Warhammer 40.000 Battlesector: sangue e furore nel nuovo gioco Slitherine

Dopo Starship Troopers Terran Command, Slitherine presenta un nuovo gioco basato su una licenza di grande richiamo come Warhammer.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Già publisher di Warhammer 40,000 Armageddon, Sanctus Reach e Gladius Relics of War, l'azienda inglese Slitherine Software è molto legata all'universo fantascientifico di Games Workshop. Proseguendo su un terreno familiare, il team si prepara a distribuire anche Warhammer 40,000: Battlesector, un altro gioco di strategia basato sul franchise e sviluppato da Black Lab Games (gli stessi creatori di Battlestar Galactica Deadlock). La formula di Battlesector è quella di uno strategico a turni in cui uno o più giocatori (è prevista infatti una modalità multiplayer) hanno la possibilità di prendere il controllo dei Blood Angels, uno tra i capitoli di Space Marine più celebri dell'universo di Warhammer 40,000, oppure della feroce orda di Tiranidi, insettoidi spinti da un solo obiettivo: consumare qualsiasi cosa.

    Scopriamo insieme ciò che ci attende dunque in questo nuovo progetto tramite le informazione diffuse dal publisher, per saperne di più non dimenticate di seguire anche il canale Twitch di Slitherine.

    La Devastazione di Baal

    Warhammer 40,000: Battlesector è ambientato dopo la Battaglia di Baal, un'invasione su larga scala da parte della flotta Tiranide contro il pianeta natale dei Blood Angels. Gli Space Marine, stando alla lore ufficiale, sono riusciti a sconfiggere gli invasori, ma hanno riportato ingenti perdite: il gioco racconterà le conseguenze dell'attacco attraverso le imprese del sergente Carleon, impegnato nella "purga" del pianeta Baal Secundus.

    La campagna, giocabile solamente controllando gli Space Marine, si divide in venti missioni con obiettivi differenti (si parla di incarichi di difesa, di recupero manufatti o attacchi diretti), intervallate da filmati che approfondiscono le vicende del conflitto e presentano i nuovi personaggi.

    Oltre alla campagna è inclusa anche una modalità Schermaglia, nella quale potremo scegliere se prendere il controllo dell'armata tiranide oppure dei Blood Angels. Le truppe possono poi essere personalizzate scegliendo le unità da schierare, gli eroi e il loro equipaggiamento; a tal proposito Battlesector promette di inserire molte unità che appartengono all'universo del gioco da tavolo. Nel comunicato vengono citati i carri Predator per gli Space Marine, gli Aggressor, Marine corazzati con un lanciagranate sulle spalle, e gli Hellblaster, armati con un fucile al plasma.

    I Tiranidi puntano sul numero, ma hanno a disposizione anche unità grandi e possenti, come i Tyrannofex o gli Hive Tyrant, e possono inoltre distruggere le difese nemiche con degli stridii sonici, nonché devastare il campo di battaglia attraverso l'uso di mine spora. I Blood Angels rispondono sia con gli sbarramenti di missili degli Stormraven sia con il lancio degli Assault Marine dietro le linee nemiche. Ogni unità schierata in campo possiede una propria unicità, ed è dotata di specifici elementi di forza e di debolezza. Queste caratteristiche possono essere consultate e si dividono in vita, punti di movimento, punti azione, evasione, abilità uniche e tutta una serie di altri fattori che vanno tenuti assolutamente in considerazione nella creazione del proprio esercito. La modalità schermaglia può essere infine affrontata anche contro giocatori umani, sia in modalità online che hotseat, ossia sullo stesso sistema.

    Sangue e furore

    Attaccare frontalmente e senza un piano ben ideato porta alla sconfitta, in Battlesector come in qualsiasi altro gioco di strategia. Se si vuole mantenere un atteggiamento difensivo, nel titolo di Black Lab devono essere sfruttare le coperture con cui riparare le proprie unità dal fuoco nemico, e può essere selezionata una modalità Overwatch, che funziona come in XCOM (rinfrescatevi la memoria con la recensione di XCOM 2 per console) e prevede che l'unità spari non appena un nemico entra nel suo raggio visivo.

    Quando le armi da fuoco non possono compiere il loro dovere è necessario combattere a distanza ravvicinata: una truppa che colpisce il nemico in corpo a corpo, tuttavia, riceve un contrattacco nello stesso turno. L'unico modo per evitare che ciò accada è effettuare una carica: se tra l'unità e il bersaglio c'è una linea di movimento ininterrotta, allora è possibile lanciarla alla carica, infliggere un danno maggiore e, in alcuni casi, spingere l'ostile indietro di una casella.

    Lo scontro ravvicinato è comunque molto rischioso, poiché muoversi nelle vicinanze di una truppa avversaria può attivare un attacco di opportunità. Lo stesso accade se il nemico si muove all'interno dell'area di controllo di un'unità amica. Nei combattimenti va tenuta in considerazione anche un'altra caratteristica chiamata Momentum.

    Si tratta di un sistema che permette di concatenare azioni o potenziare le abilità dei soldati: per esempio i Blood Raven guadagnano Momentum ogni volta che abbattono un target a distanza ravvicinata. Questo permette ai marine di infliggere più colpi critici grazie a una skill definita Red Thirst. In ogni caso, il giocatore può decidere di usare il Momentum per potenziare un'unità specifica e farle guadagnare più punti azione, oppure migliorare una delle sue abilità.

    Bisogna sempre tenere sott'occhio i propri soldati: la sopravvivenza delle truppe è importante, dal momento che possono essere impiegate in futuri scenari della campagna e affiancate alle nuove forze acquistabili spendendo punti dopo ogni missione.

    Avremo poi la facoltà di modificare l'equipaggiamento delle unità (ma alcune armi sono disponibili solo per classi specifiche), mentre ulteriori bocche da fuoco verranno sbloccate spendendo i HQ Commands Point, una valuta che si accumula completando gli obiettivi della campagna. Anche gli eroi possono essere potenziati in maniera tale da migliorare le prestazioni dell'intera armata grazie ad appositi bonus. Allo stato attuale, le informazioni sulla prossima opera di Slitherine terminano qui, ma prima salutarci vi ricordiamo Battlesector uscirà a maggio 2021 su PC, e più tardi - nel corso dell'estate - arriveranno anche le versioni per PlayStation 4 e Xbox One. Se volete arrivare preparati alla nuova battaglia, vi suggeriamo anche di recuperare il nostro speciale Warhammer 40,000 come avvicinarsi all'universo di Games Workshop: scoprirete così un mondo tanto vasto quanto sfaccettato.

    Quanto attendi: Warhammer 40.000 Battlesector

    Hype
    Hype totali: 1
    70%
    nd