Songs of Glimmerwick: a scuola di magia come Harry Potter ma non a Hogwarts

Songs of Glimmerwick è un interessante GDR che vede protagonista uno studente di magia, che però brandisce un flauto al posto di una bacchetta magica.

Songs of Glimmerwick
Anteprima: PC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Quando si pensa ad una scuola di magia e stregoneria, il profilo di Hogwarts è probabilmente il primo a farsi strada nella mente degli appassionati di fantasy. Negli anni, del resto, l'immaginario dipinto da J.K. Rowling ha continuato ad ammaliare generazioni di lettori, che avrebbero dato qualsiasi cosa per poter varcare i confini della celebre Scuola di Magia e Stregoneria britannica. Non a caso, le avventure di Harry Potter sono passate a tempo record dalla carta stampata al grande schermo e al mondo dei videogiochi.

    Mentre cresce l'attesa per il prossimo debutto di Hogwarts Legacy (ve ne abbiamo parlato nella nostra ultima anteprima di Hogwarts Legacy), c'è però chi prova a dare forma a concezioni alternative di "università della magia". Ad accettare la sfida è ad esempio il piccolo team indipendente di Eastshade Studios, attualmente al lavoro su di Songs of Glimmerwick, un RPG privo di combattimenti all'interno del quale i giocatori sono chiamati ad approfondire il legame tra magia e musica. Fresco di annuncio, l'Indie ha attirato la nostra curiosità, spingendoci a dare la caccia ad ogni dettaglio relativo alla produzione.

    Magia e musica

    Nell'isola di Glimmerwick, la magia è un elemento essenziale della vita quotidiana,ma nessuno impugna ricercate bacchette per evocare incantesimi e stregonerie.

    La linfa vitale che ne regola il funzionamento non è infatti legata ad un'antica abilità artigiana, ma alla musica. Aspiranti maghi e streghe sono dunque chiamati ad approfondire la propria conoscenza di canzoni e strumenti, e per perfezionare la propria abilità con le sette note, esiste in effetti una apposita università, per la precisione una suggestiva e misteriosa "Scuola di Magia e Melodia", tra le cui stanze riecheggiano soavi canzoni della tradizione isolana. Ed è qui che è ambientato Songs of Glimmerwick, un RPG in cui il giocatore vestirà i panni di uno studente di magia.

    Liberamente personalizzabile nell'aspetto, il nostro alter-ego potrà essere sia un aspirante mago sia un'apprendista strega: una scelta che non andrà ad ogni modo ad influire sulla direzione generale della trama, che vede l'isola colpita da una difficile situazione. Le foreste che ricoprono l'atollo stanno infatti morendo, e con esse anche la fonte del potere magico a disposizione dei suoi abitanti. Sulle cause di una tale crisi, i cittadini di Glimmerwick sono divisi, con ognuno di loro che sembra avere una teoria differente a riguardo.

    A fare luce sulla questione dovrà probabilmente essere il giocatore, chiamato a suddividere le proprie giornate tra gli studi di magia e una vasta rassegna di attività complementari, che rendono il nuovo RPG degli autori di Eastshade un titolo in grado di promettere un'esperienza sfaccettata. Accanto alla necessità di frequentare lezioni di ogni genere, tra pozioni e botanica, il nostro studente universitario dovrà ovviamente perfezionare la propria abilità con il flauto, strumento che - come accennato - nell'Indie va a sostituire le più convenzionali bacchette magiche. Ma cos'altro ci attende nel corso di questo peculiare anno scolastico?

    Tra magia e botanica

    In Songs of Glimmerwick non sarà presente alcun combat system. Gli autori di Eastshade Studios - Jaclyn Ciezadlo (game director, lead designer, lead artist) e Danny Weinbaum (programmatore), coppia di marito e moglie - hanno infatti deciso di esplorare esperienze videoludiche "pacifiste", all'interno delle quali non siano previsti scontri o combattimenti. Un approccio che spiega peraltro anche la scelta di sostituire le bacchette magiche con dei flauti, e la necessità di recitare formule magiche con quella di eseguire brani e intonare canzoni.

