Anteprima Perimeter

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Perimeter - 1555

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Introduzione

    I giochi di strategia in tempo reale negli ultimi anni si sono molto evoluti, trovando sempre diversi punti di vista. Si è assistito, spesso, all’introduzione di nuove idee e modalità di gioco, ma il risultato finale è stato spesso un incrocio di cloni di giochi sempre uguali, arrivando saturare l'entusiasmo dei videogiocatori. Qualcosa, però, nell’ultimo periodo sembra essere cambiata, sono apparse nuove proposte sul mercato degli RTS che si pongono sotto una luce completamente diversa. Una software house di origine russa, la Kd Labs, ha dato vita , col suo Perimeter, ad un nuovo tipo di prodotto. Considerato da molti una vera e propria rivoluzione nel suo genere Perimeter entra come un fulmine a ciel sereno nel mondo degli Rts.

    Un nuovo orizzonte organizzativo

    Lo stile di gioco è probabilmente la prima cosa di Perimeter che cattura l'attenzione: le partite non si limitano, infatti, ad una serie di scontri di massa tra i vari schieramenti, i cari vecchi assalti a ondate tipici dei giochi di strategia degli anni passati. Il giocatore, al contrario, deve articolare la sua azione in funzione di tre ben determinate organizzazioni, ognuna basilare ai fini della buona riuscita di una missione. La prima fase è denominata “TRUST” e riguarda la modifica del terreno su cui si è scelto di impiantare la base di partenza. L’evoluzione del territorio circostante viene svolto da un corpo scelto denominato i Brigadieri, che sono completamente autonomi e non controllati dal giocatore, il loro operato viene regolato tramite un’apposita interfaccia.


    Queste unità sono le più importanti nella fase “TRUST” in modo da attuare nel migliore dei modi le proprie azioni militari e strategiche. Perimeter è un gioco di strategia in tempo reale innovativo e originale, in cui, per la prima volta in un videogioco, l’ambiente circostante, il terreno e la manipolazione dello stesso diventano un elemento strategico primario nel complessivo sviluppo del gameplay. La fase principale del gioco consiste proprio nelle operazioni del Terraforming come strumento di acquisizione di energie e di conquista: le potenze aliene non avranno possibilità di vittoria se il perimetro delle vostre basi spaziali sarà conquistato e protetto con cura tattica e l’uso di nano-tecnologie futuristiche oltre che milizie spaziali, essenziali per la conquista di nuovi mondi interplanetari. L’innovativo gameplay garantirà un’esperienza di gioco gratificante sia nella modalità single player che in quella multiplayer. La seconda fase e costituita dalle “Congregazioni”, anch’essa di grande rilievo nell’economia del gioco, riguardante l’edificazione del Perimetro difensivo della base. Una buona strutturazione della zona difensiva, l’utilizzo di nanotecnologie e l’impiego di una motivata milizia spaziale renderà tragico l’assalto degli alieni alla vostra base. Il funzionamento di queste barriere è piuttosto semplice: costituite da entità di piccole dimensioni, basano la propria inespugnabilità proprio sul movimento ininterrotto di queste unità, che percorrono senza sosta il perimetro nella sua interezza. Visto l'altissimo numero di unità di questo tipo presenti durante una partita, pare ovvio come anche in questo caso il loro controllo non sia stato affidato direttamente dal giocatore, che altrimenti non avrebbe avuto più tempo per gestire gli altri aspetti di gioco. Inoltre questi perimetri difensivi sono pattugliati in continuazione da altre unità difensive, i “monk”, che aggiungono una ulteriore difesa psichica alla linea d’urto principale. L’ultimo elemento e puramente bellico ed ha il nome di “Legion”, che costituiranno le vostre forze d’attacco e sfondamento dei perimetri difensivi. Importante sarà, per esempio, sorprendere ed eliminare i brigadieri nemici prima che possano modificare il terreno circostante, come sarà del resto fondamentale, parlando questa volta di difesa, coprire le spalle ai propri brigadieri, in modo da evitare trappole o assalti nemici.

