Sword Art Online Alicization Lycoris: il più promettente spin-off di SAO

Tra conferme e contenuti inediti, Sword Art Online: Alicization Lycoris si preannuncia uno spin-off più convincente e appagante dei suoi predecessori.

anteprima Sword Art Online Alicization Lycoris: il più promettente spin-off di SAO
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Il 2020 si prospetta un'annata estremamente stimolante per gli appassionati di tie-in videoludici a tema anime e manga. Se nei mesi di gennaio e febbraio potremo dilettarci rispettivamente con gli attesissimi Dragon Ball Z: Kakarot e One-Punch Man: A Hero Nobody Knows, a marzo esordirà in Europa lo straordinario trittico composto da One Piece: Pirate Warriors 4, My Hero One's Justice 2 e soprattutto Fairy Tail RPG. Questa già irresistibile vagonata di titoli si arricchirà ulteriormente nel mese di maggio 2020, ossia quando Sword Art Online: Alicization Lycoris approderà sulle nostre piattaforme da gaming per catapultarci nel più recente mondo virtuale di SAO: il cosiddetto Underworld.

    Poiché mancano solo pochi mesi al suo esordio ufficiale, Bandai Namco Entertainment ha recentemente divulgato nuove informazioni su quello che sarà a tutti gli effetti il primo gioco di SAO a ricalcare in maniera piuttosto fedele la trama della serie. In attesa che il prodotto finale giunga nelle nostre mani, proviamo dunque a capire cosa dovremmo aspettarci dalla prossima avventura dello Spadaccino Nero e compagnia cantante.

    Una realtà virtuale da salvare

    Come saprà chiunque abbia visionato la prima parte dell'anime Sword Art Online: Alicization (già reperibile in streaming sulla piattaforma VVVVID o attraverso i lussuosi cofanetti DVD/Blu ray pubblicati dall'editore Dynit), la più recente serie del franchise ha visto il protagonista Kirito intrappolato nel realistico e affascinante mondo di Underworld, ossia il progetto segreto condotto dalla compagnia Rath.

    Non è ancora chiaro dove e come si apriranno le vicende narrate in Sword Art Online: Alicization Lycoris, ma stando a quanto anticipato dai vari trailer e video di gameplay, la nuova proposta di Bandai Namco ripercorrerà per filo e per segno gli stessi passi che Kirito ha compiuto nei primi 24 episodi della terza stagione di SAO. Questo significa che i giocatori, dopo essersi risvegliati all'interno dell'Underworld e aver fatto amicizia col giovane Eugeo, partiranno alla volta della Central Cathedral per salvare la bellissima amica di infanzia Alice e scatenare una serie di eventi che condurranno lo Spadaccino Nero a sfidare il Sommo Prelato della Chiesa Assiomatica e i suoi apparentemente inarrestabili Cavalieri d'Integrità.
    A dispetto di quanto ipotizzato nella nostra precedente anteprima di Sword Art Online Alicization Lycoris, il JRPG si limiterà a raccontare soltanto l'arco narrativo legato alla perfida e ambigua figura di Quinella, ossia l'antagonista principale della prima parte di Alicization.

    A ragion veduta, i fatti relativi all'arco narrativo intitolato "War of Underworld" (che a breve si prenderà una pausa di qualche mese, prima di tornare con un finale esplosivo e travolgente) non riceveranno - almeno per ora - una meritata trasposizione ludica.

    Nonostante l'opinabile (ma tutto sommato comprensibile) scelta adoperata dallo sviluppatore, la longevità complessiva del prodotto non dovrebbe risentirne molto, in quanto, come se l'arco narrativo dell'Administrator non fosse già abbastanza corposo, il colosso nipponico ha già precisato che i giocatori potranno dilettarsi con una serie di contenuti e addirittura delle storie originali ambientati dopo la conclusione nella campagna principale.

    Ad esempio Nobunaga Shimazaki, doppiatore di Eugeo, ha rivelato nel corso di una recente intervista che Sword Art Online: Alicization Lycoris includerà, fra le altre cose, una route narrativa che consentirà ai fan di cambiare il tragico destino del gentile spadaccino ed esplorare la quotidianità assunta da Alice e compagni dopo la roboante caduta di Quinella.

    Il titolo, inoltre, introdurrà una caparbia e attraente guerriera di nome Medina Orthinanos, che a quanto pare giocherà un ruolo piuttosto importante nella vicenda. Figlia di un nobile in disgraziata, la giovane erede della casata Orthinanos farà di tutto per riscattare il buon nome della propria famiglia, ragion per cui tenterà di diventare più forte e di distinguersi sul campo di battaglia.

    Nelle fasi di end-game, infine, i giocatori potranno riabbracciare e addirittura assumere il controllo dell'irresistibile eroina del franchise, Asuna, che seppur in ritardo si unirà alle lunghe e pericolose scampagnate nell'Underworld di Kirito, Alice e Eugeo. Insomma, gli elementi per arricchire la narrativa e imbastire una storia credibile e in linea coi contenuti originali di Alicization parrebbero esserci tutti.

    È tempo di duellare!

    Se nella prima metà del 2019 Bandai Namco è stata molto restia a mostrarci il combat system di Sword Art Online Alicization Lycoris, negli ultimi mesi abbiamo perso il conto dei trailer e dei video di gameplay dedicati agli scontri coi potenti Cavalieri d'Integrità e i colossali mostri che brulicano nelle varie zone dell'Underworld.

