E3 2006

First look 2kSports

Cosa bolle in pentola per il 2k7?

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

Anche quest’anno, in occasione dell’E3 2006, i Visual Concept hanno presentato la line up di titoli sportivi per l’anno a venire; all’anagrafe: NBA e NHL 2K7 (NFL 2k7 potrebbe vedere la luce, ma sarebbe un parto travagliato, vista la recente acquisizione dei diritti della Lega da parte di EA).
Alla fiera erano presenti delle brevissime demo giocabili (su XboX360) dei titoli sopraccitati, dalle quali si sono potute osservare alcune delle novità e dei miglioramenti apportati alle rispettive serie.
Dopo un’accurata prova siamo arrivati alla conclusione che, per quel poco che si può dire al momento, e’ stato svolto un lavoro “parallelo” su tutta la serie 2K sport: non si notano infatti cambiamenti radicali in nessuno dei tre titoli, quanto piuttosto piccoli ritocchi che rendono ancor più piacevole e realistico l’approccio al gioco.


Cominciamo dicendo che graficamente non ci sono cambiamenti rilevanti: qualche miglioramento a livello dei volti dei giocatori, ancor più espressivi e somiglianti alla controparte reale, e poco altro.
Contestualmente al comparto grafico qualche modifica e’ stata eseguita anche dal punto di vista delle animazioni: i giocatori risultano infatti muoversi in maniera molto più fluida e credibile sul campo da gioco; sono state introdotte, inoltre, animazioni personalizzate per tutti i giocatori più importanti.
Nel corso delle azioni vedremo infatti il nostro beniamino “gesticolare” e muoversi come sul reale campo da gioco: esempio lampante di questa feature si può notare in NBA 2K7 dove, quando Steve Nash, playmaker dei Phoenix Suns, riceve palla (all’inizio dell’azione), si lecca velocemente l’indice ed il medio di entrambe le mani per una miglior presa sulla sfera.
Oltre a queste “chicche” si nota un lavoro importante nella gestione delle collisioni tra i giocatori, che risulta molto più realistica e credibile.


Per quanto riguarda il gameplay, allo stato di sviluppo, i game developers sembrano essersi attenuti al motto che recita: “squadra che vince non si cambia”: i sistemi di gioco risultano infatti pressoché invariati (se non in maniera lievissima): non certo un male visti gli ottimi livelli delel versioni 2K6.
Unica pecca per ora riscontrata e’ la permanenza di quel fastidioso effetto “pattinamento” che affligge le movenze dei giocatori (ovviamente nell’Hockey si nota meno): nelle azioni più concitate i player sembrano slittare sul campo da gioco piuttosto che esercitare una presa realistica sul suolo, effetto che, seppur non facilmente rilevabile, rende i titoli ancora non perfetti.

2kSports Anche stavolta gli sportivi 2K Games ipotecano un posto sul gradino più alto del podio delle simulazioni, quantomeno per gli appassionati, da questa e dall’altra parte dell’oceano, degli sport americani per eccellenza. Consigliatissimi, come sempre, ai giocatori più pigri, che preferiscono scendere in campo comodamente seduti sul divano.