Demon Slayer The Hinokami Chronicles: trucchi per aspiranti Ammazzademoni

I trucchi per iniziare a giocare a Demon Slayer: The Hinokami Chronicles, il videogioco basato sulla serie manga/anime di grande successo anche in Italia.

Demon Slayer The Hinokami Chronicles: trucchi per aspiranti Ammazzademoni
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Bramato alla follia dai milioni di fan di Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba sparsi per il globo, il nuovo titolo confezionato dai ragazzi di CyberConnect2, già autori di Naruto: Ultimate Ninja Storm e Dragon Ball Z: Kakarot, è finalmente disponibile su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e PC (siete a un solo click di distanza dalla recensione di Demon Slayer Kimetsu no Yaiba The Hinokami Chronicles). Per facilitare la nascita di nuovi Ammazzademoni, abbiamo quindi preparato una breve lista di consigli che potrebbero tornarvi decisamente utili, soprattutto nelle prime ore del picchiaduro. Riponete dunque le spade e prendete appunti!

    Setacciate ogni singola mappa

    Similmente a quanto accadeva nei vari episodi della serie Naruto: Ultimate Ninja Storm, anche il nuovo arrivato presenta una lunga Modalità Storia caratterizzata da tante sequenze in free roaming.

    Al fine di proseguire con la campagna, durante le suddette il giocatore è chiamato a raggiungere determinati punti della mappa in cui si innescano appunto i vari eventi della vicenda raccontata nel manga di Demon Slayer e nell'omonimo anime, ma è bene precisare che in ciascuno scenario sono stati nascosti degli oggetti da raccogliere e persino qualche missione secondaria. Parlando con gli NPC contrassegnati dal punto esclamativo, infatti, è possibile raccogliere delle informazioni aggiuntive sui luoghi visitati e sugli incidenti provocati dai demoni. Chiunque conosca già a menadito la storia di Tanjiro potrebbe benissimo decidere di ignorare qualsiasi indagine opzionale, ma così facendo rischierebbe di non sbloccare le ricompense che il gioco elargisce a coloro che invece decidono di prestare l'orecchio ai problemi dei locali.

    Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba - The Hinokami Chronicles presenta difatti un vero e proprio menu ricompense, attraverso il quale è possibile ottenere nuovi personaggi giocabili, costumi extra, immagini e titoli per la carta del giocatore (necessaria per la modalità online), e così via. Per sbloccare alcune di queste è necessario proseguire con la campagna, ma la maggior parte dei premi possono essere ottenuti soltanto dopo aver soddisfatto dei criteri specifici, come appunto completare le indagini proposte dagli otto capitoli della campagna. In alternativa il giocatore può scambiare le ricompense desiderate coi Punti Kimetsu raccolti nella Modalità Storia, ma poiché questi sono piuttosto limitati, il nostro consiglio è di conservarli fino alla fine del gioco, in modo tale da barattarli con i premi più allettanti ed evitare il benché minimo spreco.

    Sempre in Modalità Storia ricordatevi infine di raccogliere tutti i punti luminosi disseminati per gli scenari, in questo modo collezionerete tutti i Frammenti di Memoria e potrete rivivere i ricordi del protagonista Kamado Tanjiro e di sua sorella Nezuko.

    La fretta è cattiva consigliera

    Come spiegato nella nostra recensione di Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba - The Hinokami Chronicles, il titolo targato CyberConnect2 è caratterizzato da un sistema di combattimento ben più tecnico e ragionato di quello che contraddistingueva i vari Naruto: Ultimate Ninja Storm. Pertanto, durante le battaglie è sconsigliabile lanciarsi in assalti dettati dalla fretta, anche perché i boss di fine capitolo risultano dannatamente impegnativi e sono dotati di attacchi ad area non sempre facili da evitare.

