Stellar Blade: la spadaccina dello spazio, scopriamo l'ex Project EVE

Project EVE cambia nome e diventa Stellar Blade, pronto ad uscire nel 2023 in esclusiva console su PlayStation 5.

Stellar Blade
Anteprima: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Essendo trascorso un anno esatto dal precedentemente avvistamento di Project EVE, non sorprende affatto che l'action RPG sia stato uno degli assoluti protagonisti dello State of Play del 14 settembre. Ribattezzato in Stellar Blade, il prodotto è ancora lontano dalla rampa di lancio, tant'è che lo sviluppatore SHIFT UP ci ha fatto sapere che dovremo attendere il 2023 prima di poter assumere il controllo di Eve; ciononostante, si direbbe che lo studio si sia dato molto da fare nei dodici mesi in cui il titolo si è tenuto a debita distanza dai nostri radar. Per ingannare l'attesa e scoprire quanti più dettagli possibili sull'affascinante produzione coreana, che ricordiamo esordirà in esclusiva console su PlayStation 5, abbiamo analizzato attentamente gli strepitosi materiali diffusi da Sony e SHIFT UP.

    Un pianeta da reclamare

    Come spiegato più volte su queste pagine, Stellar Blade è ambientato in un futuro post-apocalittico in cui il terzo pianeta del sistema solare ha subito una terrificante invasione aliena. Sopraffatto dalla forza soverchiante dei grotteschi esseri piombati giù dal cielo, il genere umano ha seriamente rischiato di estinguersi, ragion per cui i pochi superstiti si sono visti costretti a cercare rifugio in una stazione in orbita attorno alla Terra.

    Nonostante l'uomo abbia dovuto osservare la propria casa da lontano per diversi decenni, questo non ha mai rinunciato all'idea di conquistarlo: a distanza di settant'anni da giorno della partenza, l'umanità è finalmente pronta a mettere in atto un piano volto a sterminare gli spietati "NA:tive" e riappropriarsi una volta per tutte del pianeta Terra. Portando sulle spalle il destino dell'umanità intera, la coraggiosa Eve e gli altri soldati della Colonia si paracadutano dunque sul pianeta Terra, scoprendo loro malgrado che la vita sul corpo celeste potrebbe non essersi estinta del tutto. Il più recente trailer di Stellar Blade ha infatti svelato che, nel corso del loro viaggio, questi entreranno in contatto con Adam, un giovane sopravvissuto che racconterà loro le vicende in cui la nostra razza venne miseramente schiacciata dai NA:tive. Ad ogni modo, Adam non sarà l'unico superstite incontrato da Eve, non a caso questo la condurrà a Xion, ossia la città dei reietti in cui dimora il saggio Orcal (un vecchietto legato a una macchina futuristica che, a prima vista, potrebbe aver sostituito i suoi organi danneggiati in seguito alla venuta dei NA:tive).

    Sempre attraverso il filmato abbiamo appreso che nelle profondità di Xion si cela un'immensa struttura in cui migliaia - se non milioni - di esseri umani sono tenuti in animazione sospesa, a causa del progressivo esaurimento energetico che purtroppo affligge la popolazione locale.

    Un post pubblicato sul PlayStation Blog sottolinea inoltre che, per poter rivendicare il pianeta Terra, la nostra Eve dovrà necessariamente instaurare dei legami di amicizia coi membri più influenti di Xion e contribuire alla ricostruzione della città, così da conquistare la simpatia e soprattutto il supporto dei suoi abitanti. Si direbbe tuttavia che sarà il giocatore a decidere di volta in volta se aiutare o meno i cittadini, il che ci spinge a sospettare che Stellar Blade possa includere delle scelte capaci di impattare sullo sviluppo della stessa Xion e addirittura sull'evoluzione del racconto.

