Anteprima Planetscube

Un Minecraft elevato al cubo arriva su Kickstarter

anteprima Planetscube
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Domenico Musicò Domenico Musicò ha un motto: "È più facile spegnere la luce dentro se stessi che disperdere le tenebre tutt'intorno". Col tempo ha capito di avere ragione, ma è disponibile a cambiare ancora idea. Chiedetegli consigli sulla musica prog, l'horror e tutto ciò che vi passa per la testa su Facebook e Google Plus.

Cubi, cubi ovunque: chiunque vi abbia spiegato che tutti i pianeti hanno una forma sferica, mentiva sapendo di mentire, perché esiste un universo alternativo interamente fatto di blocchi da 25 centimetri cubici chiamato Planets³ (Planetscube). In un punto del cosmo che non ha un’ubicazione precisa, si dice ci siano degli alieni con sembianze umane, forse giunti in uno di questi pianeti per puro caso. Non ci sono risposte, solo tante domande: sono dei sopravvissuti? Da dove arrivano? Cosa è realmente accaduto?

Il mondo ai nostri piedi

I giocatori saranno chiamati a rispondere a questi quesiti partendo dalla loro condizione più miserabile, dal nulla in cui giacciono senza avere grandi scopi nelle loro vite, fino ad arrivare a costruire con le proprie mani delle astronavi che potranno solcare i vacui tragitti interstellari. Libertà di esplorazione, libertà creativa, completa manipolazione dei materiali: un trittico che fa sorridere e riempie di speranza per quello che potrebbe rappresentare una nuova frontiera del gaming e al contempo una vera e propria espansione concettuale di quel Minecraft da cui milioni di giocatori non riescono ancora a staccarsi. Planetscube è questo e molto altro ancora, perché si tratta in realtà di un autentico gioco di ruolo che vuole basarsi su un’ambientazione in continuo mutamento, sempre pronta a essere revisionata, demolita e ricostruita con nuove forme e dimensioni.
Si leggono spesso proclami che inneggiano all’immaginazione dell'utente come unico limite all’interno di un videogioco, ma stavolta la promessa potrebbe essere di quelle serie e convincenti, soprattutto considerando come la combinazione del sistema di crafting e delle abilità acquisibili progressivamente riescano ad ampliare il numero di possibilità nelle mani dell’utente.

Durante l’avventura ci imbatteremo in molti personaggi che ci chiederanno di portare a termine dei precisi obiettivi; una volta guadagnata la fiducia dei cosiddetti Job Masters, si potranno apprendere alcune abilità che aprono a una progressione considerata essenziale per potersi barcamenare nel mondo di gioco. Fabbri, orafi, ingegneri, combattenti, cuochi, costruttori e agricoltori: sono costoro a potervi fornire nuove ricette, a darvi una mano per costruire nuove strutture, a riparare oggetti distrutti, a smantellarli per costruirne di nuovi, a combattere contro altri nemici o a fornirvi le basi per ottenere un buon raccolto. Il primo tra loro che incontrerete sarà il fabbro, che vi insegnerà i rudimenti del mestiere permettendovi di cimentarvi nell’utilizzo di attrezzi basilari, per poter così avere un’arma efficace e un’armatura con la quale preservare il vostro corpo.
Naturalmente, come in ogni gioco di ruolo che si rispetti, si aumenta di livello e si affinano le abilità. Qui, ogni azione compiuta porta a una miglioria delle statistiche, pertanto saltare e correre migliorerà la forma fisica, imbracciare armi e oggetti pesanti aumenterà la forza, e spingere un po’ più in là i propri limiti si tradurrà in un aumento della stamina. E questi, badate bene, sono solo alcuni esempi di ciò che questo affascinante titolo sarà in grado di offrire.

Verso l’infinito e oltre

Si potrà inoltre scegliere lo stile di combattimento che meglio si adatta alle vostre inclinazioni, pertanto al classico guerriero potrete alternare magari la classe del ninja o quella del cecchino. Accoppiatevi poi con altri giocatori che hanno scelto dei ruoli differenti, e all’interno dei dungeon potrete trovare la perfetta combinazione tra forza e strategia per poter avanzare come una squadra affiatata. Ogni dungeon è occupato da almeno un boss, che vigila solitamente un forziere contenente un tesoro indispensabile per migliorare le abilità e le statistiche del personaggio. Oltretutto, i dungeon stessi sono distruttibili, ma servono gli strumenti adeguati per poter creare delle brecce all’interno dei labirinti. Anche esplorare ogni angolo alla ricerca di materiali o cristalli è una di quelle azioni che paga sempre, perché sostanzialmente, in Planetscube, il crafting è la chiave che spalanca le porte alla progressione e l’unico vero modo per evolvere. È un gioco dove bisogna costantemente costruire e dove ogni cosa è composta da blocchi, anche l’oggetto apparentemente più insignificante. Legno, roccia, metallo, sabbia, frammenti alieni: sono tutti materiali da utilizzare a piacimento, per poter assemblare costruzioni complesse come case, o piccoli elementi come le parti secondarie di un’arma. Volete costruirvi un veicolo a due ruote e utilizzarlo per spostarvi lungo il pianeta? Col tempo, riuscirete senz’altro a farlo. Volete andare in giro in un altro sistema solare, alla scoperta di nuove realtà di cui neanche eravate al corrente? Perfetto, si può fare, ma non prima di aver creato un’intera astronave con grande estro creativo.

E se volete mettere il vostro genio a disposizione della comunità, potrete condividere generosamente il frutto del vostro lavoro, creando per gli altri tutto ciò di cui avranno bisogno.
Mancano ancora ottantamila dollari e meno di 10 giorni per poter trasformare Planetscube in una realtà di affascinante e di grande interesse. A cavallo tra un RPG classico, un adventure game e un sandbox dalle grandi possibilità di customizzazione, l’ambizioso titolo di Cubical Drift ha delle caratteristiche di peso per poter sfondare e bissare il successo di Minecraft. Se la campagna Kickstarter non dovesse andare a buon fine, ci sono alte probabilità di vederlo ugualmente molto, molto presto.

Planetscube Planetscube sembra cogliere la palla al balzo nel momento propizio segnato dal successo di Minecraft, espandendo a dismisura una formula di sicuro successo che potrebbe elevare il concept del crafting verso nuove altezze. Combinando la profondità di un gioco di ruolo al piacere di costruire ogni cosa senza sottostare a ingombranti limitazioni, il gioco offre anche un’esplorazione totale e una trama stuzzicante. Creato con l’intenzione di promuovere il multiplayer e la condivisione continua tra i giocatori della community, l’ambizione di Planetscube è totale e punta decisamente in alto. Dare fiducia al progetto, viste le premesse, sembra sia un obbligo dal quale non ci si potrà sottrarre senza forti ripensamenti.

Quanto attendi: Planetscube

Hype
Hype totali: 5
69%
nd