Monster Hunter Stories 2 Wings of Ruin: in sella ai mostri su Switch

Non solo Monster Hunter Rise: su Nintendo Switch nel corso dell'estate arriverà anche Stories 2, che si preannuncia molto ricco sul piano dei contenuti.

Monster Hunter Stories 2 Wings of Ruin: in sella ai mostri su Switch
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Switch
  • Se la stagione della caccia su Nintendo Switch è ormai prossima alla riapertura (ve ne abbiamo parlato nella nostra recente anteprima di Monster Hunter Rise), il mese di luglio 2021 riserverà un'ulteriore sorpresa a tutti i fan del celeberrimo franchise di casa Capcom. La prossima estate sarà infatti possibile cimentarsi con Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin, ossia il gioco di ruolo annunciato in occasione dello scorso Tokyo Game Show e che vedrà i giocatori calarsi nei panni di un giovane fantino di mostri. Dopo diversi mesi di totale silenzio, lo sviluppatore nipponico ne ha rivelato non solo la data di uscita, ma ci ha fornito delle interessanti informazioni sulla campagna principale e sulle attività che il titolo proporrà, inclusa l'inedita componente multiplayer che consentirà di affrontare determinate battaglie in compagnia di un amico e del suo Monstie. Dalla narrazione alla personalizzazione dell'avatar, senza dimenticare i primissimi accenni al gameplay, proviamo a riassumere le nuove informazioni emerse a inizio settimana.

    L'erede del leggendario Red

    Sapevamo già che nel nuovo gioco di ruolo ambientato nel sempre più vasto universo di Monster Hunter avremmo dovuto interpretare un fantino di Monstie, ma se finora pensavamo che "Red" fosse il nome assegnato al protagonista, la verità ci è stata infine svelata. Come lasciato intendere dal più recente trailer di Wings of Ruin, Red è in realtà il nome del celebre nonno del protagonista, ossia un fantino particolarmente apprezzato nel loro villaggio natale, tant'è che due generazioni più tardi i compaesani continuano a ricordarlo come un Rider capace e onesto, ma che purtroppo non sappiamo se sia ancora in vita. A giudicare dalle immagini, il protagonista vero e proprio sarà invece un avatar interamente personalizzabile (come negli episodi della serie principale), tant'è che gli utenti potranno modificarne i connotati e il sesso, al fine di ottenere l'alter-ego ideale.

    Chiunque abbia giocato il precedente capitolo ricorderà che già in Monster Hunter Stories per Nintendo 3DS era possibile interpretare un personaggio di sesso maschile o femminile, modificandone per giunta alcuni tratti del viso e la capigliatura attraverso un editor molto limitato e basilare.

    Tornando a Stories 2, la decisione di Capcom di perseverare in quella direzione ci rallegra non senza riserve, poiché se da una parte la personalizzazione dell'avatar è sempre una gioia, specie in presenza di un editor ricco di opzioni, dall'altra c'è la certezza che il protagonista della campagna sarà quasi del tutto muto. Una caratteristica che funziona molto bene nei normali Monster Hunter, dove la storia gioca un ruolo marginale e la necessità di interagire con gli NPC è limitata quasi all'acquisto di materiali, all'accettazione delle missioni proposte dalla Gilda, e così via, ma che invece potrebbe cozzare con l'impronta squisitamente narrativa di Wings of Ruin, dove i dialoghi tra gli attori principali saranno una costante.

    Il mistero del Blazewing Ratha

    A proposito della componente narrativa, durante l'evento organizzato da Capcom abbiamo potuto ammirare per la prima volta la nuova variante di Rathalos che emergerà dall'uovo affidato al protagonista nelle prime battute della campagna. Chiamato semplicemente Blazewing Ratha (o Ratha tagliente, se preferite il già confermato adattamento italiano), il nuovo esemplare di Monstie si differenzierà un tantino dai comuni Rathalos, in quanto le sue maestose ali assumeranno una colorazione a metà fra il nero e il blu scuro, e soprattutto culmineranno in speroni particolarmente pronunciati, che con tutta probabilità saranno la sua "arma" principale durante le dispute con le altre creature.

    Come raccontato nella nostra precedente anteprima di Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin, la campagna graviterà attorno alla misteriosa diminuzione dei Rathalos, che per motivi a noi ancora sconosciuti abbandoneranno progressivamente i loro soliti habitat. Grazie al nuovo trailer abbiamo appreso che il suddetto esodo potrebbe essere in qualche modo collegato al mostro raffigurato su un antico murale, che secondo quanto tramandato dagli abitanti del villaggio avrebbe distrutto un intero insediamento umano prima di svanire nel nulla.

    Una creatura che in realtà potrebbe essere benissimo lo stesso Blazewing Ratha: d'altronde, un dialogo tra i protagonisti lascerebbe pensare che la sua forza distruttiva celerebbe una preziosa speranza per il futuro o, al contrario, un terrore indescrivibile. Proprio per questa ragione, l'avatar e la graziosa fanciulla wyverniana di nome di Ena faranno tutto il possibile per proteggere l'uovo del Blazewing Ratha (e la creatura che ne verrà fuori) da coloro che vorrebbero invece sbarazzarsene. Certo è che il profondo legame tra il protagonista e il suo Monstie, che durante la campagna sarà costantemente in pericolo, giocherà un ruolo determinante nell'economia del racconto, dando vita a momenti sia giulivi che dalla grande carica drammatica.

    Per la gioia di coloro che a suo tempo amarono il primo episodio (qui trovate la nostra recensione di Monster Hunter Stories per Nintendo 3DS), il nuovo trailer sembrerebbe confermare l'esistenza di un qualche legame tra le due incarnazioni del filone Stories. Nel filmato compare infatti il buffo Navirou, ossia l'autoproclamato "Eroe Felyne" che a suo tempo accompagnava Lute/Sophie durante le loro avventure, e che questa volta sposerà invece la causa di Ena e dell'avatar. Chissà che la sua inclusione non sia in realtà un indizio circa la presenza del Villaggio Hakum, che nel gioco precedente fungeva da hub principale. Del resto, Wings of Ruin includerà parecchi insediamenti umani, che appunto spazieranno dai villaggi edificati in prossimità del mare o nel cuore della foresta alle imponenti città fortificate.

    Dal Nuovo Mondo con furore

    Dal momento che nel trailer di annuncio di Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin avevamo individuato un inferocito esemplare di Anjanath, nella nostra precedente anteprima avevamo subito ipotizzato che l'ultima fatica di Capcom potesse includere anche le bestie tipiche del cosiddetto Nuovo Mondo, ossia la regione che negli ultimi anni abbiamo esplorato in Monster Hunter: World e nella sua espansione (qui trovate la nostra recensione di Monster Hunter World: Iceborne). Il nuovo trailer ha infine comprovato i nostri sospetti, rivelando che Stories 2 includerà sia mostri storici come il Qurupeco o il Ludroth reale, che le bestie iconiche di World. Oltre al già menzionato Anjanath sono quindi confermati il Legiana, il Kulu-Ya-Ku, il Paolumu, il Pukei-Pukei e il terrificante Nergigante, che a giudicare dalle immagini sembrerebbe coinvolto in un evento chiave della campagna.

    Da Monster Hunter Generations, invece, il team ha deciso di ripescare il sinuoso leviatano che risponde al nome di Mizutsune e che a breve ritroveremo anche in Monster Hunter Rise. Conferme importanti che testimoniano la volontà di Capcom di differenziare non poco il bestiario del nuovo episodio da quello offerto a suo tempo dal titolo per Nintendo 3DS, che di suo includeva già la bellezza di 115 Monstie.

    Azione o turni?

    Sfortunatamente nemmeno il recente evento a tema Monster Hunter ha svelato se Wings of Ruin conserverà il sistema di combattimento a turni del primo Stories o se invece imboccherà la via dell'action. Attraverso i bellissimi screenshot ufficiali, Capcom si è infatti limitata a mostrarci alcune delle spettacolari mosse speciali dei Monstie, come ad esempio la devastante raffica di vento e ghiaccio provocata dal Legiana, il caratteristico raggio d'acqua del Mizutsune o la palla di fuoco dell'Anjanath. In ogni caso, una breve sequenza del trailer lascerebbe pensare che il combat system sia ancora a turni, in quanto immortala gli avatar di due giocatori e altrettanti Monstie immobili, come se stessero aspettando il momento di poter agire. In attesa di conferme o smentite, il team di sviluppo ha specificato che Wings of Ruin includerà una campagna single player ricca di tutti gli elementi che contraddistinguono un JRPG degno di tale nome (vaste aree da esplorare, scrigni nascosti da rinvenire, innumerevoli missioni secondarie assegnate dai residenti di ciascuna località visitata, ecc), più una serie di attività multigiocatore da affrontare in coppia con un amico.

    Non sappiamo ancora quanto ricca sarà la componente co-op, dato che Capcom ha soltanto specificato che questa includerà sessioni di esplorazione e di battaglia. A tal proposito, lo sviluppatore ci ha mostrato anche uno speciale attacco combinato che i giocatori potranno innescare in modalità co-op. Ricorrendo al potere della Pietra del Legame, ossia il gioiello che permette ai Rider di instaurare un profondo di legame di fiducia e amicizia con qualsiasi Monstie, i due fantini salteranno in sella ai loro partner e daranno vita a una rovinosa carica in direzione del nemico, travolgendolo e innescando una tremenda conflagrazione.

    Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin Se dal punto di vista ludico Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin continua ad essere un mistero, dal momento che lo sviluppatore insiste ancora nel non volerne mostrare il gameplay, sul piano artistico e narrativo la nuova bestiola di Capcom ha carattere da vendere. Tra profezie di distruzione e la presenza di diverse fazioni avversarie, inizia a prender forma un intreccio interessante ed enigmatico, che a giudicare dagli asset finora divulgati potrebbe riservarci sviluppi piacevoli e coinvolgenti. Non siamo tuttavia convinti dalla scelta di assegnare il ruolo di protagonista a un avatar personalizzabile, poiché tale caratteristica andrà inevitabilmente a impattare sul background dell’avatar e sull’interazione con gli altri personaggi, restituendoci con tutta probabilità un fastidioso protagonista muto o comunque in grado di emettere appena qualche verso. In compenso, sul fronte contenutistico siamo più che soddisfatti, in quanto Wings of Ruin attingerà sia ai mostri storici della serie che ai bestiari dei più recenti episodi del franchise campione di incassi.

    Quanto attendi: Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin

    Hype
    Hype totali: 36
    83%
    nd