Anteprima Unreal 2

Leggi la nostra anteprima e le novità sul videogioco Unreal 2 - 1444

Anteprima Unreal 2
Articolo a cura di
Disponibile per

Introduzione

Cosa ha rappresentato il primo Unreal, per la verità, pochi possono dirlo con certezza. Non stiamo parlando della sua grafica stupenda, dell'atmosfera quasi onirica, del dolce susseguirsi dei livelli tutti assolutamente slegati l'uno dall'altro ma così ben strutturati nella loro completezza.
No, vogliamo approfondire il segno che pare aver impresso sull'evoluzione delle schede video e degli Fps in generale: Unreal era un sogno, Unreal era insieme a Prey il gioco verso il quale si investivano buona parte delle speranze dei videogiocatori Pc, un titolo che nella sua maestosità visiva e sonora ebbe il solo difetto di doversi confrontare con un prodotto dal calibro di Half Life.
Quante persone scorgendo quelle cascate all'orizzonte si sono sentite letteralmente immerse in un nuovo universo, quanti colpi sprecati a sparare a quei volatili che ricordavano tanto fanciullesche raffigurazioni degli amati dinosauri, e il mistero della nave ormai abbandonata, l'inizio di un libro, no, la genesi di un videogioco.
Tutto quello che rappresentò e tuttora rappresenta, furono le basi di partenza su cui costruire un seguito in grado di migliorare le caratteristiche del predecessore, di affinarle e proporre qualcosa di nuovo sulla scena.

Presentazione

Partecipare alla presentazione ufficiale di un videogioco è un evento che fa sempre molto piacere, tanto più se si tratta di un prodotto così atteso e desiderato.

E' con estrema fibrillazione che ci siamo recati, quindi, nella sede Infogrames di Milano dove un Pentium 4 da 3 Ghz attendeva la nostra interazione per mostrarci il nuovo capitolo di Unreal, al suo massimo dettaglio sonoro e visivo.
Purtroppo le prestazioni dell'Unreal engime erano un po' limitate dai 256 Mb di ram (che con Xp sono solo nella media) mentre il comparto audio veniva riprodotto con 2 misere casse dal potenziale minimo.
Tralasciando, però, le note tecniche, stupore e fascino hanno subito percorso la nostra schiena fino a provocare intensi brividi quando è apparso il logo Atari su schermo, ricordi lontani di un tempo in cui gli americani dettavano legge e i giapponesi stavano solo a guardare.
Ed eccoci alla schermata di selezione, per la verità stilisticamente molto curata, in cui potremo definire nel dettaglio opzioni grafiche e sonore, caricare le partite, iniziarne di nuove, scegliere uno dei tre livelli di difficoltà.
Parliamo subito del motore 3D: ottime texture, una quantità di poligoni assolutamente strepitosa, ombre dinamiche, effetti particellari, nebbie volumetriche e tutte quelle caratteristiche che si richiedono a un titolo moderno.
1024x768 32 Bit di colore, tutte le opzioni al massimo, tasto "Inizia missione" che si illumina al passaggio del mouse, esitiamo prima del click decisivo, ripensiamo alle aspettative, agli screenshot, alle speranze e a tutto quello che vorremmo da Unreal 2: click.
Logo Epic, nuovamente quello Atari, una nave che ricorda la Pillar di Halo riprodotta in scala ridotta come dimensioni, uno zoom sui post bruciatori, ecco una piccola navicella che si sgancia dalla nave madre, entra nell'atmosfera fino a raggiungere una base in riva al mare, i poligoni si moltiplicano, le texture sono splendide, inizia l'avventura.
Parlando con un nostro superiore scopriamo di essere stati assegnati a una sorta di retroguardia, una squadra di pattuglia poco finanziata e equipaggiata malamente, ci viene proposto un corso di addestramento, un utile tutorial, inizia così il nostro primo contatto con il mondo di Unreal 2.
Saltare, abbassarsi, i primi approcci con le armi rigorosamente con doppia modalità di fuoco e un divertente deathmach finale con il nostro tutore olografico (chi ha detto Cortana?): non manca proprio niente per rendere la nostra iniziazione il più indolore possibile.
Non resta quindi che uscire dal tutorial e cominciare la prima missione, entrando quindi nel gioco vero e proprio.
Saremo comandanti di una nave, una nave marines atta a pattugliare i confini dell'universo civilizzato, avremo un equipaggio composto da 3 membri tutti caratterizzati discretamente: Aida che ci aiuterà nella pianificazioni delle missioni (e di cui sarete tentati di osservare ogni curva...), Isaak per la gestione dell'armamento e Ne'Ban, un automa che piloterà la nave madre.
Ma cosa ci porterà a fare stragi di alieni? Una base mineraria Liandri, infatti, interromperà il nostro pattugliamento con una richiesta di aiuto, è stata, infatti, attaccata da forze sconosciute e saremo noi a dover far luce sulla vicenda.

Questa che vi abbiamo raccontato è la genesi di Unreal 2, tutto quello che viene prima dell'azione FPS vera e propria e che riesce a creare quel mix di curiosità e tensione tipico dei grandi titoli.
Entrando in game, dopo le doverose pause ad osservare quanto sia bello il comparto grafico, noteremo subito la presenza di qualcuno in costante contatto radio con noi, che commenterà le nostre azioni e ci guiderà attraverso le numerose sezioni della base Liandri.
Il gameplay, provando il titolo per circa 2 ore, è decisamente avvincente e solido, carente forse in una certa mancanza di dinamicità all'azione dovuta ai movimenti del nostro personaggio che non spicca certo per lo scatto felino.
Una scelta dovuta, sicuramente, ad effettive preferenze di gameplay più che a limitazioni tecniche.
Ogni personaggio che incontreremo, o almeno la gran parte di essi, potrà interagire con noi e sarà interessante incalzarlo con una serie di domande selezionabili, a nostra discrezione, da un elenco.
Unreal 2, come avrete capito, è potenzialmente un titolo splendido, in noi è ancora palpabile l'emozione e il coinvolgimento ed è stato un peccato lasciare la prima missione a metà per dovuti limiti temporali.
Quello che abbiamo visto c'è senz'altro piaciuto, colpisce per la bontà grafica, ma allo stesso tempo coinvolge, grazie anche a un doppiaggio di ottimo livello.
Le premmesse ci sono davvero tutte.
A presto su queste pagine per la review italiana di uno dei giochi più attesi del 2003.

Quanto attendi: Unreal 2

Hype
Hype totali: 0
ND.
nd