    Partiamo con una conferma importante, che siamo certi rincuorerà chiunque abbia nutrito il benché minimo sospetto di dover giocare l'intera campagna nei panni dello spadaccino Kirito: contando anche Alice, Eugeo, Asuna e la fiammante new entry Medina, i personaggi giocabili saranno almeno cinque. Come avvenuto in molti altri tie-in della serie, il sistema chiederà infatti agli utenti di schierare in campo un massimo di quattro personaggi, ma questa volta sarà possibile assumere in qualsiasi momento, e in maniera pressoché istantanea, il controllo di un altro eroe per concatenare combo mostruose e scatenare dei devastanti attacchi speciali.

    Questa efficace soluzione introdurrà innanzitutto un'interessante componente strategica, che se ben sfruttata consentirà di distrarre i nemici e distoglierne l'attenzione dai compagni in difficoltà o comunque in fase di recupero, ma soprattutto agevolerà l'utilizzo delle abilità peculiari ed esclusive dei cinque combattenti.

    Come prevedibile, ciascun personaggio disporrà infatti di un moveset e di skill uniche, le quali potranno risultare più efficaci contro determinate categorie di mostri: equipaggiata con una spada lunga, Medina avrà uno stile di combattimento più aggressivo e feroce dei compagni, mentre lo stocco di Asuna agevolerà gli attacchi furtivi e perforanti, nonché il concatenamento di rapide combo.

    Senza nulla togliere alle gigantesche creature affrontabili nelle sconfinate aree montuose o boschive dell'Underworld, saranno le boss fight contro i Cavalieri d'Integrità della Chiesa Assiomatica il piatto forte del prodotto. Se i precedenti tie-in di SAO ci hanno abituati a scontri che potremmo considerare dei raid a tutti gli effetti, la campagna di Sword Art Online Alicization Lycoris sarà invece ricca di duelli all'arma bianca, rigorosamente proposti nella formula uno contro uno.

    Scalando la Cental Cathedral, che a questo punto speriamo di poter esplorare liberamente, Eugeo e Kirito dovranno infatti battersi a turno contro Bercouli e gli altri cavalieri generati attraverso il rituale "Synthesis": una schiera di guerrieri maestosi e quasi immortali, capaci di ricorrere a tecniche segrete implacabili e dall'elevato potere distruttivo. Di conseguenza, i piani della torre vertiginosa diverranno delle arene mortali in cui dovremo difenderci dai continui assalti dei Cavalieri d'Integrità e attendere il momento giusto per passare all'offensiva, anche perché per la prima volta nella storia del brand videoludico di SAO non avremo al nostro seguito una schiera di supporter o guaritori sempre attenti a coprirci le spalle e ripristinare i punti vita persi. Coadiuvato da una narrazione dai toni tragici e catastrofici, il senso di sfida potrebbe realmente assumere un sapore inedito e incoraggiante, soprattutto se i ragazzi del team di sviluppo Aquria riusciranno a tenere alto il livello di difficoltà della propria creatura.

    Next Level

    Sin dai tempi di Hollow Fragment e Lost Song, i principali difetti imputabili ai tie-in ludici di SAO sono sempre stati le storie banali e ripetitive, e soprattutto i comparti tecnici neanche lontanamente all'altezza delle piattaforme da gaming che in passato hanno accolto i vari titoli della saga. Sword Art Online: Alicization Lycoris, invece, sembra possedere tutte le carte in regola per riuscire dove i propri predecessori hanno puntualmente fallito: non solo la presenza della storia originale dell'anime dovrebbe garantire un comparto narrativo coi fiocchi, ma persino la componente tecnica e artistica sembra aver raggiunto un livello più che soddisfacente.

    Dimenticate dunque i modelli poligonali spigolosi e poveri di dettagli di cui, fino ad oggi, abbiamo dovuto accontentarci, poiché il prodotto sfoggerà una serie di modelli quasi ineccepibili, soprattutto per quel che concerne i suoi indiscussi protagonisti e la diabolica Quinella (che per forza di cose verrà censurata e indosserà un lungo abito per tutta la durata della vicenda).

    Naturalmente anche il mondo di gioco ha goduto di un sensibile upgrade, offrendo una buona volta dei paesaggi apprezzabili e meno statici. Rispetto al passato, sia la vegetazione che le catene montuose ci sono parse più convincenti, soprattutto perché, a primo acchito, si direbbe che gli scenari risentiranno degli effetti del vento e delle chiassose battaglie innescate da Kirito e compagni.

    Sword Art Online: Alicization Lycoris Anno dopo anno, i tie-in di SAO ci hanno trascinati in realtà virtuali sempre diverse, introducendo puntualmente personaggi nuovi ed entrati ormai di diritto nel sempre più vasto immaginario creato da Reki Kawahara. Eppure, nessuno dei precedenti titoli del brand ha saputo soddisfarci pienamente dal punto di vista narrativo e tecnico, né ha mai cercato di rinnovare una formula ormai stantia. La scelta di seguire passo passo l’apprezzata trama della terza stagione dell’anime, invece, potrebbe garantire a Sword Art Online: Alicization Lyricos un impatto maggiore sulla sfera emotiva del giocatore, coinvolgendolo nella burrascosa e sanguinosa corsa verso l’ultimo piano della Central Cathedral. I progressi compiuti sul piano ludico e tecnico, in ogni caso, potrebbero inoltre colmare l’assenza dello sconfinato e variopinto cast costantemente al seguito dello Spadaccino Nero e rendere vincente la scommessa azzardata dallo sviluppatore Aquria. Peccato soltanto che l'arco narrativo intitolato "War of Underworld", almeno per il momento, non rientri affatto nei piani del team, con buona pace per chi sperava di poter rivivere l’intera saga di Alicization.

    Quanto attendi: Sword Art Online: Alicization Lycoris

    Hype
    Hype totali: 11
    78%
    nd