Anteprima Sonic Heroes

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Sonic Heroes - 244

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Ps2
  • Xbox
  • NGC
  • Pc
  • Mascotte per caso

    E chi l’avrebbe mai
    detto? Sonic, il velocissimo porcospino Sega correre su una console Microsoft...se
    soltanto 3 anni fa questa prospettiva poteva apparire vera come una bomba di
    Mosca, oggi non è nient’altro che la realtà. Dopo il fallimento di Sega come
    casa Hardware, infatti, i maggiori capolavori hanno preso vie diverse: Shenmue è
    approdato sull’Xbox, Virtua Fighter su Playstation 2 e Sonic su Gamecube. Dico
    questo perché, sebbene il gioco in esame sia in realtà multipiattaforma(e
    dunque, anche sulla nostra nera console ne vedremo delle belle), è la console
    Nintendo che ha tratto maggiori benefici dalla Sonic-mania. Che ne dite della
    conversione dei 2 magnifici Sonic Adventure usciti su Dreamcast? E della
    raccolta Sonic Mega Collection? Ma ricapitoliamo un secondo: Sonic nasce nel
    1991 dalla geniale mente di Naka, direttore del Sonic Team, che alla richiesta
    dall’alto di un anti-Mario risponde, inizialmente, con Mr. Eggman(Dr. Robottnik
    in Europa). Ebbene sì, il paladino Sega era inizialmente il perfido Dottore
    conquistatore, con scarsi risultati, del mondo. Questo perché un disegnatore
    aveva presentato soltanto in extremis uno schizzo del ben più “carismatico”(e
    “carismabile”) porcospino blu, che ha così relegato Mr. Eggman al pur sempre
    onorevole ruolo di antagonista. Seguì un periodo d’oro(probabilmente l’unico,
    economicamente parlando) che neppure l’uscita del Snes riuscì a intaccare del
    tutto. Sonic divenne in breve periodo un’icona di videogioco, e negli anni
    arrivarono gli innumerevoli seguiti, tutti caratterizzati da una velocità
    assolutamente incredibile che rendeva Sonic un grande platform ma con un
    approccio nettamente diverso dalla saga di Mario. Dopo una salita però, c’è
    sempre una discesa, e la Sega cadde nell’oblio con il Saturn, console a 32 bit
    che a priori sembrava poter sbarazzarsi della nuova concorrente: la Sony, che
    con la sua Playstation monopolizzerà in pochi anni il mercato. I motivi di
    questo insuccesso sono molti, ma di questi non è di poca importanza il fatto
    che, praticamente, non si sono visti nuovi episodi di Sonic. Fatta eccezione per
    Sonic Blast 3d(conversione da Mega Drive), Sonic Jam(una raccolta) e Sonic R(un
    gioco di corse), infatti, il porcospino blu non si è visto in nessuna nuova
    avventura. O meglio, si è visto nel corso di un E3, ma il gioco è stato
    successivamente cancellato e dimenticato nei magazzini Sega( e credetemi, forse
    è stata una fortuna). Arriva così la rivalsa: con il “realizzatore di sogni”, la
    Sega tenta, in vano, di riconquistare il mercato. La console tecnicamente è
    ottima, è molto innovativa(gioco in rete in primis), e questa volta un gioco di
    Sonic è in uscita al lancio(questo almeno per i mercati Usa e Pal). Il nome
    della nuova mini-saga(che per ora annovera solo 2 episodi, ma che sembra poter
    continuare proprio su Gc) è Sonic Adventure, e inizialmente le vendite ne
    risentono incredibilmente. Il Dreamcast in breve tempo conquista l’America, ma
    le difficoltà in Giappone ed Europa non le permettono di continuare a vivere...è
    la morte di una grandissima Casa, e la fine dell’eterna lotta Nintendo-Sega...è
    l’inizio di una nuova era, un’era in cui soltanto le grandi potenze economiche
    riescono a sopravvivere, a discapito della “classe”dei geniali programmatori
    della Sega.

    3 eroi sono meglio di 1

    Assodato che i 2 Sonic Adventure sono autentici gioielli, la Sega
    ci riprova presentando all’E3 il nuovo capitolo. Sonic Heroes ha una
    particolarità che lo discosta, e di molto, dagli altri episodi: si
    controlleranno infatti ben 3 personaggi differenti contemporaneamente(o meglio,
    in ogni momento sarà possibile passare da un eroe all’altro). Il tutto dà
    ovviamente un senso di profondità ulteriore, visto che starà a voi decidere
    quale personaggio è meglio usare in una determinata circostanza. Per fare degli
    esempi, se vi capita di dover attraversare una zona ricca di giri della morte è
    logico che la scelta ricada su Sonic, così come se ci fosse da distruggere un
    blocco di roccia il prescelto sarebbe Knucles. Le “squadre” selezionabili
    saranno 4(Team Sonic, Team Dark, Team Rose e Team Chaotix) per un totale di 12
    personaggi. Logicamente ogni squadra avrà i propri livelli e, cosa inedita, la
    propria storia, che sarà narrata attraverso spettacolari sequenze in Computer
    Grafica. Vi chiederete come sia possibile occuparsi di 3 personaggi, visto che a
    volte è già molto difficile controllarne 1 solo. Ebbene, quelli che non saranno
    selezionati saranno comandanti da una Intelligenza Artificiale e beneficeranno
    della caratteristica dell’eroe utilizzato dal giocatore. Se ad esempio fosse
    Sonic il “prescelto”, i rimanenti seguirebbero porcospino blu nella scia in modo
    tale da essere anche loro velocissimi; oppure nel caso si controllasse Knucles,
    Sonic e Tails lo aiuterebbero a scavare nel terreno; o ancora, nel caso si
    comandasse Tails, gli altri si aggrapperebbero alla sua coda per volare verso
    zone altrimenti inaccessibili. Questa incredibile varietà porterà il giocatore a
    compiere moltissime azioni, con la conseguenza che la noia sarà soltanto un
    triste ricordo.

    Tecnica e
    livelli

    Tecnicamente parlando il gioco propone un buon motore
    grafico, che però non sfrutta appieno l’Xbox. Questo perché, essendo un titolo
    multipiattaforma, gli sviluppatori non hanno potuto concentrarsi sulle singole
    produzioni, “fermandole” tutte e 3 allo standard della Playtation2. Nonostante
    tutto, però, la grafica è molto colorata e destinata a migliorare sensibilmente,
    vista la lontana data di rilascio. Anche dal punto di vista sonoro, uno dei
    punti di forza della serie, sono state promesse faville, e sono previste un gran
    numero di melodie, tutte ovviamente “rockeggianti”. Per quanto riguarda il
    design dei livelli, invece, non si può dire che ci troviamo di fronte ad una
    rivoluzione, ma l’incremento di sezioni platform è sicuramente il primo passo
    verso il platform 3d definitivo(Mario permettendo, ovviamente...), avvicinando lo
    schema di gioco ai classici in 2d, il tutto nella magnificenza della terza
    dimensione.

    Conclusioni

    Per concludere, sono dell’idea che questo Sonic Heroes possa
    veramente rivelarsi il gioco dell’anno. Le premesse ci sono tutte: una buona
    grafica, unita ad una incredibile giocabilità e ad una solida longevità di
    solito portano ad un sicuro successo, se poi il protagonista ha il carisma di
    Sonic...Forza Sega, siamo con te.

    Che voto dai a: Sonic Heroes

    Media Voto Utenti
    Voti: 29
    7.7
    nd