Quantum Error: lo sparatutto ispirato a Dead Space non brilla

Teamkill Media porta Quantum Error al Future Games Show ma il gioco, nonostante la premessa accattivante, continua a non convincere pienamente.

Quantum Error
Anteprima: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Dopo aver mostrato le prime sequenze di gameplay e svelato le premesse narrative del suo Quantum Error, Teamkill Media è andata in silenzio radio e il survival horror è sparito dalle scene. Lo sviluppo del gioco d'altra parte era ben lungi dall'essere ultimato e siccome il collettivo statunitense vuole confezionare un'esperienza degna delle sue fonti d'ispirazione - da Dead Space a DOOM 3, fino alla produzione letteraria di H.P. Lovecraft - il fatto che Quantum Error si sia assentato ci è parso piuttosto normale. In occasione dell'edizione primaverile del Future Games Show, che tra i tanti ha ospitato il debutto del gameplay di The Lord of the Rings: Gollum (qui trovate il trailer di The Lord of the Rings: Gollum al Future Game Show), il viaggio del brivido del pompiere Jacob Thomas ha dato bella mostra di sé in un nuovo trailer farcito di sequenze action e alcune sorprese, come la possibilità di passare alla terza persona e di guidare veicoli alla Mass Effect sul pianeta Giove (a proposito, qui la nostra recensione di Mass Effect Andromeda). Dal canto nostro, non avremmo potuto che analizzare il filmato nel dettaglio, per mettere in luce sia gli elementi positivi della produzione, sia le diverse criticità che al momento sembrano minare la ricetta ludica.

    Un pompiere (un po' troppo) lontano da casa

    In passato vi abbiamo già detto qualcosa sull'inizio delle disavventure del nostro protagonista, che è il capitano dei pompieri del Gerboa Fire Dept. Inviato dal capo Sturgis a spegnere un incendio divampato presso i laboratori della Monad, situati a 30 miglia dalle coste californiane, Jacob Thomas si ritrova dinanzi a una minaccia ben più grande di lui e della sua squadra, un disastro che ha molto poco a che fare con gli incendi.

    Nella struttura ad alta tecnologia del conglomerato industriale infatti si è consumato un disastro indicibile e con ogni probabilità connesso ai suoi oscuri esperimenti. Il nuovo trailer non ha fatto altro che moltiplicare i nostri interrogativi ma se non altro ha messo in luce la natura cosmic horror della produzione e il perché è presto detto.

    In quello che potrebbe essere un punto più avanzato dell'avventura, che stando alle parole degli sviluppatori durerà attorno alle 15 ore, abbiamo ritrovato Thomas in procinto di indossare una tuta spaziale vagamente simile all'iconica corazza del Doom Slayer. Imbracciato il fucile, l'uomo attende l'apertura di un portellone per recarsi in un'altra area della grande struttura in cui si trova, che - neanche a dirlo - abbiamo scoperto essere leggermente distante dalla Terra.

    A un certo punto gli eventi narrati porteranno lo sfortunato pompiere su Giove, a 556 milioni di miglia da casa, in una sorta di centro di ricerca popolato da mostruosità d'ogni sorta e sconvolto da titaniche tempeste di sabbia. Il malcapitato dovrà servirsi di un portale per raggiungere l'immenso pianeta, e se sì, cosa lo spingerà a compiere un simile azzardo? Allo stato attuale delle cose è difficile rispondere a queste domande ma se non altro gli ingredienti per tirar fuori un intreccio interessante sembrano esserci.

    Le incertezze del gameplay

    Sebbene siano riuscite a intrigarci sul fronte puramente narrativo, le scene che compongono il nuovo trailer ci hanno lasciato un po' di dubbi sulla solidità della ricetta ludica, che in ogni caso potrebbe ricevere tutte le limature del caso in tempo per il lancio. Come gli stessi sviluppatori hanno specificato, il filmato è stato ricavato da una versione work in progress di Quantum Error, quindi le considerazioni che seguiranno sono da considerarsi assolutamente provvisorie. Innanzitutto, pare proprio che l'avventura di Teamkill vivrà sia di sanguinose mattanze di mostri, sia di puzzle più o meno semplici, basti pensare agli incendi da spegnere con l'idrante o alla necessità di dover trascinare cadaveri fino ai pannelli per poterne utilizzare i dati biometrici. Sarebbe bello se alla base dell'avanzamento ci fossero delle sane fasi di backtracking, a vantaggio della raccolta di risorse utili e di un clima di tensione che speriamo non venga compromesso dalla corposità dell'arsenale a disposizione del pompiere.

