Vesper: un viaggio nell'immaginario del gioco, tra buio e colori

Un ricco approfondimento su Vesper, opera prima di Cordens Interactive, che abbiamo potuto vedere in anteprima rispetto all'uscita.

Vesper: un viaggio nell'immaginario del gioco, tra buio e colori
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Si parla sempre di più del mondo dello sviluppo italiano, e ormai si può dire, a buon diritto, che si tratta di un universo, con le sue galassie e le sue stelle. Vi abbiamo già presentato in passato l'intrigante Vesper, opera prima di Cordens Interactive, studio lombardo che si appresta a rilasciare su Steam l'avventura dell'androide Seven il prossimo 30 luglio: abbiamo pensato di presentarvi un'anteprima del loro lavoro con un viaggio affascinante sul pianeta Aryish.

    Parlavamo di stelle, anche perché Cordens Interactive ha brillato nel contest Red Bull Indie Forge, piazzandosi tra i finalisti (potete recuperare qui il nostro speciale su Vesper, finalista di Red Bull Indie Forge). Il team di sviluppo ci ha offerto l'opportunità di dare uno sguardo approfondito alle ambientazioni del gioco e alle sue atmosfere fantascientifiche, e siamo stati ben felici di accettare il loro invito.

    Dopo le apocalissi

    I robot che popolano il mondo di Vesper hanno subito ben due catastrofi di inimmaginabili proporzioni: prima una guerra combattuta da macchine dalle dimensioni titaniche, e in seguito l'attivazione del Protocollo Vesper, misura di emergenza volta a evitare la distruzione totale.

    Il Prologo, giocabile nella demo diffusa su Steam, fa rivivere al giocatore questo secondo momento chiave nella storia dei robot, usando una palette cromatica prevalentemente basata sul rosso e il blu. Ecco, il primo aspetto che salta all'occhio in Vesper è proprio l'utilizzo del colore. Matteo Marzorati, Creative Director di Cordens Interactive, ha evidenziato in diverse occasioni come i cromatismi di gioco vengano impiegati in un'ottica innanzitutto emozionale: in questo caso appare evidente il contrasto tra il rosso acceso, associato a guerra e caos, e il blu delle stanze in cui il Protocollo Vesper viene attivato dall'androide controllato dal giocatore.

    L'acqua spegne il fuoco, certo, ma viene da chiedersi se il Protocollo sia stato davvero la panacea di tutti i mali: solo l'esperienza di gioco potrà permettere all'utente di farsi un'idea precisa. Ma c'è di più: è il nome stesso del gioco, Vesper, a darci un indirizzo interpretativo.

    Il vespro è l'ora del tramonto, e a questo specifico momento della giornata numerose Chiese cristiane associano la preghiera dei Vespri; da ciò che abbiamo potuto vedere, in Vesper non mancano riferimenti di matrice religiosa, e pertanto riteniamo giusto dare rilevanza ai significati del titolo scelto per l'avventura dell'androide Seven. Il tramonto è un momento liminale, di passaggio; l'attimo in cui non è né giorno, né, notte; sottile linea di confine tra mondi diversi.

    Passando al gameplay, fin dalle prime battute di gioco emergerà prepotententemente la Drive Gun, arma chiave per la risoluzione degli enigmi ambientali e strumento di avanzamento nel mondo di gioco. Sembra trattarsi di un catalizzatore di luce, dotato di vari utilizzi: una sorta di summa del gameplay di Seven, alfa e omega delle sfide del pianeta Aryish. Siamo curiosi di scoprire di più su di lei, visto e considerato che il suo impiego da parte di Seven non è stato centrale nei materiali che abbiamo visionato; il team di Cordens Interactive, tuttavia, non ha mai perso occasione per evidenziare il suo status iconico per la popolazione androide.

    Il tramonto: un Limbo

    Se è vero che per giudicare lo sviluppo della trama di Vesper dovremo attendere il momento della recensione, possiamo però dire che la gestione estetica delle schermate di gioco verte proprio su quella liminalità di cui abbiamo parlato speculando sul nome del titolo. Il fortissimo contrasto tra il nero utilizzato per i personaggi e l'ambientazione in primo piano, contrapposto agli sfondi, permette di accostare Vesper ad un illustre predecessore: Limbo (2010). Non solo: un tipo di robot che Seven incontrerà su Aryish ha chiare sembianze da aracnide, e il ragno è proprio l'animale più rappresentativo di Limbo.

