Anteprima NeedFS2

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco NeedFS2 - 2007

Articolo a cura di

Il bisogno della velocità

Il fischio dei freni, lo stridere delle ruote sull'asfalto, il rombo del motore che aumenta di giri..... Per anni gli utenti Nintendo non hanno potuto godere di queste situazioni a causa della carenza di titoli automobilistici su N64. "Need for speed: hot pursuit 2", si propone tra i primi candidati a colmare questa lacuna, e inaspettatamente sembra promettere grandi cose!

Voglio una vita spericolata...

Uno dei più grandi handicap del Nintendo 64 infatti, è stato quello di non offrire all'utente medio una sufficiente varietà di giochi. Se da una parte questa gloriosa console poteva contare su titoli esclusivi e di richiamo ancora imbattuti nel loro genere come Mario 64, Wave race, 1080 snowboarding, Banjo & Kazooye e molti altri, dall'altra soffriva della mancanza di esponenti validi in altri settori, come appunto la guida (escludendo Mario Kart naturalmente). Sarà questa la sorte del Gamecube? Anche questo gioiello di tecnica patirà le conseguenze della carenza di terze parti che ha afflitto il Nintendo 64 fino alla sua morte? Così non dovrebbe essere (e ci auguriamo non sia), e anche se l'ammiraglia Nintendo non gode ancora delle molteplici attenzioni che Playstation 2 ha saputo attirare su di se, molte software house stanno dimostrando interesse per il nostro amato Cubetto, che riscuote sempre più consensi e attrae sempre più sviluppatori. In questo caso, è ancora Electronic Art a tuffarsi nel vortice del multipiattaforma, producendo sulle console di nuova generazione un titolo di guida molto interessante.
Need for speed: HP2 è un racing game tipicamente arcade, dove la prontezza di riflessi e l'occhio acuto si sostituiscono prepotentemente alla tecnica. In giochi come questo il codice della strada serve solo ad essere infranto, e l'unica regola è superare l'avversario guadagnandosi il primo posto ad ogni costo.
Impersonando diversi character (ognuno dotato di una differente vettura sportiva realmente esistente), il nostro obbiettivo sarà il semplicemente quello di tagliare per primi il traguardo, cosa tutt'altro che facile, e resa ancora più ardua da qualche interessante novità. In primis: essendo il gioco basato su una serie di gare clandestine assolutamente illegali, per tutto il circuito la polizia ci starà alle calcagna cercando di fermarci con blocchi stradali, elicotteri o provando a sbalzarci fuori carreggiata. Pegno per la nostra cattura: la perdita di alcuni secondi preziosi e una salatissima muta (chiaramente se nella realtà una pattuglia dovesse sorprendervi a fare numeri simili, il ritiro della patente per dieci milioni di anni e un ergastolo sarebbero quantomeno giustificati).Ma questo è un gioco, e nello sfortunato caso in cui il braccio della legge dovesse raggiungervi, non disperate: per farvi recuperare il tempo perduto i circuiti sono stati generosamente disseminati di scorciatoie, svincoli e bivi. Starà a voi trovare il modo migliore di sfruttare tali espedienti a vostro vantaggio, anche perché, come già detto, il gioco ne è pieno, e in alcuni casi non sono così evidenti....

...voglio una vita come quelle dei film

Vita da film perché Need for speed è studiato in modo da essere il più spettacolare possibile. L'azione risulta sempre frenetica: sfreccerete su asfalto, strade sterrate, dentro baracche, su ponti, e tutto con la polizia che vi starà inseguendo a sirene spiegate mentre voi a vostra volta cercherete di raggiungere quel maledetto in prima posizione! Per aggiungere adrenalina agli inseguimenti, sono state inserite alcune interessanti opzioni. A vostra discrezione, soltanto premendo un tasto, sarà possibile congelare il tempo per qualche istante e osservare cosa succede davanti a voi. Infatti, mentre tutto il gioco sarà fermo, la telecamera continuerà a scorrere sulla strada per qualche secondo, dandovi la possibilità di valutare se di li a poco incontrerete un blocco stradale, un bivio o semplicemente controllare come se la cava il concorrente che vi precede. Premendo un altro tasto (o compiendo un'acrobazia particolare), l'inquadratura ruoterà intorno alla macchina con un cinematografico "effetto matrix". In questi frangenti potrete notare la bontà riposta nella realizzazione delle vetture e in alcuni particolari apparentemente insignificante come, ad esempio, i cerchi in lega in dotazione su ogni bolide.
Nonostante sia stato sviluppato su più piattaforme (e quindi non sono state sfruttate appieno le potenzialità delle diverse macchine), NFS:HP2, presenta un comparto grafico di tutto rispetto. I modelli poligonali delle vetture sono fedeli alle rispettive controparti reali. Gli effetti di riflessione sulle auto sono differenti per il vetro e le lamiere, e nonostante non godano di riflessioni dinamiche in real time, cambiano intensità e colore a seconda della situazione (sole, ombra, gallerie...) risultando molto credibili e belli da vedere. Anche il background si comporta egregiamente, regalando al giocatore strutture poligonali complesse ben amalgamate tra loro, dotate di una grande varietà di colori e situazioni. Gli alberi non sono mai piatti, la vegetazione dà un ottimo senso di profondità, ed è possibile interagire con una buona quantità di oggetti sullo schermo, come cartelli, staccionate e cespugli, che immancabilmente si frantumeranno ogni qualvolta la vostra vettura colliderà con essi. Inoltre come già detto, l'unico stage disponibile nella demo poteva vantare diverse scorciatoie, dimostrando l'impegno dei designer nello strutturare il percorso (addirittura in un passaggio attraverserete una nube di fumo generata da un incendio sul bordo della strada). Anche l'aspetto sonoro si adatta perfettamente all'azione. Le musiche hard rock danno la giusta carica agli inseguimenti, motivando di continuo il giocatore. Il rombo delle auto si confonde tra le sirene delle volanti, il rumore delle piante che state attraversando e la radio della polizia che non smette un secondo di ciarlare segnalando la vostra posizione.

Concludiamo?

La demo testata conteneva un solo livello (National forrest), dando la possibilità di scegliere esclusivamente la Ferrari 360, mentre tre erano gli opponenti gestiti dalla CPU.
Il controllo della macchina ci è parso eccellente (pur ricordando la natura arcade del titolo), consentendo una buona padronanza del mezzo anche nelle situazioni più caotiche. Inoltre, anche dopo molte sessioni di gioco non ci siamo mai ritrovati nella condizione di perdere la bussola dirigendoci nella direzione sbagliata, il che non è trascurabile, considerando il marasma che si crea tra macchine ed elicotteri della polizia, avversari e ignari passanti.
In conclusione sebbene il gioco sia ancora incompleto, se ne intuiscono già molto bene le potenzialità: Need for speed hot pursuit 2, si preannuncia come un buon titolo arcade, ricco di trovate interessanti e situazioni divertenti. Forse non indispensabile nella collezione di tutti, ma molto al di sopra di tanti titoli di guida. Cubeye.it continuerà a seguire con rinnovato interesse le ultime fasi di gestazione del titolo che dovrebbe vedere la luce delle vetrine il 25 Ottobre, salvo i rinvii del caso.