    In Dead Space (qui la nostra recensione di Dead Space 3) ad esempio Isaac Clarke si scontrava con delle temibili mostruosità spaziali, che eliminava con degli armamenti sorprendentemente efficaci. Eppure il team della compianta Visceral Games riuscì a bilanciare al meglio orrore e potenza di fuoco, evitando che le armi facessero sentire invincibile il giocatore.

    Sorvolando sulla scena finale del cannone energetico, negli scontri "standard" tra Jacob Thomas e questi esseri dal design non particolarmente originale - basti pensare al ragno gigante o ai due tipi di umanoide mostrati - non abbiamo percepito che il protagonista fosse effettivamente in pericolo e non solo per i tanti fucili in suo possesso. Le movenze dei nemici ci sono parse fin troppo ingessate e i loro attacchi, che abbiamo trovato estremamente basilari, sembrano avere un "tempo di attivazione" decisamente permissivo.

    Gli arnesi del mestiereNelle scorse ore Teamkill ha pubblicato una versione estesa del gameplay di Quantum Error, dalla quale è stato possibile estrapolare qualche informazione in più sull'utilità degli attrezzi del mestiere di Jacob. Nel precedente video abbiamo visto il capitano dei pompieri spegnere incendi servendosi di idranti ed estintori, per poi destinare la propria ascia a un utilizzo differente: spaccare in due le teste dei nemici. In realtà l'accetta servirà anche per distruggere i detriti, una possibilità che se unità alla rimozione di casse e altri ostacoli consentirà al malcapitato di aprirsi dei varchi verso nuove aree delle ambientazioni. Sempre legata alla parziale distruttibilità degli scenari è la motosega, con cui Jacob potrà aprire le porte sigillate in modo "alternativo". Purtroppo i detriti e gli elementi distrutti scompaiono in modo piuttosto inelegante (con un bagliore giallo) e vistoso, un discorso che purtroppo estendiamo ai cadaveri dei nemici. Infine vogliamo segnalare la possibilità di attivare modalità di fuoco secondarie per le armi, col fucile al plasma che ad esempio emette delle lame energetiche e la presenza di ARGUS, un'intelligenza artificiale che con ogni probabilità aiuterà Jacob nella sua missione.

    La medesima legnosità caratterizza anche le animazioni del pompiere, che si muove, mira e salta (con tanto di jetpack) in modo goffo e francamente anacronistico. In aggiunta, le armi sembrano non produrre rinculo e i mostri - prima di venir raggiunti dal colpo mortale - non reagiscono in alcun modo ai colpi che li feriscono. Se a ciò aggiungiamo un gore system ancora un po' grezzo e un'implementazione della terza persona a dir poco rivedibile, i motivi che ci spingono a desiderare che l'uscita del gioco sia ancora lontana si fanno ancor più evidenti. In ogni caso speriamo che la Houser Station di Giove abbia in serbo per noi qualche sorpresa non necessariamente legata alla progressione principale, il che conferirebbe una maggior validità al veicolo che ci permetterà di spostarci più agevolmente tra le piane sabbiose che separano le strutture. Attendiamo di scoprire dell'altro in materia di enigmi e scontri corpo a corpo, che vedranno il pompiere ricorrere alla fida accetta e a una strana arma a tenaglia in grado di ridurre i nemici in ammassi di carne.

    Quantum Error Il nuovo trailer di Quantum Error ci ha fatto venire ancor più voglia di svelare il mistero dietro all’incidente della Monad ma al contempo ci ha lasciato con qualche perplessità di troppo in relazione al gameplay. Ad oggi le animazioni di Jacob e dei suoi avversari appaiono grossolane, a discapito della piacevolezza di scontri a fuoco che speriamo non abbandonino il “fattore tensione” tipico di Dead Space. Al momento è impossibile esprimersi sulla qualità degli enigmi o dell’esperienza nel suo complesso, motivo per cui aspettiamo di vedere un video di gioco con meno tagli. Una cosa però è certa: Teamkill farebbe bene a prendersi il tempo necessario per assicurarsi che l’esperienza finale possa rendere giustizia alle buone idee da cui ha avuto origine.

    Quanto attendi: Quantum Error

    Hype
    Hype totali: 40
    58%
    nd