Nano Racing: un primo sguardo al gioco di corse in Unreal Engine 5

Nano Racing è un videogioco di corse realizzato con l'Unreal Engine 5, un progetto che vale la pena tenere d'occhio.

Nano Racing: corse in miniatura in Unreal Engine 5
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Il 2021 ha ospitato il debutto di Forza Horizon 5 (fermatevi ai box per leggere la nostra recensione di Forza Horizon 5), il nuovo re dei corsistici simcade, ma in realtà ha dato spazio anche a dei racing game molto diversi dal solito e ben distinti l'uno dall'altro. Facciamo riferimento al folle Hot Wheels Unleashed, basato sulle famose macchinine di casa Mattel, e al ben più posato Art of Rally, forte di un'affascinante estetica low poly e un modello di guida rigoroso e appagante (date un'occhiata al nostro speciale su Hot Wheels Unleashed). Ebbene, il 2022 darà spazio a un altro insolito gioco di guida (a riprova del rinnovato interesse della scena videoludica per questo sottogenere) che peraltro verrà mosso dal portentoso Unreal Engine 5 di Epic Games: Nano Racing. Il gioco di Really Good Games sembra voler rievocare le sfide tra macchine radiocomandate e infatti ci permetterà di sfrecciare in bolidi miniaturizzati su circuiti cittadini e casalinghi, caratterizzati da un livello di dettaglio di tutto rispetto.

    Corse in miniatura

    Al momento l'offerta ludica di Nano Racing sembra non distanziarsi troppo da quella di un corsistico tradizionale. Sarà infatti possibile settare il tempo migliore nei tracciati del gioco, gareggiare in eventi single player o contro altri piloti da tutto il mondo. A tal proposito, non sappiamo se conterrà una vera e propria modalità carriera ma, a dirla tutta, vorremmo proprio che ci fosse.

    Si tratta di una piccola produzione, questo è chiaro, ma un'esperienza di questo genere dovrebbe dare la possibilità di sbloccare bolidi "segreti" e tracciati inediti, anche nel corso di una carriera dalla durata contenuta. Nulla possiamo dire invece sul fronte della personalizzazione estetica, che potrebbe rivelarsi piuttosto basilare - si pensi alla possibilità di cambiare colore alla macchina - o leggermente più articolata, magari mediante la sostituzione di specifiche parti delle auto.Soffermandoci sulle performance delle macchinine, le poche informazioni ufficiali parlano di un certo numero di veicoli disponibili, ciascuno con il proprio stile di guida. Qui si apre un discorso interessante, perché a questo punto Nano Racing non ci permetterà di sfrecciare solo con una supercar "giocattolosa", (come quella che si vede nei primi video di gameplay). Ipotizziamo ad esempio la presenza di un pickup, del buggy e perché no, di un'auto da rally, per permettere al giocatore di trovare il veicolo più adatto ai propri gusti.

    Le differenti caratteristiche dei mezzi massimizzerebbero senza ombra di dubbio l'appeal dell'esperienza, come pure la longevità massima, ma al contempo dovrebbero poggiare su di un modello di guida solido e responsivo. Esprimersi con toni di certezza in quest'ambito è assolutamente impossibile, perché solo una prova pad alla mano ci permetterà di frugare ogni dubbio ma i filmati di gioco ci consentono di fare qualche considerazione preliminare.

    Pur senza poter effettivamente "sentire" la macchina sulla strada, questa ci sembra fin troppo scivolosa mentre sfreccia sull'asfalto e la cosa diventa ancor più evidente durante le curve, che "spezzano" la corsa del veicolo e quasi lo costringono a ripartire da fermo. Tali reazioni potrebbero essere volute, così da assomigliare a quelle delle macchine radiocomandate ma al contempo sembrano minare la godibilità delle gare.

    Anche l'effetto velocità - e all'attivazione del nitro le sensazioni non cambiano di molto - avrebbe bisogno di una sistemata, perché allo stato attuale delle cose non si percepisce poi tanto. Restiamo in attesa di capire se Nano Racing offrirà una modalità più scanzonata, con gare all'insegna di missili, olio e altre diavolerie per mettere in difficoltà gli avversari.

    Unreal Engine 5 mostra i muscoli... ancora una volta

    Parlare delle possibilità di Unreal Engine 5 significa pensare - in automatico - allo splendore di The Matrix Awakens (la prova di The Matrix Awakens è a un click di distanza). Eppure l'engine di Epic Games sta già dando la possibilità a collettivi più modesti di volare alto con le ali della creatività o di realizzare esperienze dal grande impatto visivo e Nano Racing è senza dubbio tra queste.

    I filmati di gameplay sono stati catturati su di un PC dalle performance paragonabili a quelle di PS5 e Xbox Series X e, al netto di una gestione dei bianchi da rivedere in toto (perché svilisce la piacevolezza dell'immagine), mettono in luce la natura next-gen della produzione. In primo luogo, vista la volumetria realistica dei fabbricati e le dimensioni di ogni singolo elemento a schermo, si percepisce la sensazione di guidare un oggettino nel bel mezzo del lussuoso quartiere di una città del mondo reale, il che acuisce non poco l'efficacia della presentazione visiva.Inoltre, dalle giostre per bimbi ai decori architettonici dei palazzi, ogni singolo materiale ricorda molto da vicino la rispettiva controparte reale e a momenti - soprattutto nel corso delle panoramiche pre gara - si fa fatica a credere che sia lo scenario di una produzione così piccina.

    Lo stesso possiamo dire del tracciato casalingo, soprattutto quando le tende dell'abitazione vengono mosse dal venticello durante il time attack. Se a ciò aggiungiamo un'efficace illuminazione globale, è proprio un peccato che la componente più anonima del comparto grafico sia legata proprio alle fattezze delle auto, sulla quale ovviamente vogliamo esprimerci in modo più approfondito quando sarà possibile. Ad ogni modo, ci fa piacere vedere che questo tipo di corsistici stia tornando in auge, perché in futuro potrebbe regalarci diverse soddisfazioni: speriamo vivamente che Nano Racing possa essere tra queste.

    Quanto attendi: Nano Racing

    Hype
    Hype totali: 6
    73%
    nd