Fire Emblem Three Houses: Guida e Trucchi utili per iniziare a giocare

Casate, abilità, battaglie, dialoghi, Amiibo: tutto quello che c'è da sapere per muovere i primi passi in Fire Emblem Three Houses per Nintendo Switch.

guida Fire Emblem Three Houses: Guida e Trucchi utili per iniziare a giocare
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Con Fire Emblem Three Houses la celebre serie di strategici è, per la gioia degli appassionati, finalmente approdata su Nintendo Switch. Prima di iniziare a scegliere una delle tre Casate ed entrare nei panni di un professore, cerchiamo di capire quali sono i migliori consigli per iniziare la lunga avventura col piede giusto. Di seguito, una guida con consigli utili per i principianti e qualche trucco per imparare le basi del nuovo gioco di Intelligent Systems.

    Soft Reset

    Essendo Fire Emblem: Three Houses un gioco nel quale si compiono continuamente delle scelte che avranno delle conseguenze più o meno pesanti sugli eventi successivi (al punto da causare anche la morte di alcuni personaggi), è sempre bene salvare manualmente con una certa frequenza senza fare troppo affidamento alla funzione di salvataggio automatico, la quale provvede a registrare i progressi a cadenza regolare.

    Disporre di una notevole quantità di salvataggi manuali vi darà modo di correre ai ripari nel caso doveste imbattervi in problemi come una scelta errata in un dialogo, una battaglia che ha prosciugato le vostre risorse e altre situazioni simili.

    Normalmente, per ricaricare una partita i giocatori di Fire Emblem: Three Houses devono seguire un procedimento piuttosto noioso che potrebbe richiedere un quantitativo di tempo eccessivo.

    Ciò che non viene esplicitamente detto nel gioco, però, è che esiste una combinazione di tasti che, se premuta mentre si sta giocando, permette di tornare immediatamente nel menu per ricaricare l'ultimo salvataggio, evitando inutili tempi morti. Per attivare il cosiddetto "soft reset", occorre tenere premuti i seguenti tasti: -, +, L e R.

    Scelta della Casata

    Subito dopo il prologo di Fire Emblem: Three Houses dovrete prendere una decisione molto importante che avrà un impatto notevole sulla vostra partita: la scelta della Casata. Il giocatore potrà infatti selezionare una fra le tre disponibili: i Leoni Blu che hanno come leader Dimitri, le Aquile Nere che hanno come leader Eldegard e i Cervi Dorati, la cui guida è affidata a Claude.

    Ogni singola Casata non possiede solo delle caratteristiche uniche in termini di combattimento che meglio potrebbero adattarsi al vostro stile di gioco, ma anche degli studenti diversi i cui bonus non sono presenti tra le peculiarità di nessun altro personaggio. Se volete saperne di più sulle abilità di punta di ciascuna Casata e delle possibili svolte che possono dare alla trama, non possiamo che consigliarvi di leggere la nostra approfondita guida alla scelta della Casata in Fire Emblem: Three Houses.

    Assegnate le abilità

    Nel corso dell'avventura di Fire Emblem: Three Houses vi ritroverete in più di un'occasione a cambiare le varie classi a disposizione dei personaggi. Il cambio di classe, però, non fa in modo che cambino in maniera automatica anche le abilità passive e, ad esempio, passando da una classe specializzata nel combattimento corpo a corpo ad una focalizzata sugli attacchi a distanza, si corre il serio rischio di utilizzare un personaggio equipaggiato con abilità pressoché inutili.

    Il nostro consiglio è quindi quello di fare molta attenzione ogni volta che si effettua un cambio di classe e di dare un'occhiata alle abilità, la cui schermata può essere raggiunta direttamente dall'inventario.

    Parlate con chiunque

    Socializzare con i vari personaggi in Fire Emblem: Three Houses è molto importante e, al termine di ogni missione, vi consigliamo caldamente di esplorare la mappa in cerca di NPC con i quali poter interagire. Alcuni di questi avranno infatti diverse cose da dirvi e di tanto in tanto vi assegneranno delle missioni secondarie.

    Accumulare quest in quantità non è mai una cattiva idea, ma bisogna tenere bene a mente che spesso e volentieri si tratta di missioni da completare entro un tempo limite, quindi controllate spesso la schermata delle missioni secondarie per fare in modo che nessuna di queste possa scadere prima che la si porti a termine.

    Raccogliere missioni non è l'unico vantaggio dell'interagire con i personaggi non giocanti, infatti durante le scorribande per il monastero potreste anche stringere e migliorare relazioni o darvi ad attività secondarie come la pesca e il giardinaggio. Queste ultime consentono entrambe senza troppi problemi di aumentare il livello del Professore e, con un po' di pazienza, vi daranno accesso ad oggetti extra che potrete utilizzare per ricevere potenziamenti oppure donare ai vostri studenti.

    Battaglie personalizzate

    Gli scontri di Fire Emblem: Three Houses offrono al giocatore una discreta varietà di opzioni che permettono di personalizzare vari aspetti delle battaglie. Attraverso un menu piuttosto completo potrete ad esempio attivare o disattivare a schermo la presenza di una griglia che mostra con precisione le caselle sulla mappa oppure aumentare la velocità del combattimento in modo da rendere queste fasi di gioco molto più brevi.

    Tra le altre opzioni disponibili troviamo anche quella che permette di disabilitare le animazioni e di terminare in maniera automatica i turni una volta in cui tutte le unità sono state utilizzate.

    È consigliabile comunque evitare di disattivare la visualizzazione dei turni nemici. Sebbene un'opzione simile velocizzi sensibilmente il combattimento, rischiereste di ritrovarvi da un momento all'altro con le truppe nemiche posizionate in modo completamente diverso e, come potete facilmente immaginare, potreste perdere gli scontri più complessi.

    Amiibo

    Siete dei collezionisti di Amiibo? Sappiate allora che le statuine targate Nintendo potrebbero tornarvi molto utili in Fire Emblem: Three Houses. Per poter sfruttare i vostri personaggi dovrete recarvi al Gazebo Amiibo, luogo che si trova all'interno del Monastero, a nord dell'atrio principale.

    Interagendo con questo oggetto potrete posizionare la statuetta sul sensore NFC del Joy-Con o del Pro Controller per avere diversi tipi di vantaggi. Utilizzando gli Amiibo di Fire Emblem sbloccherete dei brani aggiuntivi per la colonna sonora come "With Mila's Divine Protection" di Fire Emblem Echoes: Shadows of Valentia, il quale si ottiene grazie a Celica.

    Sappiate però che anche gli altri personaggi non appartenenti alla serie vi permetteranno di ottenere oggetti extra come cibo, monete e altri ingredienti utili per il crafting. Insomma, se siete in possesso di qualche icona Nintendo vale la pena provare a scoprire quali oggetti aggiuntivi sarete in grado di sbloccare.

    Che voto dai a: Fire Emblem: Three Houses

    Media Voto Utenti
    Voti: 44
    8.3
    nd