiranno la visibilità e la stabilità del kart a causa delle raffiche di vento, mentre la pioggia renderà il tutto più scivoloso. Alterazioni che, ovviamente, si ripercuoteranno anche sui movimenti del mezzo, creando una divertente continuità tra il punto di vista del giocatore e quello di eventuali spettatori all'interno della stanza.

    Una nuova formula per Mario Kart

    Mario Kart Live Home Circuit sembra però sbloccare il suo massimo potenziale all'interno della modalità Custom Race, che lascerà piena libertà di personalizzazione al giocatore. Oltre alla forma del tracciato infatti l'editor permetterà di stabilire il posizionamento degli oggetti e le condizioni atmosferiche della gara. Tutto secondo un certo grado di precisione, perché oltre alla quantità e alla frequenza dei power-up, si potrà indicare anche il corretto posizionamento degli stessi all'interno delle porte, suggerendo così delle traiettorie ideali per completare nel modo più veloce possibile ogni giro.

    E, a proposito di personalizzazione, raccogliere le monete sparse per i tracciati consentirà di sbloccare elementi estetici alternativi per i kart e i piloti. Si tratta, è giusto ribadirlo, di modelli aggiuntivi che non avranno alcun tipo di impatto sul gameplay: una scelta adottata per non creare eccessivi sbilanciamenti nella formula ludica, per una gradita aggiunta che di sicuro aumenterà di parecchio la longevità del titolo.

    Un'offerta contenutistica che non si ferma certo qui, visto che è stata confermata anche la presenza di quattro livelli di velocità con cui affrontare gare e Gran Premi: se dall'inizio saranno accessibili solo le prime due "difficoltà", ovvero 50 cc e 100 cc, progredendo all'interno dell'esperienza single player sarà possibile accedere anche a 150 cc e 200 cc.

    Per finire, oltre a una modalità Time Trial in cui provare a battere i propri record, Home Circuit presenta anche un'interessante componente multiplayer locale dove fino a 4 giocatori potranno sfidarsi in gare all'ultimo respiro. Per partecipare, ogni sfidante avrà bisogno del suo set, quindi un kart e una console Switch con cui pilotarlo. Il risultato promette di essere un mix esplosivo tra il sempreverde multiplayer di Mario Kart e un'esperienza in locale non più limitata allo schermo della console o alla televisione.

    Ovviamente il titolo sarà fruibile sia in modalità portatile che in configurazione fissa, e il software sarà compatibile sia con Switch che con il modello Lite, per un gioco che, c'è da scommetterci, andrà incrementare ulteriormente le vendite da record di Nintendo Switch.

    Mario Kart Live: Home Circuit Il potenziale di Mario Kart Live: Home Circuit è sconfinato, e il nuovo esperimento targato Nintendo sembra avere tutte le carte in regola per raggiungere i livelli di qualità tipici degli episodi principali della serie. Rimane ancora qualche perplessità riguardante l'effettiva responsività del kart e il suo comportamento sui vari tipi di pavimento, così come resta da vedere la qualità dell'offerta in termini di contenuti: un elemento cruciale per trasformare un'idea vincente in un'esperienza longeva e appagante. Dubbi che saremo in grado di risolvere solo in sede di recensione, quando potremo "costruire" con mano l'approdo di Mario Kart nei circuiti della realtà aumentata.

    Che voto dai a: Mario Kart Live: Home Circuit

    Media Voto Utenti
    Voti: 12
    6.9
    nd