Anteprima Red Dead Revolver

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Red Dead Revolver - 1142

Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS2
  • Xbox
  • La vendetta di
    Red

    Red Dead
    Revolver è un progetto nato in casa Capcom durante l'estate dello scorso anno e
    successivamente abbandonato, a causa più di problemi finanziari che di altri
    motivi ipotizzati da giornalisti di tutto il mondo. Il progetto, per fortuna, è
    stato acquisito da una software house che, a quanto pare, non sembra aver alcun
    problema economico, grazie alla milionaria serie che li ha resi famosi in tutto
    il mondo: parlo dei creatori di Grand Theft Auto, che con gli ultimi 2 capitoli
    apparsi su tutte le piattaforme (esclusi gli hardware Nintendo) hanno segnato
    tappe fondamentali nell'evoluzione e nello sviluppo di meccaniche di gioco
    innovative. La Rockstar Games ha infatti ampliato il proprio staff grazie
    all'acquisto degli Angel Studios, originari programmatori di Red Dead Revolver,
    garantendo così nuova vita allo sparatutto in terza persona.

    Trama

    Comincia tutto
    in una landa desolata del selvaggio West, dove una normale famiglia, in seguito
    ad una fortuita serie di eventi, scopre una quantomai fruttifera vena d'oro. Da
    qui alla tragedia il passo è breve. Il dittatore della zona, tale Javier Diego,
    viene presto a conoscenza dell'interessante scoperta e decide di inviare sul
    posto una squadra di mercenari per fare piazza pulita dell'intero nucleo
    famigliare ed impossessarsi, così, dell'oro. Red, ancora un bambino, osserva la
    sua famiglia mentre viene impunemente trucidata senza alcuna pietà dagli uomini
    di Diego: quelle immagini rimarranno impresse nella sua mente per sempre, mentre
    dal più profondo del cuore sale forte una voce che brama vendetta.

    Gameplay

    Inizia così
    la ricerca di Red dei responsabili della morte dei suoi genitori, una ricerca
    che non conosce pietà o rimorso alcuno, una lunga caccia all'uomo che ci terrà
    impegnati per diverse ore, spaziando tra ambientazioni sempre diverse e -come
    assicurato dagli stessi programmatori- che ci vedrà prendere le sembianze di ben
    6 personaggi, garantendo completezza nella narrazione della storia, sviluppata
    così attraverso più punti di vista. Ogni personaggio sarà caratterizzato da
    precise peculiarità che influenzeranno in maniera sostanziale l'evolversi degli
    scontri e la strategia che dovremo utilizzare per contrastare i vari nemici.
    Red, ad esempio, sarà dotato di una particolare abilità, molto simile al Bullet
    Time, in grado di rallentare il tempo per qualche secondo, garantendoci così una
    mira più precisa e la possibilità di scegliere, uno dopo l'altro, i nemici da
    colpire o, quantomeno, ferire. In Red Dead revolver, infatti, una griglia
    evidenzierà il profilo del nemico che ci è comparso davanti agli occhi e ci
    permetterà di scegliere il punto in cui colpirlo, senza alcuna limitazione;
    altrimenti, altra caratteristica sicuramente da evidenziare, il fatto di poter
    colpire più nemici nell'arco di un secondo circa: ciò sarà reso possibile da
    una minor precisione per quanto riguarda la mira (non potremo più scegliere
    quale parte del corpo colpire) ma un'elevata rapidità di movimenti nel fare
    fuoco verso i nemici. Abbattere senza battere ciglio un nemico con un colpo
    preciso in mezzo agli occhi oppure ferire più avversari per poi finirli uno ad
    uno? Rockstar non preclude nessuna strada, saremo noi a decidere -in base alla
    situazione- cosa sarà meglio tentare per portare a termine il nostro compito.
    Secondo indiscrezioni non ancora confermate in una missione controlleremo lo
    stesso Generale Diego, responsabile dell'uccisione della famiglia di Red. Tale
    parte della storia, una sorta di flashback, approfondirà alcuni aspetti della
    personalità del militare e fornirà alcuni indizi utili al giocatore per
    individuare insieme a Red il nascondiglio utilizzato da Diego per scampare alla
    furia del giovane cowboy. I personaggi, secondo quanto appreso, potranno
    camminare, correre, saltare sopra ad ostacoli di media misura (botti rovesciate,
    carretti abbandonati, traversine e quant'altro vi possa capitare davanti
    durante le vostre scorribande nel Far West), strisciare carponi, avanzare
    appiattiti contro i muri ed alcune altre azioni deliberatamente prese in
    prestito al formulario stealth. Il nostro personaggio sarà mantenuto sempre al
    centro dello schermo per garantire la miglior visione possibile dell'area
    circostante e, come se ciò non bastasse, al videogiocatore sarà concessa la
    libertà di ruotare a proprio piacimento la telecamera e focalizzare con
    precisione nemici o trappole. Fondamentale per il proseguimento dell'avventura
    saranno i punteggi ottenuti al termine di ogni missione: il premio sarà del mero
    danaro da poter spendere liberamente per procurarsi nuove armi, munizioni, e gli
    immancabili kit di pronto soccorso oltre che nuovi vestiti e alcune altre
    cianfrusaglie utili, in alcuni casi, a sbloccare sub-quest o gli immancabili
    mini-game (uno su tutti il tiro al bersaglio).

    Concludendo

    Red Dead Revolver, insomma,
    mette molta carne al fuoco, e a quanto pare grazie al pieno supporto Rockstar
    San Diego gli Angels Studios stanno portando a termine questo travagliato
    progetto. In lavorazione sia su PlayStation 2 che su piattaforma Microsoft, il
    gioco dovrebbe vedere la luce entro la primavera di quest'anno ed essere
    commercializzato, per quanto riguarda il mercato pal, nel mese di Maggio. Non ci
    resta che attendere con piacevole impazienza l'uscita del titolo in questione
    per un'analisi dettagliata di ogni suo aspetto. Rimanete sintonizzati su
    Play2Eye per nuove news.

    Quanto attendi: Red Dead Revolver

    Hype
    Hype totali: 12
    76%
    nd