GC 2007

First look NHL 2K8

Un gradito ritorno

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Xbox 360
  • PS3
  • Una disciplina in rapida ascesa

    L'Italia è spesso identificata come la patria del calcio, non tanto perchè vi sia nato quanto per la mole di interessi e di pubblico che questo sport (ormai diventato “nazionale) muove e per l'elevato prestigio del nostro campionato che porta ogni anno alla ribalta nuove stelle grazie a squadre che spesso si impongono anche nelle competizioni internazionali.
    Pochi invece sanno che altri sport, già molto popolari in Europa ed oltre oceano, si stanno diffondendo a ritmi molto elevati anche nel nostro paese; se il primo fra questi è il basket, subito dopo troviamo l'hockey, disciplina molto amata soprattutto per l'elevata frenesia e spettacolarità che la caratterizza.
    Parallelamente alla diffusione della disciplina “praticata” è nata una passione analoga per le simulazioni videoludiche riguardanti tali attività agonistiche ed, al solito, è scoppiata una “guerra” per lo scettro di “migliore” tra i due brand più famosi nel campo sportivo: EA Sport e 2KSport.
    Nel caso dell'hockey, che per comodità chiameremo NHL (sigla distintiva della massima lega statunitense), l'iniziale supremazia 2K è andata pian piano scemando a favore, specialmente negli ultimi 2 anni, di un dominio totale EA, grazie soprattutto all'introduzione del sistema di controllo “Pro Stick” e dei team nazionali caratterizzati in maniera impeccabile.
    Quest'anno i Visual Concept, responsabili per lo sviluppo di NHL 2K8, hanno deciso di ingranare una marcia in più e, prendendo spunto dal rivale finora superiore, modificare il gameplay per renderlo più completo.
    Il titolo, distribuito da Take2 Interactive per Xbox360 e Playstation 3, è previsto per l'Europa il 26 Ottobre di quest'anno e, in quel di Lipsia, in occasione della Game Convention 2007, ci è stato mostrato per pochi minuti in una presentazione one-on-one.

    Controllo totale

    I fan della serie saranno felici di sapere che le varie modalità di gioco (esibizione, franchigia, stagione) sono rimaste invariate (se non per la grafica dei menù) e, in questo senso, non ci sono state introduzioni di sorta.
    Quel che è cambiato, invece, è il sistema di controllo, radicalmente diverso fin dalle basi; anche nella serie 2K, è stato introdotto il controllo totale tramite stick analogici, eliminando quasi completamente l'utilizzo dei front button.
    I movimenti del giocatore in campo vengono gestiti tramite stick sinistro, il controllo della mazza sarà affidato interamente allo stick destro, tiro e passaggio rispettivamente ai dorsali destro e sinistro e i “placcaggi” al tasto B.
    Sul ghiaccio questo si traduce in un controllo totale durante le azioni: in fase offensiva, grazie allo stick, potremo spostare la mazza e difendere il puck dagli attacchi avversari, in fase difensiva potremo sia contrastare l'attaccante andandogli incontro ed “agitando” la mazza nel tentativo di rubare palla, sia seguirne i movimenti muovendo la stecca per intercettare eventuali passaggi e parare le conclusioni.
    Anche durante il faccia a faccia iniziale verrà utilizzato questo sistema che, a conti fatti, introdurrà una gamma di situazioni molto più varia rispetto al passato: incrociando le mazze potrà capitare di “incastrarle” perdendo, per esempio, l'equilibrio.
    Il controllo del puck, i movimenti sul ghiaccio ed i movimenti in copertura dipenderanno, al solito, dalle abilità dei giocatori; un pattinatore scaltro, veloce ed abile nel controllo riuscirà a proteggere efficacemente il disco e a portare la squadra in attacco, viceversa, “l'impacciato” della situazione ostenterà movimenti estremamente più lenti e macchinosi che porteranno spesso, se non sempre, ad un possesso regalato agli avversari.
    Sarà quindi molto importante, come accade in tutti i simulatori sportivi che si rispettino, conoscere a puntino la propria formazione per essere consapevoli di guidare l'azione, tirare e difendere sempre con l'uomo giusto.
    Purtroppo non abbiamo potuto testare con mano il gioco ma ci è stato assicurato che l'intelligenza artificiale ha subito un upgrade ed è ora in grado di variare molto spesso le giocate e capire con efficacia quali sono i punti deboli della nostra squadra; nel quarto di gioco mostratoci si è subito vista una notevole credibilità nelle azioni, basate, se vogliamo, maggiormente sul gioco di squadra e sullo sfruttamento delle regole (passaggi contro il plexiglass) e quindi più ragionate rispetto al passato dove folli e continuati capovolgimenti di gioco rendevano monotone le sfide.

    Come al solito non mancherà una corposa modalità online comprensiva di sfide singole e tornei completamente personalizzabili; tramite Xbox Live sarà inoltre possibile aggiornare costantemente i roster delle squadre, nel classico stile dei giochi targati 2K.

    Piccoli accorgimenti

    Il comparto tecnico è, sorprendentemente, l'aspetto che ha subito meno ritocchi: i modelli poligonali, già buoni nei precedenti capitoli, sono stati ulteriormente “affinati” e presentano ora un livello di dettaglio decisamente maggiore ed al passo con la generazione corrente.
    Anche stadi, pubblico ed elementi scenici, seppur presenti in quantità limitata (come nel basket e nel tennis), risultano dettagliati e modellati in 3D; a creare un'atmosfera decisamente credibile concorrono anche un'elevata qualità di texture e shader ed un sistema d'illuminazione ambientale assolutamente scenico, quanto quelli degli stadi ufficiali, riprodotti fedelmente nell'ultima fatica dei Visual Concept.
    Le animazioni risultano aumentate in numero e legate, frame dopo frame, in maniera molto più fluida, allo scopo di far sembrare l'azione su schermo quanto più possibile simile alla realtà.
    Buoni come al solito anche gli effetti particellare che riproducono gli schizzi di ghiaccio sollevati dai pattini durante frenate e bruschi cambi di direzione.
    Anche l'audio, grazie ad un pubblico sempre coinvolto nell'azione ed alla buona campionatura degli effetti, da il suo contributo nel coinvolgere il giocatore nella sentitissima atmosfera che si crea attorno a questo genere di competizioni.

    NHL 2K8 Da questo primo approccio sembra che NHL 2K8 abbia tutte le carte in regola per lottare alla pari con la controparte EA Sport che ultimamente, almeno in questo sport, ha dominato incontrastata. Indipendentemente dalla qualità finale del prodotto, ad ora non valutabile, questa è sicuramente una buona annata per i fan dell'hockey: con due titoli molto competitivi, infatti, le alternative raddoppiano e con esse anche il divertimento. Non ci rimane quindi che da attendere l'autunno per vedere, finalmente, un interessante confronto alla pari.

    Quanto attendi: NHL 2K8

    Hype
    Hype totali: 10
    52%
    nd