Ni no Kuni Cross Worlds: il gioco di Level-5 diventa un MMORPG

Il trailer diffuso in occasione del G-Star 2019 ci ha permesso di dare un primo sguardo al MMORPG ambientato nell'affascinante universo di Ni no Kuni.

anteprima Ni no Kuni Cross Worlds: il gioco di Level-5 diventa un MMORPG
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Quando Akihiro Hino, presidente di LEVEL-5, rivelò lo scorso giugno lo sviluppo di un nuovo episodio della serie Ni no Kuni da annunciare ufficialmente solo dopo l'esordio nipponico del primo lungometraggio d'animazione del franchise, tutti pensammo immediatamente che potesse trattarsi del fantomatico Ni no Kuni III. Sfortunatamente, invece, la prossima incarnazione del fortunatissimo brand sarà un MMORPG che nella seconda metà del 2020 esordirà in Giappone su dispositivi iOS e Android. In attesa di scoprire se proprio Ni no Kuni: Cross Worlds sia o meno il prodotto accennato a suo tempo da Hino, abbiamo dato un primo sguardo al curioso hack-and-slash in tempo reale sviluppato dallo studio coreano Netmarble, già creatore di Lineage 2: Revolution e Dragon Ball Online.

    Sword Art no Kuni

    Se Ni no Kuni: La minaccia della Strega Cinerea e Ni no Kuni II: Il destino di un regno hanno trascinato degli esseri umani in mondi magici e paralleli alla nostra Terra, il comparto narrativo di Cross Worlds adotterà invece un approccio à la Sword Art Online. Il protagonista della vicenda fungerà infatti da beta tester per il "Project N", un videogioco in realtà virtuale sviluppato dalla Mirai Company, ossia un'azienda molto potente del mondo umano (il cosiddetto "Ichi no Kuni", o "Primo Mondo", da cui provenivano Oliver e Roland).

    All'interno del "Ni no Kuni" virtuale, il nostro avatar lotterà dunque contro le orde di mostri al servizio del malvagio Levant per ricostruire il Nameless Kingdom e salvare la benevola Regina Shia. Malauguratamente LEVEL-5 non ha ancora divulgato molti dettagli sulla natura e sulla qualità dell'intreccio, ma la breve sinossi di Cross Worlds svelata in occasione dell'evento G-Star 2019 sembra suggerire che la suddetta realtà virtuale potrebbe nascondere un importante segreto ed essere in realtà uno dei molteplici mondi paralleli dell'universo di Ni no Kuni più volte menzionati dal bizzarro coniglio parlante Frank. Riprendendo alcune tematiche di Ni no Kuni II, il principale compito del giocatore sarà quello di fondare un regno e svilupparlo assieme ai propri compagni di gilda. Dopo aver recuperato materie prime attraverso l'esplorazione, le battaglie e le richieste, in Ni no Kuni: Cross Worlds potremo infatti espandere a vista d'occhio il nostro centro abitato e farlo salire di livello, sino a diventare una gigantesca capitale completamente personalizzabile. Competendo con altri utenti attraverso la modalità PvP i reami più grandi e autorevoli saranno addirittura in grado di influenzare gli eventi affrontabili dai giocatori, ragion per cui la rivalità all'interno della community giocherà un ruolo estremamente importante nell'economia del titolo.

    Specializzazioni e famigli

    Come ogni MMORPG che si rispetti, Ni no Kuni: Cross Worlds metterà varie classi uniche a disposizione dei giocatori, e sebbene lo sviluppatore ne preveda al momento soltanto cinque, ognuna di essere sarà dotata di un diverso stile di combattimento. Il Furfante sarà una classe di supporto che potrà potenziare gli alleati e utilizzerà il proprio arco per trafiggere i nemici, mentre il Distruttore, tank per eccellenza, disporrà di varie abilità difensive e potrà contare su un martello gigantesco per infliggere colpi devastanti. Equipaggiata con una lancia fluttuante, la Strega sarà una classe tuttofare e avrà accesso a numerosi incantesimi di debuff, mentre l'Ingegnere, sempre munito di fucile, si specializzerà nelle arti curative e negli attacchi a lungo raggio. Infine, lo Spadaccino svolgerà in questo caso il ruolo del guerriero tradizionale: orgoglioso e armato di spada a una mano, potrà fungere sia da tank che da supporter, semplificando non poco la vita ai propri compagni di ventura.

