OkunoKa: un sadico e colorato platform 2D in stile Super Meat Boy

Alla Milan Games Week abbiamo potuto assistere ad una demo di OkunoKa, platform 2D ispirato nella struttura a Super Meat Boy.

anteprima OkunoKa: un sadico e colorato platform 2D in stile Super Meat Boy
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • La Milan Games Week non è un evento gravido di novità, al contrario della sua omonima cugina di Parigi. I padiglioni non condividono la troneggiante statura di quelli dell'E3 o della Gamescom, e le demo sono spesso le stesse già mostrate mesi addietro. Per chi è molto legato al mondo dei videogiochi, quindi, la fiera meneghina è per lo più un'occasione per incontrare gli amici, entrare in contatto con alcune figure italiane ed internazionali (quest'anno c'era David Cage) e mettere le mani di persona su alcune versioni di prova di cui si era letto solo qualche articolo. Da sempre c'è però uno spazio, che si è andato ingrandendo di anno in anno, incastonato tra gli stand più vistosi e colorati, un luogo tutto dedicato allo sviluppo italiano che accoglie decine di autori e i giochi più disparati. Ci sono titoli già usciti sul mercato, progetti ancora embrionali, creazioni poco convincenti ed altre in grado di attirare lo sguardo in un batter d'occhio. La nostra curiosità ci ha guidati verso un angolo della stanza, dove su un grosso monitor da trentadue pollici vedevamo guizzare un buffo esserino immerso in un concerto di colori squillanti: il gioco si chiamava Okunoka, e a dispetto delle apparenze ha sfoggiato un sadismo degno del peggior Super Meat Boy.

    Heroes don't die, they respawn

    Quando una frase del genere diventa il motto del tuo gioco, allora le intenzioni son ben chiare. Ed infatti in Okunoka si muore, in continuazione, poi si impreca, si riprova ed alla fine si riesce: è la concretizzazione del concetto di trial and error, lo stesso che quel geniaccio di Edmund McMillen e Team Meat avevano estremizzato nella loro opera prima. Gli sviluppatori di Caracal Games, già autori di Downward, non hanno dunque fatto segreto della loro forte ispirazione a Super Meat Boy, e ciò si nota non solo nelle varie dinamiche ludiche, ma anche nell'intera struttura del gioco.

    Okunoka è suddiviso in tanti piccoli livelli (più di cento) che possono essere completati in pochi secondi: il titolo è pensato anche per sessioni mordi e fuggi e per chi invece vuole sfidare se stesso o gli altri in leaderbord online che tengono traccia dei tempi di completamento. L'incedere "spezzettato" ha poi concesso di creare dei piccoli microcosmi in cui via via vengono introdotte nuove meccaniche, con un piglio quasi didattico. Il primo livello, ad esempio, ci chiede di saltare oltre un burrone e ci fa prendere dimestichezza con l'utilizzo della corsa e del salto. È poi il turno degli slanci usando le pareti e dei rimbalzi più impegnativi. Insomma, la classica strategia che sfruttano praticamente tutti i platform in cui ci si è imbattuti nel corso del tempo. Ci siamo concentrati su questo aspetto, però, proprio perché solo all'inizio Okunoka è così tradizionale, per poi divenire via via sempre più originale ed impegnativo. L'elemento più caratteristico della creazione di Caracal Games è infatti un rimando ad uno dei classici shoot'em up a scorrimento: Ikaruga. Il gioco di SEGA permetteva i giocatori di cambiare, alla pressione di un tasto, il colore degli scudi e quello dei proiettili sparati: con il blu si potevano danneggiare i nemici rossi e con uno scudo rosso potevano esser assorbiti solo i laser dello stesso cromatismo, e viceversa. Pur trattandosi di giochi profondamente differenti, Okunoka ha preso questa idea e l'ha reinterpretata in funzione di una struttura da platform 2D in cui non c'è nessun sistema di combattimento. Ka - questo il nome del piccolo protagonista - ha quindi la possibilità di dominare il ghiaccio, il fuoco ed i fulmini: attivando e disattivando questi elementi con i tasti dorsali del pad si possono "accendere" e "spegnere" delle piattaforme del corrispettivo colore. In molti livelli è dunque imperativo allenare i riflessi e la coordinazione per capire quando attivare un potere, e quando invece disattivarlo. Più si va avanti, poi, e più le combinazioni si fanno complicate e contorte: è lì che Okunoka mette in mostra tutta la sua essenza da gioco "masocore", come scherzosamente amano definirlo i creatori. Chiacchierando con gli sviluppatori abbiamo scoperto che molti dei livelli sono stati rimaneggiati e semplificati perché troppo difficili, e ci è stato persino detto che all'inizio il gioco sarebbe dovuto essere un metroidvania e che in partenza i poteri elementali erano molto più complessi da utilizzare. Fortuna che queste mefistofeliche premesse non si sono più avverate, perché anche così Okunoka è decisamente impegnativo.

    Al di là di tutti i dettagli ludici, il progetto di Caracal Games sfoggia anche un look piuttosto gradevole. Ad un primo sguardo si notano subito le somiglianze con gli ultimi Rayman in 2D (uno degli sviluppatori ce l'ha confermato come fonte d'ispirazione), ma un po' dovunque si possono adocchiare numerosi rimandi alla cultura nerd.

    Ci sono i nunchaku e la pizza di Michelangelo in un angolo di un livello, la bicicletta volante di E.T. che si sposta sullo sfondo, skin varie con i connotati di Deadpool o Iron Man. Okunoka non è particolarmente originale né sorprendente, eppure i colori sgargianti ed il buffo design dei personaggi alleviano l'astio che può scaturire da tutto quel carico di malumori che - e non è un segreto - prima o poi balzeran fuori con una forza dirompente.

    Okunoka Okunoka è un piccolo e colorato platform 2D che, al contrario di come si potrebbe pensare, non lesina una corposa dose di sofferenza. L’ispirazione a Super Meat Boy ed alcune dinamiche mutuate da Ikaruga gli donano infatti delle caratteristiche intriganti e allo stesso tempo piuttosto “hardcore”. Ma l’intenzione degli italiani di Caracal Games è proprio quella di creare una progressione che si basa sul trial and error e sulla sfida, proprio per render più forte l’emozione di esser arrivati al traguardo. Okunoka dovrebbe arrivare quest’anno su Nintendo Switch ed in seguito sulle altre piattaforme: tenetelo d’occhio, perché potrebbe rivelarsi una piccola ma gradita sorpresa.

    Quanto attendi: Okunoka

    Hype
    Hype totali: 8
    86%
    nd