    Senza la necessità di prepararsi a epiche battaglie, il nostro studente può concentrarsi su di un'ampia serie di attività alternative, tra le quali spicca ovviamente la vita accademica. Oltre a seguire le lezioni, i novelli maghi possono infatti iscriversi a club scolastici, dove dedicarsi a passatempi ricreativi e cementare le relazioni con i propri compagni di classe. Tra un corso e l'altro, Songs of Glimmerwick ci intratterrà per un intero anno accademico, con festival ed eventi pronti a scandire l'alternarsi delle stagioni.

    E proprio il progressivo passaggio dalla primavera all'inverno promette di avere un ruolo di rilievo nell'ambito della gestione di un variopinto orto universitario.

    L'istituto magico dell'isola ha infatti rilevato un terreno incolto, che ha deciso di tramutare in uno speciale sito botanico. Un obiettivo ambizioso, il cui raggiungimento è stato affidato a nientemeno che il giocatore. Sfruttando le proprie abilità magiche, il protagonista si ritroverà dunque a lavorare la terra, seminare fiori e organizzare aiuole e campi. Da quanto mostrato sino ad ora dal team di sviluppo, questo particolare aspetto del GDR sembra rivestire un ruolo centrale nell'economia dell'esperienza ludica, con implicazioni anche sul fronte narrativo dell'avventura. Interessante inoltre la connessione tra magia e pratiche agricole, con lo studente che potrà impiegare diversi incantesimi per migliorare la resa del giardino, ad esempio evocando nuvole di pioggia o incantando gli strumenti del mestiere così da renderli autonomi.

    Quando non si trova tra i banchi di scuola o nell'orto botanico dell'università, il giocatore è inoltre libero di esplorare l'isola di Glimmerwick, per fare amicizia con i suoi abitanti e scoprirne gli innumerevoli segreti. Ogni personaggio dell'Indie sarà doppiato, oltre che animato da un carattere e una storia unici, come illustrato anche dal reveal trailer di Songs of Glimmerwick. Interagendo con i personaggi che popolano il GDR, sarà possibile prendere parte a missioni speciali, durante le quali acquisire esperienza utile a sviluppare il proprio alter-ego. Con il tempo, potremo dunque acquisire abilità utili per coltivare, commerciare con altri NPC o interagire con il mondo di gioco, ad esempio...dialogando con le rane!

    Del resto, il mondo di Songs of Glimmerwick sembra essere piuttosto desideroso di interagire con noi, tra alberi chiacchieroni, folletti dispettosi e incantesimi che consentono di modificare l'ambiente naturale. Alcuni ostacoli all'esplorazione possono essere rimossi proprio ricorrendo alla magia, con canzoni in grado persino di innalzare il livello del suolo.

    Andando ad ampliare sempre più il proprio catalogo di brani da eseguire con il flauto, si potrà così avere accesso ad un numero sempre maggiore di attività extracurriculari: gli studenti più dinamici e curiosi potranno ad esempio decidere di affiancare i Folletti delle foreste in speciali missioni esplorative, mentre nuotare tra le splendenti acque di Glimmerwick potrebbe ricompensarli con l'avvistamento di preziose conchiglie.

    Songs of Glimmerwick Con sede a Seattle, il team di Eastshade Studios è costituito da Jaclyn Ciezadlo e da suo marito Danny Weinbaum. La coppia collabora inoltre con un compositore, attualmente impegnato nella realizzazione dei brani che daranno vita alle magie di Songs of Glimmerwick. Realizzato in Unity, il GDR porterà la sua graziosa estetica pittorica su PC e console (ancora non annunciate) nel corso dell'autunno del 2023. La data di lancio dell'Indie è dunque ancora decisamente lontana, ma sin da ora siamo piuttosto curiosi di scoprire quali sorprese potrà riservare questo strano mondo magico privo di combattimenti, ma ricco di melodie.

    Quanto attendi: Songs of Glimmerwick

    Hype
    Hype totali: 8
    59%
    nd