KAKAROT

Dragon Ball Z Kakarot Guida: trucchi e strategie per essere un vero Saiyan

Per chi si lanciato nell'opera di CyberConnect 2, arriva la guida di Dragon Ball Z Kakarot, con tutti i consigli utili per i neofiti.

guida Dragon Ball Z Kakarot Guida: trucchi e strategie per essere un vero Saiyan
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • L'attesa si è finalmente conclusa: è giunto il momento di rivivere le avventure con protagonisti Goku e i suoi amici in Dragon Ball Z: Kakarot (ricordate di leggere la nostra recensione di Dragon Ball Z Kakarot), l'action RPG che si allontana dal genere dei picchiaduro per proporre un'esperienza più complessa e longeva. Se prima di cimentarvi ancora una volta negli scontri delle principali saghe di Dragon Ball Z volete prepararvi ad ogni evenienza, vi suggeriamo una serie di consigli utili ad apprendere alcune delle nuove meccaniche di gioco.

    A caccia di sfere

    Muovendo i primi passi nel mondo di Dragon Ball Z: Kakarot noterete subito la presenza di tantissime Sfere Z di vario colore e dimensione, sparse ovunque lungo l'ambientazione. Questi globi fungono da valuta per il potenziamento delle tecniche speciali dei lottatori.

    Raccogliendo quante più Sfere Z possibile avrete quindi accesso ad una maggior varietà di mosse da far eseguire ai protagonisti: nel caso in cui doveste avere bisogno di un globo appartenente ad una precisa colorazione, sappiate che è possibile trovarle in luoghi specifici del mondo di gioco.

    Nelle aree immerse nella natura, ad esempio, potrete imbattervi in un gran numero di Sfere Z di colore verde, invece in presenza di specchi d'acqua avrete più probabilità di raccogliere sfere blu.

    Se avvertite la necessità di rimpinguare le vostre scorte, potrete inoltre mettere da parte un bel po' di globi esprimendo un desiderio al cospetto dei Shenron. Seguendo i nostri consigli su come raccogliere le Sfere del Drago in Dragon Ball Z Kakarot potrete decidere infatti di ottenere parecchie Sfere Z tra le opzioni che il dio drago vi proporrà.

    Storie Secondarie

    Sebbene il punto forte di Dragon Ball Z: Kakarot siano le quest principali, per godersi appieno il gioco sbloccando ogni singolo oggetto e potenziando al massimo i vari personaggi è necessario anche dedicare il giusto tempo alle attività collaterali, intitolate Storie Secondarie. Ogni personaggio pronto ad affidarvi qualche missione sarà accuratamente indicato con un'icona blu sul radar.

    In lontananza vedrete anche un'altissima colonna luminosa del medesimo, così da poter individuare in qualsiasi momento eventuali NPC pronti a chiedervi un favore. Vi suggeriamo di tenere sempre d'occhio le quest secondarie disponibili, poiché alcune posseggono un limite temporale, e potranno essere completate solo in uno specifico arco della modalità storia.

    Va inoltre precisato che ciascuna missione secondaria va obbligatoriamente superata con un determinato personaggio e, per comprendere al meglio quale utilizzare, è bene analizzare con attenzione gli indizi forniti dal gioco.

    Procedere al completamento delle cosiddette Storie Secondarie non vi tornerà utile semplicemente per accumulare un bel po' di punti esperienza extra, ma vi consentirà anche di mettere da parte oggetti preziosi ed Emblemi Anima, particolari medaglie che, se usate nelle Bacheche Comunità, vi permetteranno di ottenere bonus di varia natura.

    Ha un'aura potentissima

    Il sistema di combattimento di Dragon Ball Z: Kakarot, dal momento che non si tratta di un picchiaduro, è molto meno complesso e profondo di quello visto in Xenoverse e FighterZ. Nella remota ipotesi in cui potreste trovarvi in difficoltà contro alcuni boss più tosti del previsto, oltre al classico consiglio di accumulare esperienza e potenziare i vostri lottatori, vi suggeriamo anche di imparare a gestire al meglio l'inventario.

    Con il tasto Options su PlayStation 4 (Start su Xbox One) potrete aprire il menu principale, tra le cui voci c'è anche quella relativa agli oggetti. Selezionando questa opzione potrete vedere tutti i consumabili in vostro possesso e associarli ad uno specifico pulsante, così da poterli usare agilmente in battaglia e quindi tornare in piena salute nei momenti più difficili.

    Per quanto riguarda le tecniche, vi ricordiamo che il Kaioken di Goku andrebbe utilizzato con parsimonia, poiché a controbilanciare il sensibile aumento del potere d'attacco ci pensa la costante decrescita dell'indicatore della salute.

    Vi segnaliamo infine una piccola curiosità: rispondere tempestivamente ad un attacco energetico con un altro colpo dello stesso tipo è possibile dare il via ad una scena attraverso la quale stabilire il vincitore del confronto tramite un breve QTE.

    Emblemi Anima

    Uno degli aspetti più interessanti del gameplay di Dragon Ball Z: Kakarot è la meccanica legata ai già citati Emblemi Anima. Parliamo di un sistema attraverso il quale il giocatore ha la possibilità di sfruttare le competenze dei singoli personaggi, presenti sotto forma di gettoni, ed ottenere benefici più o meno sensibili in diversi aspetti del gioco, come combattimento e cucina.

    Nell'apposita schermata, che prende il nome di Bacheca Comunità, potete gestire diversi gruppi di personaggi più o meno noti della serie. Tra questi troviamo ad esempio la Comunità culinaria, che serve a migliorare l'efficienza dei pasti e, se potenziata adeguatamente, può darvi un netto vantaggio negli scontri più ardui. Non manca poi il gruppo dei Guerrieri Z, incentrato sul combattimento, e quello della Comunità degli adulti, che vanta tra gli altri anche la presenza del Genio delle Tartarughe e vi consente di vendere e acquistare oggetti di varia natura ad un prezzo molto più vantaggioso.

    Ogni comunità è dotata di un proprio livello esperienza, il quale dipende da quello dei singoli gettoni posizionati al suo interno. Maggiore è il grado della comunità, più numerosi ed efficaci sono i bonus conferiti al giocatore.

    Va poi citata la possibilità di combinare in modo intelligente i personaggi di una comunità così da sbloccare dei potenziamenti aggiuntivi: ad esempio, abbinando nella Comunità dei Guerrieri Z i gettoni di Gohan e Piccolo si ottiene il bonus "Allievo e Maestro", il quale può essere ulteriormente ampliato collegando Goku a Gohan per l'upgrade chiamato "Padre e Figlio".

    Portami da mangiare!

    Esplorando il mondo di Dragon Ball Z: Kakarot vi verrà data l'opportunità di raccogliere non solo le Sfere Z ma anche molti altri materiali utili allo scambio per l'acquisto di consumabili e materiali per il crafting. Accumulare risorse vi sarà utile anche per la feature della anche per cucinare, altra meccanica in grado di potenziare i lottatori.

    Preparando le varie pietanze, il cui numero aumenterà progredendo nella storia e completando le missioni secondarie, potrete attivare alcuni boost prestazionali che potrebbero darvi una marcia in più contro gli avversari più temibili. Ovviamente non potrete cucinare senza disporre degli ingredienti necessari: per far scorta di risorse avremo l'opportunità di andare sia a caccia sia a pesca. In quest'ultimo caso, inoltre, avvieremo un semplicissimo mini-gioco che coinvolge la buffa coda dei Sayian.

    Che voto dai a: Dragon Ball Z Kakarot

    Media Voto Utenti
    Voti: 68
    7.9
    nd