Anteprima Pro Evolution Soccer 3

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Pro Evolution Soccer 3 - 1007

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Intro

    Per una simulazione perfetta dovremo aspettare i prossimi episodi: pare infatti che, per la delusione dei giovani aspiranti Gaucci e Cellino sparsi in tutto lo stivale, saremo impossibilitati a ricorrere ai Tar regionali nel caso la nostra squadra subisca vari "soprusi" nel corso della Master League; sarà anche impossibile iscrivere la propria squadra in campionato grazie a fidejussioni false, e dunque, di conseguenza, fare le vittime del caso; ma cosa ancor più grave, non si rileva la presenza di nessun Carraro da far saltare.
    Se è questa la vostra idea del calcio girate al largo: qui la politica non conta; se invece la vostra massima aspirazione è quella di poter realizzare un’azione capolavoro come i nostri tre fenomeni Del Piero, Totti e Vieri hanno realizzato contro la Germania, avrete pane per i vostri denti. Il Re è tornato, tutto il resto è off side.

    Novità

    Ed anche per questo episodio le novità da segnalare sono tante e sostanziose. Prima di tutto il team di sviluppo ha abbandonato il vecchio e poco performante motore grafico, a favore di uno nuovo di zecca. Sebbene non sia ancora fotorealistico, i miglioramenti si notano facilmente, soprattutto grazie all’incremento notevole di animazioni: sono infatti 80% in più, con alcune dedicate a giocatori specifici. Per fare un esempio, sarà altamente spettacolare vedere danzare sul pallone il divino Zidane, o ancora osservare il movimento di Rivaldo (quello del Barcellona, non la pallida copia vista a Milano) durante il caricamento di un tiro. Sono piccole cose, che però aggiunte in un contesto senza particolari difetti lo portano verso la perfezione assoluta. Inoltre, i giocatori saranno dotati di espressioni facciali che rispecchiano l’umore degli stessi. Altra novità assoluta, saranno ora presenti ferite e fasciature sui calciatori infortunatosi in azioni di gioco, e , a detta dei programmatori, la possibilità di infortunarsi sarà di molto maggiore. Perfezionate ovviamente anche le movenze dei portieri, che ora si presentano più reattivi e spettacolari, seppur non sempre imbattibili. Sono infatti sporadicamente causa di gol assurdi, ma ciò non fa che aumentarne il realismo;
    Sconfortante invece vedere come il tanto richiesto arbitro in campo sia sempre assente, così come è desolante osservare le panchine ancora una volta vuote… Comunque ammirabile l’aggiornamento del regolamento: è ora presente la regola del vantaggio, il Silver gol e, udite udite, il fallo di mano, novità quasi assoluta (è stato infatti proposto nella serie “This is Football”, seppur non implementato nel migliore dei modi) nell’ambito delle simulazioni calcistiche. E’ stato inoltre eliminato l’odioso bug che non permetteva l’espulsione di più di tre uomini: ora al quinto cartellino rosso della stessa squadra la partita è sospesa, così come nella realtà.
    Capitolo stadi: oltre ad essere stati aggiunti alcuni templi del calcio (come, ad esempio, l’Olimpico di Roma) ed essere così arrivati all’invidiabile cifra di 20 stadi (tutti riprodotti fedelmente), è stata migliorata un po’ tutta la cornice: sono stati infatti aggiunti nuovi cori, ora il pubblico è in generale più esaltato e esaltante e la componente casa-trasferta si farà sentire sicuramente di più che in passato. E’ stato inoltre aggiunto un interessante diversivo: infatti, dopo aver comprato l’opzione al We Shop (di cui tratteremo in seguito), nella Master League l’afflusso dei tifosi dipenderà esclusivamente dal fatto se è una partita di cartello e dai risultati ottenuti, regalandoci la sensazione di essere veramente al centro di una contestazione, oppure di essere idolatrati dai propri sostenitori.
    Dulcis in fundo, è stato introdotto l’istant replay, che vi darà la possibilità di rivedere tutte le azioni che vorrete appena concluse.