    Quantomeno nel mezzo delle boss fight vi suggeriamo quindi di essere prudenti e di osservare i movimenti dell'avversario, in questo modo non eviterete soltanto di perdere tempo ed energia preziosa, ma potrete sfruttare a vostro vantaggio qualsiasi apertura per aggirare il nemico e tempestarlo di colpi. Tale strategia vi permetterà tra le altre cose di ottenere un'elevata valutazione finale, come la tanto agognata S richiesta per portare a casa alcune ricompense speciali.

    Non sprecate il supporto!

    Se il fenomenale Naruto Shippuden: Ultimate Ninja STORM 4 ci ha abituati a scendere in campo con due compagni e a richiederne l'intervento nei momenti di maggior necessità (a tal proposito vi suggeriamo di rileggere la recensione di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja STORM 4 per Nintendo Switch), in Demon Slayer è possibile selezionare un solo personaggio di supporto.

    Tuttavia nel tie-in il ruolo degli alleati si è fatto ancora più cruciale, poiché se in Naruto i compagni si limitavano ad eseguire la propria mossa speciale - che poteva essere offensiva o difensiva - in Demon Slayer è la situazione a stabilire il comportamento dei personaggi di supporto. Se in condizioni normali questi si limitano ad aggredire il nemico di turno, chiedere l'intervento di un alleato quando si è prossimi a subire l'assalto dell'avversario fa sì che questi traggano in salvo il personaggio controllato dal giocatore, sottraendolo quindi da una situazione di estremo pericolo. A ragione veduta, in Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba - The Hinokami Chronicles è fondamentale risparmiare il più possibile la barra del supporto e ricorrervi solo se strettamente necessario.

    Mossa speciale

    Chiunque abbia una certa familiarità coi titoli della serie Naruto: Ultimate Ninja Storm ricorderà senz'altro che chiudere un duello con una mossa speciale consentiva di sbloccare una spettacolare sequenza animata e ottenere una valutazione superiore. Ebbene, lo stesso accade anche in Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba - The Hinokami Chronicles, dove tuttavia l'utilizzo delle tecniche finale è molto limitato.

    Va infatti sottolineato che, mentre in Naruto era possibile ricaricare manualmente il chakra e ricorrere continuamente alle mosse speciali, nel nuovo gioco confezionato da CyberConnect2 le cose funzionano in maniera alquanto diversa: la barra della tecnica finale si ricarica ad ogni colpo inferto o ricevuto dal nemico, ragion per cui una volta utilizzata è necessario attendere parecchio tempo prima di ricorrervi nuovamente. E dal momento che la parata fa sì che la tecnica finale venga respinta, in questo caso è imperativo scegliere con cura il momento adatto per scatenare il vero potere di Tanjiro e degli altri abili componenti della Squadra Ammazzademoni.

    Non trascurate l'allenamento

    Sulle pagine di Everyeye.it abbiamo più volte evidenziato le somiglianze tra la mappatura dei comandi di Naruto e quella di Demon Slayer, che in effetti ha lasciato invariate le funzioni di base come l'attacco leggero o l'inseguimento.

    Ad essere cambiata è la gestione delle mosse speciali (i cosiddetti Kata), il cui innesco non è sempre intuitivo quanto quello delle spettacolari tecniche di Naruto e compagni. Pertanto, prima di addentrarvi nella Modalità Storia o cimentarvi con le partite classificate online, vi suggeriamo caldamente di approfittare della Modalità Addestramento per padroneggiare a dovere la mappatura dei comandi ed eventualmente valutare qualche piccolo ritocco. In Demon Slayer il giocatore ha infatti la facoltà di personalizzare i comandi, in modo tale da ottenere una configurazione idonea alle proprie necessità. Uno strumento, questo, che nelle sfide online potrebbe anche fare la differenza e condurvi alla vittoria.

    Che voto dai a: Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba - The Hinokami Chronicles

    Media Voto Utenti
    Voti: 8
    6.5
    nd