    Dettagli promettenti

    La storia è basata sulla ricerca di una Terra Promessa, ambita da molti, ma la cui collocazione è sconosciuta. Perimeter è un gioco che attraverso scenari fantascientifici analizza l’istinto primordiale di sopravvivenza delle specie, ambientato in un universo in cui la Terra sta morendo, privata per sempre delle sua fonti di energia. In questo scenario di distruzione molte civiltà combattono tra di loro per la propria sopravvivenza: ciascuna di esse mira alla colonizzazione di nuove galassie che possano ospitarle. Coinvolti in questo epico viaggio interplanetario, sarete chiamati a esplorare nuovi mondi, a combattere civiltà aliene e specie indigene al fine di acquisire le energie necessarie per preservare la vostra specie. Dopo il breve briefing iniziale dobbiamo soffermarci anche sui diversi tipi di vegetazione interpalnetaria, che troverete nelle diverse fasi del gioco. Il background sarà costituito da una miriade di oggetti e strutture strategiche, se infatti in molti titoli di strategia usciti sul mercato l'ambiente circostante rivestiva un ruolo del tutto passivo, la musica sarà completamente diversa in Perimeter. Dove tutto l’ambiente che vi circonda sarà oggetto diretto del gioco. Quindi avremo l’occasione di vedere , nei minimi dettagli, i cambiamenti che apporteremo alla vegetazione circostante o al suolo e il modo in cui influenzerà la nostra difesa o offesa. Sempre riguardo gli ambienti di gioco, resta da dire che i vari partecipanti si troveranno divisi in differenti territori, uniti fra loro da speciali portali: ogni giocatore non avrà sotto gli occhi il teatro di battaglia nella sua interezza, ma potrà esplorarlo e conoscerlo grazie alle varie inquadrature di risoluzione scalabile. Quindi, per la prima volta in assoluto, in un RTS il giocatore è chiamato a manipolare strategicamente l’ambientazione in cui intende stabilire le proprie colonie al fine di recuperare le energie necessarie a espandere i propri territori di conquista e preservarsi dagli attacchi delle civiltà nemiche. Le condizioni del paesaggio possono essere integralmente stravolte utilizzando numerosi parametri tra cui l’impiego di unità speciali, esplosioni e processi di erosione naturali. L’aggiunta di uno scudo di protezione impenetrabile vi permetterà di utilizzare e pianificare da principio tatticamente la difesa del perimetro della vostra colonia, ingrandirla e fortificarla con i necessari edifici e il livello delle riserve di energia lo consentano. Questo scudo consentirà al giocatore di approntare una tattica di difesa dagli attacchi esterni per perseguire con successo le proprie strategie di espansione.

    Promesse

    La KD Labs ha prodotto il suo gioco basandolo su un proprio motore grafico e dobbiamo dire che tirando le somme esso risulta molto positivo. La bontà di questo engine può senza dubbio essere colta dai dati tecnici diffusi dalla software house, anche se le stesse immagini presenti a corredo dovrebbero bastare a rendere merito al lavoro svolto dai programmatori russi. Da sottolineare la scelta della casa russa di puntare su un mix di grafica strutturata su voxel e applicazioni poligonali. Tradotto in soldoni queste caratteristiche danno la possibilità al giocatore di roteare con semplicità le visuali di gioco ed esplorare il mondo circostante senza nessuna limitazione e col massimo dettaglio.


    L'aspetto grafico è stato curato con particolare attenzione e sarà quindi possibile vedere concreti cambiamenti dello scenario di gioco in seguito alle varie azioni compiute dal giocatore. La profondità del titolo e assicurata da 27 missioni ambientate in altrettanti diversi scenari, 28 tipologie di unità morphizzabili, 24 tipi di strutture, 30 mappe in single player, 5 mappe in multiplayer e la possibilità di gestire fino a 500 unità individuali ai livelli strategici più elevati. Un incredibile dettaglio grafico, grazie al motore del gioco, in grado di gestire 10 milioni di poligoni al secondo. In conclusione, si può ben sperare da questo innovativo progetto della KD, che mostra i requisiti essenziali per un buon successo grazie a nuovi spunti, che permettono al titolo di andare oltre alle solite dinamiche dei normali RTS.

    Quanto attendi: Perimeter

    Hype
    Hype totali: 2
    62%
    nd