    La scelta di contrapporre il primo piano allo sfondo sembra pagare, sia in termini di leggibilità della schermata, che in resa artistica: i cromatismi forti delle ambientazioni del pianeta alieno emergono in tutto il loro carattere, come potete vedere dai video che corredano questo articolo. Il tutto è esaltato dall'assenza di qualsivoglia HUD, una scelta radicale, ma che speriamo si riveli funzionale a veicolare i messaggi di Vesper e facilitare la connessione emozionale del giocatore con le vicende narrate e le vicissitudini dell'androide Seven. Nelle clip video di cui abbiamo preso visione, inoltre, sembra presente una buona varietà negli ambienti, sia al chiuso che all'aperto.

    Seven si muove in schermate autonome fra loro, studiate per raccontare il pianeta alieno che ospita l'avventura; si va dai laboratori, alle stanze di un museo, fino a sentirsi piccoli piccoli in contrasto con l'immensità del cielo... e dei robot giganti che troneggiano immobili, minaccioso memento di un tempo che fu. Ecco, si potrebbe pensare - e, ancora una volta, potremmo smentirci in sede di recensione - che Vesper sia un gioco di contrasti: tra luce e ombra, colore e buio; tra parti contrapposte in un'antica guerra; tra il piccolo Seven e le gigantesche architetture del pianeta Aryish.

    Alieni

    Il viaggio di Seven sembra essere prevalentemente solitario, ma in una interessante clip il protagonista tende una mano robotica verso un essere molto simile a un cervo. Il team di sviluppo ci ha confermato la presenza di numerose specie animali sul pianeta Aryish, ciascuna dotata di proprie caratteristiche.

    Si va dalle Nalantule, quasi un ibrido tra ragno e falena, agli Axolird, uccelli che riescono ad abitare ogni bioma. Nelle immagini del museo abbiamo notato un essere che somiglia ad un crostaceo gigante, e siamo curiosi di scoprire se si tratti di un fossile inanimato o di una specie ancora presente sul pianeta. Quanto ai simili di Seven, il loro destino in seguito all'attivazione del Protocollo Vesper sembra essere meno chiaro. Abbiamo però notato in una clip video la presenza di un villaggio: che possa ospitare androidi sopravvissuti?

    Lo stato delle capanne non sembra essere dei migliori, e pertanto trarre conclusioni è forse prematuro. C'è da capire se il mondo di Seven è sull'orlo di una nuova catastrofe, o se si è già andati oltre il punto di non ritorno. Siamo certi che le ambientazioni saranno un importante narratore nel corso della nostra avventura; è inoltre confermata la presenza di documenti più o meno nascosti che mirano ad approfondire le vicende che hanno interessato gli androidi in passato, permettendo di comprendere gli obiettivi di Seven e il suo presente.

    Ci chiediamo quali possibilità avremo nel definire il futuro dei robot: stando alla passione dei creatori di Seven per la letteratura fantascientifica - Isaac Asimov e Philip Kindred Dick in testa - possiamo immaginare che tematiche come il libero arbitrio avranno un peso consistente nell'avventura e nei documenti reperibili su Aryish. Una narrazione che potrebbe rivelarsi simile a quella di titoli come Dark Souls e Hollow Knight, dunque; il tutto nel quadro di una art direction che ha fatto da motore alla creazione del gioco.

    Spesso accade che gli sviluppatori partano da una trama, per poi dedicarsi alla costruzione delle ambientazioni e delle atmosfere; in questo caso, Cordens Interactive ha dichiarato in più occasioni che i bozzetti e i prototipi di Aryish sono stati concepiti prima di definire gli aspetti attinenti alla storia. Un procedimento senz'altro particolare - in questo caso sembra essere nata prima la gallina, e non l'uovo - e da tenere in considerazione nell'analisi del prodotto finito.

    Ormai l'attesa è quasi finita: Vesper sarà disponibile su Steam dal 30 luglio. Vi ricordiamo che inserendo il gioco nella vostra wishlist - magari dopo aver provato la demo gratuita - aiuterà gli sviluppatori a dare maggiore visibilità alla loro creatura.

    Insomma, bastano pochi click per promuovere l'avventura di Seven e inviare un grande in bocca al lupo a Cordens Interactive! Cosa vi aspettate da Vesper? Vi aspettiamo per discuterne nello spazio dedicato ai commenti!

    Che voto dai a: Vesper

    Media Voto Utenti
    Voti: 11
    7.6
    nd