Anteprima Panzer Tactics DS

La seconda guerra mondiale su due schermi.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • DS
  • Intro

    Si è sempre lamentata, riguardo l'uscita di titoli per DS, la mancanza di strategici, sia a turni che in tempo reale, che sfruttassero a pieno la libertà di selezione e navigazione attraverso l'utilizzo del pennino in dotazione all'ultima console portatile della Nintendo; "Advance Wars: Dual Strike", che nel periodo estivo del 2005 accompagnava la prima ondata della nuova generazione di giochi su touch-screen, dimostrò infatti come sia possibile su DS garantire quella rapidità di interazione necessaria per lo strategico classico. La tedesca CDV Software Entertainment pubblicherà a breve un prodotto della Sproing, che cerca appunto di esaltare le capacità della console doppio schermo nell'ambito degli strategici: "Panzer Tactics DS".

    Achtung achtung!

    L'ennesimo strategico sulla seconda guerra mondiale; e non c'è nulla di cui lamentarsi date le aspettative e le proposte del titolo. Tralasciando l'ambientazione in sé per sé, facilmente reperibile su qualsiasi testo di storia contemporanea, è necessario porre attenzione al modo in cui il giocatore viene inserito in questa; il primo passo prevede la scelta di una fazione di cui essere esponente e generale: si può appartenere all'esercito tedesco nazista, alle truppe della madre Russia o alle forze degli Alleati. Tale scelta determinerà un certo percorso attraverso missioni, diverse quindi per ogni fazione, atte soprattutto a rievocare eventi storici realmente accaduti. Non mancheranno a tal proposito elementi sbloccabili, come nuove missioni segrete o tipi di tecnologie militari, le quali seguiranno il corso della vicenda seguendo appunto gli anni di produzione (un determinato tipo di carro armato, ad esempio, non sarà utilizzabile prima di una determinata data poiché effettivamente non era ancora stato concepito e costruito). In continua evoluzione non saranno solamente la tecnica di gioco e le strategie, ma anche le singole unità, strutturate secondo statistiche che aumentano secondo livelli acquisibili tramite punti esperienza. Il giocatore navigherà in questo mondo attraverso l'utilizzo del touch-screen, che presenterà la mappa su cui si muovono le unità, regolandosi tramite statistiche proposte in una grafica raffinata sullo schermo superiore. In un certo qual senso, nulla di nuovo per quanto riguarda l'utilizzo degli schermi, ma decisamente convenzionale e pratico.

    Da Rachel e Maverick a Hitler e Churchill

    La Sproing Interactive Media ha presentato nel 2006 questo nuovo lavoro basato appunto sulla serie "Panzer", che i giocatori di vecchia data ricorderanno affondare le sue radici nel Nintendo 8-bit e crescere su più postazioni e in varie tipologie di gioco, dallo strategico allo spara-tutto in soggettiva. Giunta timidamente alla fiera dell'E3 di quest'anno, la Sproing si è ritrovata a percepire il premio per il miglior strategico per DS: un gran colpo per la casa di produzione tedesca che ha suscitato un notevole entusiasmo in quanti vivono ancora cercando di conquistare le 300 medaglie di "Advance Wars DS". "Panzer Tactics DS", tuttavia, è stato accusato di esser troppo vicino alla concezione del titolo Nintendo/Intelligent System appena citato: la posizione della grafica sugli schermi e lo stile muovi-attacca-costruisci ad alcuni rievocano eccessivamente le ore passate tra Megatank e Neotank per sconfiggere l'armata del Black Hole. Crolla ogni mozione dinanzi alle esperienze di giochi che hanno fatto la storia dello strategico, partecipi appunto di questo modo di studiare la strategia attraverso anche la componente manageriale; cade ogni accusa di similarità soprattutto pensando a come "Panzer Tactics DS" ponga rimedio ad uno di quelle caratteristiche di "Advance Wars" che tendeva ad irritare gli strateghi più "viziati": le mappe sono organizzate in grafica 2d secondo una griglia esagonale e quindi più realistica, considerando i turni utilizzati per percorrere determinate distanze. Altra peculiarità è la miglioria dei dialoghi, meno banali e più inerenti al contesto, e l'aumento sensibile del numero delle unità utilizzabili in gioco: si parla di circa 150 tipi di unità. Certamente il design, allontanandosi dallo stile manga e cartoon di "Advance Wars", risulterà magari meno godibile agli appassionati dello stile nipponico che potrebbero entrare in contrasto con la grafica essenziale delle animazioni e del gioco stesso, prossimo alle schermate dei classici in bidimensione (come ad esempio i primi "Civilization"). Un gioco comunque nuovo e, pare, con una notevole longevità, date le caratteristiche appena proposte, e con una notevole numero di variabili e di potenzialità soprattutto nelle opzioni di multiplayer, gestite attraverso l'utilizzo della stessa console per due giocatori e in wireless fino a quattro giocatori.

    Panzer Tactics DS L’uscita di “Panzer Tactics DS” è prevista per gli inizi di Dicembre 2006, ma la Sproing annovera il titolo ancora come in fase di produzione. Gli strateghi più appassionati lo attendono, probabilmente per poterlo confrontare con il previo strategico per DS, non dimenticando che questa potrebbe essere una nuova linea di concezione per i giochi di tattiche a turni. La CDV ci ha già proposto notevoli pubblicazioni in ambito strategico e ambientazioni della grande guerra, speriamo quindi, data la massiccia carica innovativa a cui il prodotto aspira, che tutto non finisca in una bolla di sapone.

    Quanto attendi: Panzer Tactics DS

    Hype
    Hype totali: 2
    68%
    nd

    Altri contenuti per Panzer Tactics DS