Saints Row The Third Remastered: ritorno a Steelport

Uscito originariamente nel 2011, Saints Row The Third tornerà presto su PC e console con una versione rimasterizzata ricca di contenuti.

anteprima Saints Row The Third Remastered: ritorno a Steelport
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Deep Silver e Volition lo avevano annunciato in più occasioni: nel 2020 ne sapremo di più su Saints Row V, primo capitolo inedito a distanza di ben 7 anni (e un'intera generazione di console) dal quarto episodio. Ma questo 2020, più in generale, sembra essere l'anno in cui i Saints provano a riconquistare terreno dopo anni di alti e bassi, sparatorie e inseguimenti: qualche settimana fa vi abbiamo parlato, sempre su queste pagine (per approfondire vi rimandiamo alla recensione di Saints Row 4 per Switch), di un nuovo porting, quello per Switch del quarto capitolo in edizione Re-Elected, ma senza concedere al pubblico un attimo di respiro, ecco che il publisher tedesco tira fuori dal cilindro un'altra occasione per tornare a indossare i panni dei gangster.

    Un modo, l'ennesimo, per prendere la rincorsa prima di spiccare un vero e proprio salto in avanti, proponendo agli appassionati la versione rimasterizzata di uno dei migliori capitoli della serie, ovvero quel Saints Row The Thirdred di cui ci apprestiamo a parlarvi. Anticipato per errore da un rivenditore , il titolo ci è stato mostrato in anteprima durante un evento stampa rigorosamente virtuale (visti i tempi che corrono): una conferenza informale trasmessa in diretta con tanto di demo giocata dagli sviluppatori.

    In arrivo il 22 maggio su PS4, Xbox One e PC, e frutto di una collaborazione tra Volition e Sperasoft (team già visto al lavoro con Agents of Mayhem), ci riporta ancora una volta tra le strade di una Steelport più bella e sfavillante che mai, merito di un lavoro di remaster che dona finalmente giustizia alle caotiche ed esplosive gesta dei Saints... o quasi. Ma prima, un breve ripasso.

    Nelle puntate precedenti...

    Ad oggi, il terzo capitolo della saga resta indubbiamente il più amato in assoluto. Fu quello della consacrazione ufficiale, tanto in-game quanto nel mondo reale: una maturazione completa dal punto di vista ludico, con ottime intuizioni in termini di gameplay e narrazione che permisero all'opera di Volition di sganciarsi dallo scontro diretto con Grand Theft Auto, inevitabile metro di paragone, e di ritagliarsi uno spazio proprio, personale.

    Il carisma di personaggi come Johnny Gat, il tono sopra le righe dei dialoghi o delle missioni, tanto quelle principali quanto le secondarie (la truffa all'assicurazione su tutte), la personalizzazione estrema di protagonista e veicoli: tutti tasselli di un mosaico che riuscì a conquistare il cuore dei giocatori, in un 2011 in cui l'open-world non era ancora la "conditio sine qua non" del genere e una tale libertà era ancora merce rara. La gang disorganizzata e impulsiva di un tempo era cresciuta, e con lei lo studio in cabina di regia, Volition, sempre più consapevole delle potenzialità sue e del brand: un'ascesa al trono celebrata con le gesta criminali di alcuni tra i gangster tra i più amati in circolazione, divenute vere e proprie star e trend setter, e ora ai ferri corti con il Sindacato, gang rivale che non intende lasciare Steelport (e il mondo intero) in mano a loro. Saints Row The Third si rivelò una quadratura del cerchio apprezzata da pubblico e stampa, e ancora oggi si dimostra capace di appagare gli appetiti della fanbase, affamata di nuove avventure, ma sempre pronta a fare un giro nei vecchi quartieri.

    Da qui la scelta di riproporre il titolo non come semplice remaster, bensì come un vero e proprio restyle tecnologico: un modo astuto per prendere due piccioni con una fava, con una proposta che da un lato permette di capitalizzare sfruttando l'indiscutibile richiamo della produzione, e dall'altro di "fare pratica" con un motore di gioco più avanzato e potente rispetto a quello di quasi 10 anni fa, una palestra per il futuro dei Saints.

    Cosa è cambiato?

