Rise of the Ronin: azione e scelte morali in un Giappone in subbuglio

Team Ninja esplora la fine dello shogunato con un RPG senza paure, ambientato in una cornice open-world cesellata da conflitti e instabilità politica.

Rise of the Ronin
Anteprima: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Lo sforzo comunitario dei creatori di Dead or Alive li ha portati nuovamente ai vertici della scena action negli ultimi anni, dopo un non facile periodo che ha seguito l'abbandono di Tomonobu Itagaki. Un cambio di passo dettato indubbiamente dalla serie Nioh, la quale riusciva a inserire le meccaniche soulslike all'interno di un RPG frenetico e dalla forte inclinazione al loot, fino all'arrivo del polarizzante Stranger of Paradise che - come potete leggere nella recensione di Stranger of Paradise Final Fantasy Origin - imbastiva un comparto narrativo ed estetico molto carente, ma non sfigurava affatto sul fronte gameplay.

    I prossimi anni saranno dunque decisivi per capire la reale caratura di un team fortemente ancorato sui lidi dell'RPG all'arma bianca, ma sempre voglioso di sperimentare per plasmarlo in diverse forme uniche nel genere: se l'anno prossimo Team Ninja ha intenzione di portarci in Cina con l'intrigante Wo Long - non perdete la nostra intervista agli sviluppatori di Wo Long Fallen Dynasty - nel 2024 ci farà tornare nuovamente in terra nipponica con Rise of the Ronin, un'opera che non ha alcun timore di esplorare uno dei periodi più complicati della storia recente giapponese.

    I rischi della globalizzazione

    L'anno scelto come ambientazione del nuovo titolo non è affatto casuale, perché nel 1863 il Giappone era una polveriera pronta a esplodere, schiacciata dalle pressioni di una politica instabile che aveva aperto una guerra intestina tra gli abitanti dell'isola e dal richiamo ammaliante delle sirene d'Occidente, pronte ad entrare nella cultura - ma soprattutto nell'economia - di un paese fino a quel momento isolazionista.

    Le profonde crepe sociali sono inquadrate con finezza dal volo del rapace che apre la sequenza mostrata allo State of Play (uno show ricchissimo di titoli e sorprese, come potete leggere nel nostro riassunto dello State of Play), perché se nelle prime immagini la cornice sembra ancorata al passato dall'architettura tradizionale orientale e dal viavai degli zelanti abitanti giapponesi, basta allargare il campo visivo per essere sorpresi dal profondo mutamento che accoglie l'altro lato della strada: l'occidente ha invaso il mercato ideologico del Sol Levante e si presenta con strutture moderne e squadrate, fatte di torri e finestre dallo stile vittoriano, le quali sostituiscono quell'estetica dal minimalismo ricercato che comincerà lentamente a scomparire dall'isola. L'espansione dei nuovi arrivati viene addirittura puntellata dalle stelle e strisce che svolazzano nel vento giapponese, mentre il dominio quasi millenario degli shogun è agli sgoccioli e porta alle profonde discrepanze di un territorio in subbuglio.

    Gli storici si riferiscono a questo periodo con il termine di Bakumatsu, una delle epoche più tristi dell'isola nipponica, che incornicia un paese diviso internamente tra gli ultimi sostenitori dei dittatori Tokugawa e chi invece vuole finalmente un'apertura al mondo esterno, forte del sostegno proveniente soprattutto dall'America. Tra queste due fazioni Team Ninja ci cala nei panni di un Ronin libero da ogni preconcetto sociale, costretto a scegliere insieme al giocatore la propria strada per proteggere una patria sull'orlo del collasso.

    Un gameplay stratificato

    Il non parteggiare per alcuna fazione in campo è ben illustrato dalle poche sequenze giocate che fanno capolino nel trailer di Rise of the Ronin, con il nostro protagonista intento a spezzare le vite dei giapponesi ancorati al passato così come quelle degli invasori americani, attraverso scene di lotta che fanno sfoggio del vasto armamentario messo a disposizione del giocatore.

    Il focus del combattimento, come hanno confermato gli stessi sviluppatori ai microfoni del PlayStation Blog, rimarrà focalizzato sullo sferzare di una katana, ma il Ronin non ignorerà i nuovi strumenti di morte arrivati dall'Occidente, tra armi da fuoco e baionette capaci di esecuzioni brutali, ed è a dir poco peculiare vederlo giustiziare un nemico con un revolver argentato, come se fosse la degna conclusione di un duello nel Far West. In attesa di provare con mano l'ultima fatica di un team rinomato per l'immediatezza dei suoi sistemi di controllo, è molto interessante notare le numerose tendenze di lotta che caratterizzano lo stile del Ronin: dai movimenti di un samurai che usa la katana come un pennello, si arriva a prese molto più affini al wrestling, mentre la presenza delle armi da fuoco nemiche e alleate sembra in grado di aumentare in maniera netta il ritmo di ogni scontro. Team Ninja ci ha lasciato sbirciare anche nella sua concezione di open-world, tra i movimenti silenziosi all'interno di mercati dove alcuni commercianti prosperano, ed altri invece muoiono, e la cavalcata del fidato destriero lungo una scalinata che arrossisce con la caduta delle foglie autunnali.

    Una cura particolare sembra essere infusa nella stratificazione della verticalità di Rise of the Ronin, perché non solo la capacità di saltare porta all'esecuzione di combo spettacolari a mezz'aria contro i nemici, ma anche l'esplorazione ottiene ossigeno dal cielo grazie alla morbida planata che accompagna il protagonista sugli edifici dall'estetica contrastante del suo Giappone.

    La presenza di un rampino, allo stesso modo, permette di raggiungere con facilità i punti più elevati di una struttura, ma anche di aggrapparsi agli avversari e involarsi contro di loro, rendendo ancora più variegato uno scontro che potrà quindi basarsi sull'oculata gestione delle distanze. L'attesa che ci separa dal prossimo titolo dei creatori di Nioh è ancora molto lunga, e probabilmente la mole di notizie a riguardo non aumenterà finché non verrà rilasciato il ben più vicino Wo Long, ma la breve sezione mostrata allo State of Play ha sicuramente piazzato Rise of the Ronin nella lista dei giochi da tenere d'occhio di molti utenti.

    Quanto attendi: Rise of the Ronin

    Hype
    Hype totali: 31
    77%
    nd