    Ni no Kuni: Cross Worlds ripescherà poi uno degli elementi più apprezzati del primo episodio del brand, ossia i Famigli - che almeno nella versione giapponese del titolo mobile saranno chiamati "Imazen". Il prodotto includerà infatti ben 100 creature buffe e simpatiche, le quali si riveleranno ancora una volta degli alleati molto preziosi: facendo amicizia con esseri di attributi, tipo e personalità differenti, i giocatori potranno contare su un prezioso supporto in battaglia, preservando la medesima valenza tattica che caratterizzava il primo Ni no Kuni.

    A giudicare dal più recente trailer, si direbbe inoltre che il titolo mobile accoglierà persino i Cioffi di Ni no Kuni II: Il destino di un regno, ma dal momento che lo sviluppatore non ha ancora spiegato se questi saranno reclutabili o meno, non è ancora chiaro se Cioffi e Imazen apparterranno alla medesima categoria di Famigli o se invece continueranno ad essere delle entità ben distinte.

    Stile da vendere

    Nonostante la durata estremamente contenuta, il primo trailer di Ni no Kuni: Cross Worlds ci ha comunque permesso di ammirare un mondo affascinante e all'apparenza molto curato. Sviluppato con l'Unreal Engine 4, il titolo mobile sembra vantare animazioni pregevoli e addirittura comparabili a quelle di Ni no Kuni II: un sapiente utilizzo del cel-shading 3D ha infatti permesso ai ragazzi di Netmarble e LEVEL-5 di creare location suggestive e molto dettagliate, come le nostalgiche rovine in mezzo ai boschi o le colorate città customizzabili. A primo acchito, i modelli poligonali dei personaggi parrebbero ottimi, soprattutto per quanto concerne i terrificanti e giganteschi boss che popoleranno il promettente mondo virtuale.

    Trattandosi di un titolo mobile, i nostri dubbi principali vertevano attorno i contenuti e le modalità del MMORPG, che a quanto pare non trascurerà né il PvP, né il PvE. Mentre i giocatori potranno sfidarsi in arene spettacolari e prendere parte alle già menzionate invasioni di regni, la modalità PvE includerà labirinti fantastici, dungeon speciali e addirittura eventi, in cui gli utenti saranno chiamati a difendere i propri reami e ad abbattere i cosiddetti "world boss". Fra quest, sfide e spedizioni di ogni tipo, Ni no Kuni: Cross Worlds pare promettere insomma un quantitativo di attività di tutto rispetto, che di conseguenza speriamo di poter toccare con mano quanto prima.

    Ni no Kuni Cross Worlds Annunciato al momento per il solo mercato nipponico, non è chiaro se Ni no Kuni: Cross Worlds approderà anche nel resto del globo. L’unica cosa certa è che il prodotto, pur essendo un gioco mobile, presenterà tutti gli elementi vincenti che contraddistinguono gli episodi della serie Ni no Kuni: azione, strategia e varietà. Unito alla solenne colonna sonora composta dal maestro Joe Hisaishi e ad un comparto artistico che strizza l’occhio agli appassionati di anime, Ni no Kuni: Cross Worlds potrebbe realmente possedere gli strumenti necessari per sfidare i migliori MMORPG attualmente disponibili su iOS e Android.

    Quanto attendi: Ni no Kuni Cross Worlds

    Hype
    Hype totali: 5
    74%
    nd