    Cosa possiamo aspettarci in termini di novità? Dal punto di vista contenutistico, prevedibilmente, niente di che: l'avventura base resta quella, con annessi gli oltre 30 DLC pubblicati nel corso degli anni (tranne Bloodsucker Pack e Unlockable Pack, su consiglio della community stessa, stando a quanto dichiarato da Volition e Deep Silver), e le stazioni radio di un tempo, grazie al mantenimento dei diritti sui singoli brani. Restano al loro posto anche stile dissacrante, gag di dubbio gusto e sì, anche una certa arma decisamente poco "politicamente corretta" che tanto fece scalpore all'epoca, nonostante ora i tempi e la percezione del pubblico siano cambiati, e di molto.

    Le novità vanno ricercate esclusivamente nel comparto tecnico, che non cambia troppo nella sostanza, partendo da basi tecnologiche già note, bensì nella forma, come una massiccia dose di trucco su un volto segnato dallo scorrere inesorabile del tempo. Il primo impatto è certamente positivo: i primi frammenti di gameplay mostrati ci gettano in una delle strade più trafficate e pulsanti di Steelport, in una notte illuminata a giorno dalle vistose insegne di casinò e locali. Il sistema di illuminazione è stato completamente rivisto e, nonostante il mancato supporto al Ray Tracing (si sperava almeno su PC), il risultato generale risulta molto più accattivante e moderno.

    Per quanto l'HDR rendering sia uno dei principali artefici di questo evidente ammodernamento, contribuiscono a tale risultato tutta una serie di tecniche e migliorie che il team ha finalmente potuto sfruttare per restituirci una città più viva e credibile, dal corposo aumento dei cittadini e delle auto che riempono le strade, a texture in alta definizione (già evidenti dando un'occhiata al manto stradale) e miglioramentisul fronte dell'occlusione ambientale.

    Pozzanghere sparse qua e là e i marciapiedi non del tutto asciutti dopo una pioggerella serale permettono al motore di sfoderare i muscoli anche nei riflessi di strade e auto, che noterete sempre più spesso grazie al meteo dinamico. Un elemento che, tra effetti volumetrici e un cielo mai così credibile (anche qui per merito dell'HDR rendering), contribuisce a regalare alla platea scorci suggestivi a qualsiasi ora del giorno.

    Per valorizzare questa riedizione, Volition e Sperasoft hanno anche aggiornato i modelli poligonali dei personaggi principali della trama (ma tranquilli, i comuni cittadini non sembrano provenire da un inferno low-poly), e rivisto completamente quelli delle armi, ora molto più curate e dettagliate.

    A trarre maggior beneficio però è stato il reparto dell'effettistica, con VFX che donano vita nuova a esplosioni e sparatorie, elementi cruciali in un titolo folle e caotico come Saints Row The Third. Fiammate letali, scariche elettriche, e anche le semplici raffiche sputate dalle bocche da fuoco ora godono di una realizzazione davvero impressionante, che impreziosisce e rende ancor più esagerati ed esaltanti gli scontri con il Sindacato, ed ognuno dei momenti di puro caos che separano una missione dalla successiva. Lo stile adottato in alcuni frangenti ci ha riportato alla mente un altro medium, quello dei fumetti, più che adatto al tono per nulla realistico della serie.

    Peccato soltanto per il mancato raggiungimento dei 60 FPS su console: la scelta di puntare ai 30 frame per secondo in un titolo sicuramente ricco di situazioni in cui lo schermo inizia a riempirsi di veicoli pronti ad esplodere, ma pur sempre di quasi 10 anni fa, non può che lasciare perplessi.

    Saints Row The Third Remastered Avevamo bisogno di un vecchio Saints Row The Third in una nuova salsa? In attesa di mettere le mani sulla versione definitiva (ricordiamo, in arrivo il 22 maggio su PC, PS4 e Xbox One), la risposta non può essere un sì pieno, alla luce del sovraffollamento di porting su varie piattaforme che hanno coinvolto la saga negli ultimi anni, ma anche di un salto generazionale che sembra essersi fermato proprio sul più bello (almeno su console). Agli amanti di sparatorie, auto modificate e battutacce che non hanno mai fatto un giro tra le strade di Steelport, non possiamo che caldamente suggerire di tenere gli occhi puntati su questa Remastered, in quanto la qualità del titolo base non si discute, e anche il lavoro di restyle si lascia più che apprezzare (almeno stando a quanto visto sinora); ai veterani della saga, invece, basterà un mix di nostalgia e astinenza dall'adrenalinica azione che i Saints hanno sempre saputo regalare.

    Che voto dai a: Saints Row The Third Remastered

    Media Voto Utenti
    Voti: 15
    6.7
    nd