Ratchet & Clank Rift Apart: tutte le novità dell'Opening Night Live

Insomniac Games chiude l'evento della Gamescom con un gameplay esteso di Ratchet & Clank per PlayStation 5. Ecco tutte le novità.

anteprima Ratchet & Clank Rift Apart: tutte le novità dell'Opening Night Live
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Con l'onere e onore di chiudere l'Opening Night Live di Geoff Keighley, Ratchet & Clank: Rift Apart si è mostrato in un video gameplay esteso e senza tagli. Sette minuti e mezzo di meraviglia tra salti dimensionali, intense battaglie e scene quasi apocalittiche per quella che sarà un'altra esclusiva "disponibile durante la finestra di lancio" di PS5. Dopo la nostra precedente anteprima di Rift Apart ci siamo dunque lanciati, Onnichiave alla mano, in una disamina del materiale inedito fornito dall'extended trailer e, a questo proposito, ci sono alcune interessanti novità che meritano un approfondimento.

    Un colpo di troppo

    Il nuovo video di Ratchet & Clank: Rift Apart si apre con i due eroi che vengono sbalzati da una frattura dimensionale nel mezzo di una città. Il duo è alla caccia di qualcosa, o meglio qualcuno, ma prima di riprendere la loro missione sono intercettati da una squadra di avversari. È qui che, a pochi secondi dall'inizio del trailer, ritroviamo uno dei tratti caratteristici della serie di Insomniac: l'inventario delle armi a disposizione. Sebbene ne siano state mostrate appena quattro tipologie, la diversità degli strumenti presenti nella demo lascia ben sperare circa la bontà del sistema di equipaggiamento del titolo: in questa prima fase vediamo ad esempio il Lombax passare rapidamente dalla Burst Pistol, utile per gli scontri più semplici, alla ben più devastante granata Shatterbomb,.

    Dopo aver sconfitto gli avversari, Ratchet e il suo compagno non hanno neanche il tempo di esultare, interrotti dalla repentina apparizione dell Dr. Nefarius. A quanto pare il malvagio villain, tornato in forma robotica, si è impossessato del Dimensionator, un misterioso strumento in grado di alterare la realtà.

    Con l'intenzione di usarlo per battere gli odiati avversari, Nefarius punta l'arma contro i protagonisti; Ratchet, in pochi istanti, spara alla gemma esposta del fucile dimensionale, scatenando così la sua potenza incontrollata (e una valanga di guai): il cielo si frantuma in portali da cui fuoriescono creature preistoriche, e l'equilibrio tra le realtà appare ormai gravemente destabilizzato.

    È da questo momento che Ratchet può sfruttare le fratture, che reagiscono al suo guanto: tramite alcuni portali di colore arancione, il protagonista può spostarsi da un punto all'altro della sua dimensione, mentre quelli violacei sembrano collegare diverse realtà. È proprio in una di queste fratture che il duo si separa, portando Clank a incontrare la Lombax femminile già intravista in passato e di cui non conosciamo l'identità. Insomniac, infatti, continua a mantenere il segreto sul nome della nuova eroina, e allo stesso modo ha anticipato che esistono altri tipi di portali mai mostrati.

    Prima di continuare, una doverosa precisazione sull'esatta collocazione di Rift Apart nella continuity della saga: ai microfoni dell'Opening Night Live, gli esponenti di Insomniac hanno affermato che il gioco per PS5 prosegue il plot di "Into the Nexus" (pubblicato nel 2013), ma che l'avventura sarà stand alone e godibile da chiunque.

    Come un film

    Se c'è qualcosa che colpisce immediatamente lo sguardo è la ricchezza delle scene presenti nel corso del video di gameplay: la mole e la qualità dei particellari appare veramente fuori scala, mentre tutto intorno i portali fanno apparire i nemici o trascinano chissà dove dei poveri malcapitati. Non è un caso se, nella nostra anteprima, abbiamo citato i film Pixar: Rift Apart pare infatti portare su schermo momenti talmente vivi e vibranti da reggere a testa alta il confronto con i lungometraggi animati più moderni, in un caleidoscopio di esplosioni multicromatiche che riempiono la scena in ogni istante.

    Veloce come un BlasterSuccessivamente all'Opening Night Live, Insomniac ha ufficialmente confermato che Ratchet & Clank: Rift Apart potrà girare a 60 fps. Si tratta di un'opzione da selezionare che sacrifica la risoluzione a 4K in favore del frame rate. Un'ottima notizia che ha reso felice la community in attesa di vivere il salto generazionale.