    Se finora pensavamo che la storia di Stellar Blade sarebbe stata ambientata interamente sul pianeta azzurro, una particolare sequenza del trailer suggerisce che la battaglia coi NA:tive raggiungerà anche lo spazio. Non conosciamo ancora i dettagli, ma la scena incriminata vede infatti Eve al di fuori dell'atmosfera terrestre, alimentando ancora una volta il dubbio che la fanciulla sia in grado di sopravvivere nello spazio aperto senza la necessità di indossare uno specifico equipaggiamento.

    Un'eventualità che avevamo preso in considerazione già nella nostra precedente anteprima di Project EVE e che tutto sommato non ci sorprenderebbe più di tanto, viste le avanzatissime tecnologie di cui si avvarrà la protagonista di Stellar Blade.

    La spadaccina venuta dallo spazio

    Nel corso degli anni abbiamo avuto più occasioni per ammirare in azione lo sfrenato sistema di combattimento in chiave hack'n'slash di Stellar Blade (che per ovvie ragioni è stato accostato più volte a NieR: Automata, Bayonetta e altri titoli targati PlatinumGames), eppure questo continua a sorprenderci ad ogni appuntamento.

    Se in precedenza siamo stati puntualmente testimoni dell'abilità di Eve con la spada, le nuove clip di gameplay rivelano innanzitutto che questa si servirà anche di qualche arma da fuoco, come appunto la pistola ad alta tecnologia da impiegare per finire il bersaglio dopo aver compiuto un prodigioso balzo all'indietro. All'occorrenza, poi, sembra che la suddetta bocca di fuoco potrà trasformarsi in un futuristico cannone laser in grado di polverizzare l'obiettivo. Per quanto riguarda invece la spada, che il Director Kim Hyung Tae definisce "l'essenza stessa di Eve", abbiamo appreso che la guerriera potrà infondere all'arma anche le proprietà del fuoco e dar vita a mortali sferzate fiammeggianti. Benché dotata di un'agilità sorprendente, grazie alla quale potrà schivare all'ultimo istante gli attacchi in entrata e portarsi in un istante alle spalle del nemico ingaggiato, Eve avrà comunque la facoltà di deviare con la lama gli assalti degli avversari, per poi sferrare violenti contrattacchi. Il Director ha specificato che questo secondo approccio richiederà tempismo e precisione, anche perché "le battaglie con i boss saranno su tutto un altro livello rispetto ai comuni NA:tive". Per avere la meglio in combattimenti tanto impegnativi, saranno dunque necessari una certa prontezza di riflessi e tanta strategia.

    Tenendo presente che questa potrebbe riservarci molte altre piacevoli sorprese, è tempo di mettere da parte la componente ludica di Stellar Blade e analizzare invece il comparto grafico. Sviluppato in Unreal Engine 4, il titolo vanta un colpo d'occhio incredibile e di sicuro impatto, con scenari ricchi di dettagli e sempre attenti a rimarcare una gradevole estetica post-apocalittica.

    Benché siano ancora affetti da qualche lieve imperfezione e da uno stile altalenante (specie per quel che concerne la protagonista, le cui generose rotondità continuano a sottrarsi alle leggi della fisica), nel complesso i modelli poligonali risultano piuttosto belli, a cominciare dagli ispiratissimi e raccapriccianti boss sfidati dall'Angelo della Colonia. Rispetto a quanto visto lo scorso anno, poi, le geometrie ci sono parse molto più pulite, mentre le animazioni risultano sicuramente più armoniose.

    Stellar Blade Sebbene Stellar Blade si ostini a non voler mostrare il benché minimo elemento distintivo, ma al contrario sembri tuttora un minestrone di idee e meccaniche prese in prestito dai capisaldi del genere action, il titolo confezionato dallo studio coreano SHIFT UP continua a trasmetterci sensazioni estremamente positive. Sognando il giorno in cui potremo confermare, pad alla mano, le impressioni maturate nel corso degli anni, continueremo a seguirne lo sviluppo con acceso interesse, augurandoci che Sony ne riveli quanto prima l’esatta data di lancio.

    Quanto attendi: Stellar Blade

    Hype
    Hype totali: 48
    79%
    nd