    We Shop

    In Pes 3 sarà presente il We Shop, “luogo” in cui si potranno comprare nuove opzioni. Tra queste spiccano giocatori e squadre segrete, nuove prove nel training mode, l’editing completo, la doppia velocità di gioco, il sopraccitato comportamento dei tifosi e il richiestissimo libero mercato. D’ora in poi dunque, non sarete più costretti ad editare tutte le squadre per aggiornare le rose (sulle quali vige ancora un alone di mistero: saranno quelle della stagione entrante o della scorsa, come accaduto con Pes2?). Guadagnare Wen (questo il nome della “moneta”)è semplice quanto accattivante: più partite fate (e, soprattutto, vincete), più guadagnate.
    Resta il dubbio però che alcune opzioni, come il libero mercato e l’editing, sarebbero dovuti essere aggiunti come caratteristiche base del nuovo episodio, visto che per guadagnarle dovrete raggiungere i 10000 wen l’una( e le amichevoli danno 100 wen, mentre le competizioni vinte 1000).

    Gameplay

    Chi ama il calcio, lo gioca qui. Non c’è Fifa che tenga, Pes è da sempre sinonimo di realismo e divertimento. Come al solito l’unica maniera di scardinare le difese avversarie sarà quella di creare azioni avvolgenti fatte di fitte reti di passaggi; dunque, ancora una volta, dovrete abbandonare il vostro ego di “driblomani” a favore di un ben più redditizio, e soddisfacente, gioco di squadra. In questo nuovo episodio il tutto è stato aggiunto ad una maggiore dose di casualità. Mi spiego meglio: se prima era praticamente impossibile sbagliare uno stop, ora una volta su cento può succedere che il vostro giocatore manchi il pallone. Ciò vi farà sicuramente arrabbiare (ma non preoccupatevi, succederà anche al computer), ma vi sembrerà di assistere ad una partita vera.
    Anche l’I.A. risulta ora più sofisticata, e, come promesso dai programmatori, ora i vostri compagni seguiranno l’azione anziché rimanere imbambolati nella loro posizione.
    Sempre a detta del team di sviluppo, sarà ancora più difficile trovare la via del gol, rendendovi la vita difficile nel caso vogliate fare (irrealistiche) goleade.
    Ci saranno anche due piacevoli novità: la prima, già presente in Pes 2, ma notevolmente affinata, sarà la modalità manageriale. In pratica dovrete solo decidere lo schema e i giocatori da schierare, sarà poi l’I.A. a giocare la partita.
    La seconda, ben più innovativa, sarà la possibilità di controllare un solo giocatore, rispolverando un’idea che aveva avuto la Namco con il suo Libero Grande.
    Da segnalare l’ampliamento del training mode, che oltre a nuove prove prevede l’intelligente “playback retry”. Questa opzione vi permetterà di mandare indietro al punto che si vuole un’ azione eseguita, al fine di perfezionare i vostri schemi.

    Master League

    Notevolmente ampliato anche il campionato Master, ora chiamato Wefa League. Innanzitutto le squadre sono passate da 40 a 64, e ora saranno selezionabili solo formazioni del vecchio continente, visto che le poco affascinanti e forti squadre sudamericane sono state sostituite da alcuni medi club dei grandi campionati. Tra questi segnaliamo le new entry di Perugina, Bologna, Chievo, Udinese e Brescia. Da sottolineare la presenza di due team, il WE United e il PES United che saranno selezionabili per evitare di sostituire una squadra reale. La vostra scalata verso la leadership europea passerà ora attraverso 4 divisioni.
    Le novità arrivano invece dal mercato, ora molto più profondo. E’ stato inoltre introdotto un motore di ricerca per trovare i vostri futuri beniamini in base alle loro caratteristiche.

    Conclusioni

    Come al solito vedremo il gioco sugli scaffali a Novembre(il 2 precisamente), e mai come in questa occasione ci sentiamo di dire come questo Pes 3 sarà un nuovo passo verso la simulazione sportiva definitiva. La speranza è quella di vedere il gioco Konami in testa nelle vendite a Fifa, che nonostante la bassa qualità, ottiene sempre grandi risultati ai botteghini; ma il pubblico europeo sembra aver capito chi è il re, e ora non ci resta che attenderlo con trepidazione.

    Quanto attendi: Pro Evolution Soccer 3

    Hype
    Hype totali: 1
    70%
    nd