    Decisamente piacevole è anche la meccanica con cui Ratchet, sfruttando il Rift Tether, attraversa i portali: in questi frangenti è come se la realtà "implodesse su sé stessa", restituendo un effetto visivo di alto livello. I responsabili di Insomniac hanno spiegato a Keighley che il gioco sfrutterà ampiamente l'SSD di PlayStation 5, e che durante l'avventura non ci sarà alcun caricamento. Parlando della meccanica delle fratture, si tratta di una scelta di design legata a doppio filo all'efficienza del disco rigido di PS5, che permette di recuperare istantaneamente gli asset di ogni porzione del gioco: una dinamica utile a comprendere le potenzialità della next-gen targata Sony.

    D'altronde la sequenza successiva, già visionata in passato, chiarisce ulteriormente quello che appare come il tratto distintivo di Rift Apart: in una manciata di secondi Ratchet balza da un mondo preistorico a una realtà futuristica (in cui Nefarius sembra aver conquistato definitivamente il potere), passando anche da un vascello pieno di pirati che non esitano a premere il grilletto contro il dinamico duo. Il tutto in un batter d'occhio, talmente fulmineo da non lasciare il tempo di dire "bolt".

    Un gameplay ancora da "sentire"

    Conclude il quadro di impressioni preliminari la parte più action del prossimo Ratchet & Clank. Come detto in precedenza, il gameplay ha mostrato solo quattro tipologie di armi: alle due citate poc'anzi si aggiungono il Topiary Sprinkler, un annaffiatoio automatico in grado di congelare gli avversari, e il fucile a doppia canna Enforcer. Ci aspettiamo che gli strumenti possano essere sfruttati in combinazioni fantasiose, ed effettivamente il Topiary offre una finestra temporale maggiore per selezionare una diversa arma, magari più lenta ma potente, e avere la meglio sui nemici. Insomniac, da questo punto di vista, è una garanzia, e non vediamo l'ora di testare i gadget più assurdi (qualcuno ha detto Pecorator?).

    Il gameplay esteso, tra l'altro, ha confermato una nostra precedente ipotesi: le armi aumenteranno di livello, quasi certamente in base a quanto verranno utilizzate, e allo stesso modo il Lombax acquisirà esperienza e "risorse" che, con tutta probabilità, serviranno ad migliorare la sua potenza distruttiva.

    Ribaditi gli elementi che si piazzano in continuità col soft reboot del 2016, è tempo invece di trattare le funzionalità che potrebbero dare un feeling del tutto nuovo all'avventura di Insomniac: le feature del DualSense. Anche in questo caso gli sviluppatori hanno voluto chiarire in che modo saranno sfruttate le funzionalità del pad di PlayStation 5: il feedback aptico, stando alle loro parole, darà la sensazione di sparare ogni singolo colpo della Burst Pistol, e allo stesso modo "si sentirà l'energia di una granata pulsare in mano e svanire progressivamente dopo averla lanciata". Secondo gli autori, quindi, i giocatori saranno in grado di riconoscere distintamente ogni arma anche senza vederla con i propri occhi.

    A tutto ciò si aggiungono i trigger meccanici, che sfrutteranno una funzione anticipata qualche giorno fa sulle pagine del PlayStation Blog: nel caso dell'Enforcer, il grilletto del pad offrirà due livelli di resistenza, in modo da decidere se sparare con una sola canna del fucile o con entrambe.

    Stando a Insomniac, questo semplice dettaglio fornirà un substrato tattico aggiuntivo agli scontri, giacché starà a noi decidere quando risparmiare proiettili (magari nel caso di nemici più deboli) e quando scatenare tutta la potenza di fuoco.

    Si tratta quindi di dettagli preziosi, che andranno valutati minuziosamente "pad alla mano", ma che gi concorrono a delineare il profilo di una produzione degna di portare alto il vessillo di PlayStation 5.

    Ratchet & Clank Rift Apart Ratchet & Clank: Rift Apart si mostra integralmente nel suo filmato gameplay esteso e, oltre a ribadire la grandissima cura rivolta da Insomniac nella composizione della scena, rassicura molti utenti desiderosi di un salto generazionale. La quantità di particellari, la velocità con cui gli assets vengono caricati a ogni portale attraversato e la mole di elementi sullo schermo non lasciano alcun dubbio: siamo di fronte a un vero titolo next-gen, e Insomniac sembra aver preso sulle proprie spalle il compito di accompagnare l’utenza alla corte di PlayStation 5.

    Quanto attendi: Ratchet & Clank Rift Apart

    Hype
    Hype totali: 102
    85%
    nd