Anteprima NBA 2K2

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco NBA 2K2 - 676

Anteprima NBA 2K2
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Disponibile per

NBA 2K1, uscito lo scorso anno per Dreamcast, fu proclamato quasi all'unanimità come il miglior gioco di basket di tutti i tempi. Si trattava, e si tratta tuttora, di uno dei pochi titoli sportivi che può vantare di un'impostazione prettamente simulativa, e che riesce a carpire e riprodurre il vero spirito dello sport in questione.
Ovviamente anche se il titolo della serie "Two Key" riuscì ad imporsi senza troppi problemi sui concorrenti, non era certo esonerato da alcuni difetti.
Ciò di cui a ragione molti si lamentarono fu in primis il sistema di difesa. Effettivamente, da quando esistono i giochi di basket, esiste il problema di ricreare l'Intelligenza Artificiale di avversari e compagni per offrire un'impostazione difensiva puntuale e credibile da entrambe le parti.
NBA 2K1, pur mostrando tutti gli sforzi possibili, non riuscì a risolvere completamente il problema in questione. Superare la difesa avversaria era infatti un'ardua impresa, soprattutto alle difficoltà più elevate, come del resto tentare di fermare un'azione portata avanti dalla IA.
Nonostante tutto i ragazzi della Visual Concept furono osannati da critica e giocatori, e ad un anno di distanza dal clamoroso successo, fanno dono -fortunatamente anche agli utenti PS2- del "seguito" del simulatore sportivo.
NBA 2K2, stando alle "first impressions", sembra avere fatto un grande passo avanti. Sotto tutti gli aspetti. I più diffidenti lo vedevano come un semplice update di squadre e giocatori, ma le migliorie apportate in fatto di gameplay lo elevano ben oltre questo immeritato titolo.
Prima di tutto gli sviluppatori, consci del punto debole della loro creazione, hanno tentato, con proficui risultati, di eliminarlo, o quanto meno ridurlo. Il miglioramento dell'IA è notevole in molte situazioni. Quando la palla sarà in possesso della squadra avversaria i vostri compagni, invece di seguire i giocatori senza un determinato scopo, si posizioneranno in prossimità delle traiettorie di passaggio. Inoltre, a facilitarvi il compito, la maggior attenzione dedicata al movimento necessario per rubare la palla. Distaccandosi dalle spiacevoli situazioni che in NBA 2K1 vi vedevano premere ripetutamente senza ritegno l'apposito tasto, un miglior studio delle collisione vi permetterà di impossessarvi del pallone con maggiore facilità; naturalmente sempre ponendo attenzione al momento giusto in cui eseguire il movimento per non commettere fallo.
Nella squadra controllata dalla CPU svaniscono finalmente le invalicabili barriere difensive che rendevano dura la vita nel primo episodio, e la difficoltà è meglio dispensata fra i vari livelli settabili.
Lasciandosi alle spalle anche altre piccole imperfezioni, l'impostazione diviene così ancor più reale. I momenti in cui vi troverete sotto canestro costituiranno ogni volta delle piccole emozioni. Piazzati nella vostra posizione dovrete iniziare una serie di passaggi tattici, e porre attenzione ai movimenti di ogni giocatore. Da questi ultimi traspariranno le intenzioni dei compagni di squadra, che si dichiareranno propensi ai blocchi, oppure mostreranno l'intenzione di un uno-due spettacolare alzando leggermente il braccio. Quando invece vedrete una mano muoversi agitatamente, passate la palla verso il compagno per dare il via ad un'azione che porterà ad un favoloso alley-hoop. Come avrete intuito un'impostazione di questo genere necessita la possibilità di esercitare un maggior controllo sull'azione. Per accontentare tutti giocatori sarà inserita una visuale isometrica, a sostituzione di quella in terza persona, fin troppo classica.
Graficamente il gioco dovrebbe rivelarsi eccezionale. La perfetta costruzione dei volti di ogni giocatore, i modelli poligonali perfettamente realizzati, e una più ampia gamma di texture, soprattutto per quanto riguarda l'ambiente circostante, dovrebbero bastare perché il look grafico risulti più che buono. Una maggiore fluidità nelle animazioni, nonché un aumento del loro numero, completeranno l'opera.
Non sono state inserite nuove modalità di gioco rispetto alla precedente versione, visto che la completezza del titolo sotto quest'aspetto era quasi ineguagliabile.
Tornano quindi le semplici modalità "stagione", "allenamento", "amichevole", in compagnia di altre opzioni che completano il tutto.
Dedicarvi alla creazione di giocatori personalizzati risulterà un ottimo passatempo, come intraprendere la modalità "franchigia", che vi vedrà impegnati nel portare una squadra sconosciuta fino alla vetta delle classifiche.
Divertente diversivo l'opzione "street", dal ruolo facilmente intuibile. Naturalmente anche lo street basket, pur permettendovi azioni spettacolari e frenetiche evoluzioni, risulterà molto simulativa, allontanandosi dal quanto mai piacevole arcade di NBA Street.
Nessuna novità per quanto riguarda il gioco in rete, opzione che rese grande il vecchio titolo Dreamcast.

La data d'uscita è stata fissata per un non precisato giorno della primavera del prossimo anno. Attendiamo impazienti di provare il gioco completo, per potervi confermare che NBA 2K2 non ha nessuna intenzione di scendere dal podio.

Quanto attendi: NBA 2k2

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd