Summer Games

The Last Case of Benedict Fox: un Metroidvania tra Tim Burton e Lovecraft

Annunciato durante l'Xbox Showcase, The Last Case of Benedict Fox è una promettente fusione tra Metroidvania, avventura e orrore lovecraftiano.

The Last Case of Benedict Fox: un Metroidvania tra Tim Burton e Lovecraft
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox Series X
  • Nel turbinio di annunci alternatisi all'Xbox + Bethesda Showcase, hanno trovato spazio pesi massimi del calibro di Starfield e Diablo IV, così come il nuovo Forza Motorsport e l'intrigante Redfall. Allo show verdecrociato non sono mancati nemmeno i reveal di inaspettate nuove IP, incluso il bizzarro High on Life, shooter ideato dai creatori di Rick & Morty. Ad innestarsi con tenacia tra le nostre sinapsi, è stata però soprattutto la promessa di un metroidvania dai toni lovecraftiani: l'intrigante The Last Case of Benedict Fox.

    Attualmente in sviluppo presso gli studi di Plot Twist, la produzione polacca è firmata da veterani con trascorsi legati a serie del calibro di Dead Island, Dying Light, The Witcher, Cyberpunk 2077, Total War, For Honor, Watch Dogs e Hitman. Accumunato dal desiderio di creare qualcosa di più personale e dalla passione per il mondo Indie, questo gruppo di autori si è insediato a Cracovia, e sta ora lavorando a questa interessante esclusiva Microsoft, edita su PC e console da Rogue Games. Incuriositi dal primo assaggio di questo oscuro progetto, siamo partiti alla ricerca di ogni informazione disponibile: ecco cosa abbiamo scoperto.

    Indagatore dell'incubo

    Benedict Fox non è diventato detective per scelta. A condurlo lungo questo sentiero accidentato è stata invece una circostanza quantomeno enigmatica. Non sappiamo come sia potuto accadere, ma l'anima del giovane protagonista di The Last Case of Benedict Fox è infatti indissolubilmente vincolata ad un'entità demoniaca. Pur condividendo lo stesso corpo, l'uomo e il demone sembrano però aver raggiunto una sorta di equilibrio, che ha portato alla nascita di un indagatore dell'incubo.

    Un po' Ghost Rider e un po' Dylan Dog e Morgan Lost, Benedict Fox è pronto ad utilizzare i poteri del suo lato oscuro per svelare il mistero che si cela dietro il brutale assassinio di una giovane coppia. Il macabro omicidio si è consumato senza lasciare alcun indizio sul possibile colpevole, mentre il figlio delle due vittime è scomparso nel nulla. Con l'obiettivo di ritrovare il bambino, i giocatori potranno esplorare luoghi reali e metafisici, grazie alle straordinarie capacità del nostro sedicente detective.

    Di fronte alla morte, il demone che tormenta il protagonista è in grado di guidare Benedict in un processo inquietante ma seducente. L'entità sovrannaturale può infatti consentire all'investigatore di esplorare i ricordi e i pensieri della vittima, nel tentativo di ottenere dal defunto un'ultima testimonianza. Un sentiero maledetto, che porterà i giocatori a dissotterrare segreti che avrebbero meritato di restare sigillati nelle sole memorie. Al momento, non ci è ancora chiaro quali realtà oscure si possano celare dietro le indagini proposte in The Last Case of Benedict Fox, ma il team di sviluppo ci ha già invitati a prepararci a fare i conti con organizzazioni segrete, rituali proibiti e cruenti omicidi eseguiti a sangue freddo.

    Un quadro cupo e sanguinoso, che affonda le proprie radici nel mai abbastanza celebrato universo concepito dalla penna di H. P. Lovecraft. Dagli echi di Cthulhu al frusciare empio delle pagine del Necronomicon, la tradizione dell'orrore cosmico si prepara a rivivere nel metroidvania di Plot Twist. In questa fase, è impossibile indovinare quali specifici aspetti dell'immaginario lovecraftiano saranno portati in scena da The Last Case of Benedict Fox.

    In attesa di ulteriori dettagli, e magari di un video gameplay, la speranza è che gli autori del titolo sappiano ricreare con efficacia le atmosfere opprimenti e angoscianti firmate dal grande scrittore nordamericano.

    Le premesse offerte dal reveal trailer di The Last Case of Benedict Fox sembrano del resto incoraggianti, con il team di sviluppo che ha voluto stuzzicare la curiosità del pubblico con un piccolo dettaglio. Nel corso del filmato, possiamo infatti osservare il protagonista stringere tra le braccia il corpo senza vita del padre, mentre, insidiosa, la voce del suo demone lo persuade a profanare i ricordi del genitore. Accanto all'indagine volta a far luce sul destino del bambino scomparso, possiamo dunque attenderci anche una narrazione più intima, legata alle vicende personali e alla storia della famiglia di questo inedito indagatore dell'incubo.

    Realtà o fantasia: in viaggio tra i mondi

    Con uno stile che, per stessa ammissione di Plot Twist, propone echi della cinematografia di Tim Burton, The Last Case of Benedict Fox dovrebbe avere come ambientazione principale una fatiscente residenza nobiliare. Nella villa si è infatti consumato il già citato assassinio della giovane coppia, ed è qui che il giocatore dovrà fare i conti con i suoi demoni, interiori e non.

    Nella magione si alternano scenari di matrice vittoriana, tra sinuosi tappeti preziosi e lampadari di cristallo. Le scenografie più ordinarie sembrano però destinate a lasciare ben presto spazio ad atmosfere surreali e a panorami grotteschi.

    I corridoi della villa sprofondano in roventi rovine avernali, mentre tormente di candida neve imbiancano i saloni attraverso finestre infrante. Magma luciferino ribolle nelle profondità di caverne popolate da incubi sovrannaturali, mentre Benedict Fox si avventura sempre più nelle profondità della misteriosa residenza. Al momento, non è chiaro se la lussuosa magione che fa da sfondo al gioco si rivelerà essere tanto insolita quanto l'Hotel Miramostri di casa Nintendo (potete scoprire maggiori dettagli nella nostra recensione di Luigi's Mansion 3), ma è bene ricordare che non tutto ciò che appare a schermo in The Last Case of Benedict Fox è parte della realtà. Come abbiamo già sottolineato, grazie alle abilità messe a disposizione dal demone che affianca il protagonista, il nostro detective può infatti avventurarsi tra i ricordi dei defunti. È dunque possibile che parte delle ambientazioni più suggestive dell'Action Adventure siano legate ai segreti celati nelle menti dei morti. Un esempio potrebbe essere l'intrigante sequenza di gioco in bianco e nero mostrata dal primo trailer di The Last Case of Benedict Fox.

    Un metroidvania lovecraftiano

    Sul fronte più prettamente ludico, l'esclusiva Microsoft sembra promettere un'esperienza profondamente ancorata alla tradizione dei metroidvania in due dimensioni. Possiamo dunque aspettarci un ampio set di abilità da sbloccare nel corso dell'avanzata, passaggi nascosti, una sana dose di backtracking e un'articolata mappa interconnessa, su modello di quanto visto - ad esempio - in Hollow Knight od Ori and the Will of the Wisps. Le sequenze platform che abbiamo potuto avvistare in occasione dell'annuncio del gioco confermano ad esempio la possibilità di sfruttare i poteri del nostro demone per realizzare potenti salti o per aggrapparci a muri e sporgenze. Lungo la strada, non mancheranno nemmeno alcuni enigmi ambientali.

    Action Adventure dal traino narrativo, The Last Case of Benedict Fox sembra destinato a proporre un racconto relativamente lineare, lontano dai canoni silenziosi del mondo souls-like. Nel corso dell'avventura investigativa è inoltre piuttosto probabile la possibilità di assistere ad una continua interazione tra il protagonista e il suo demone personale, per un viaggio che farà leva anche su di una ricercata colonna sonora.

    Gli autori di Plot Twist hanno infatti anticipato che le musiche che faranno da sfondo al metroidvania saranno ispirate al jazz in voga agli inizi del Novecento. Una scelta che ben sembra sposarsi con le atmosfere da thriller sovrannaturale promesse dall'avventura.

    Spazio infine ad un combat system ispirato all'estetica pulp e che pare essere confezionato per risultare alquanto brutale. I brevi frammenti di gameplay di The Last Case of Benedict Fox ci hanno mostrato il protagonista intento a colpire creature infernali con fulminei fendenti di pugnale, per poi finirle con violenti affondi alla testa. Spazio anche all'impiego di armi da fuoco, con interessanti passaggi che vedono l'utilizzo di una pistola in combo con abilità sovrannaturali. Uno sfortunato avversario è stato ad esempio scagliato in aria dai neri tentacoli del nostro demone, solo per essere poi colpito da un proiettile letale del detective. Ovviamente, sarà necessario attendere una prova con mano per potersi esprimere sull'effettiva reattività ed efficacia del combat system, ma i primi spunti suggeriscono un assetto interessante. Tra demoni dalle fattezze vagamente umane, sentinelle ultraterrene e mostruosità colossali, siamo a dir poco curiosi di scoprire che cosa avrà in serbo per noi The Last Case of Benedict Fox.

    The Last Case of Benedict Fox Tra ispirazioni lovecraftiane, estetica à la Tim Burton e un sottofondo a base di jazz del primo Novecento, The Last Case of Benedict Fox ha stuzzicato istantaneamente la nostra curiosità. Con premesse narrative intriganti e dinamiche ludiche legate alla tradizione dei metroidvania in due dimensioni, l'esclusiva Microsoft promette un'avventura cupa e ricercata, in arrivo nel corso della primavera 2023 su PC (via Steam ed Epic Games Store) e Xbox Series X|S. Già confermato anche il debutto al Day One dell'Action Adventure nel catalogo Xbox Game Pass, per un'aggiunta al catalogo del servizio che ci pare assolutamente da tenere d'occhio.

    Quanto attendi: The Last Case of Benedict Fox

    Hype
    Hype totali: 12
    72%
    nd