Grounded: la guida per sopravvivere nel nuovo gioco di Obsidian

Una guida con trucchi e strategie utili per sopravvivere nel micromondo di Grounded, il gioco Obsidian ora disponibile su Xbox One e PC.

guida Grounded: la guida per sopravvivere nel nuovo gioco di Obsidian
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • Sviluppato da Obsidian Entertainment, Grounded è un particolare survival che mette i giocatori nei panni di un gruppo di ragazzini rimpiccioliti a causa di un esperimento, per i quali anche una semplice formica nel giardino di casa rappresenta una pericolosa minaccia. Se anche voi state per affrontare orde di insetti grazie all'Accesso Anticipato di Grounded, gratis per tutti gli abbonati a Xbox Game Pass su PC e console, ecco una serie di consigli utili per sopravvivere.

    Completate la "Main Quest"

    Sebbene la pagina ufficiale Steam dell'Early Access di Grounded riporti che questa versione del gioco proponga circa il 20% della quest principale, è possibile portare a termine la missione legata alla trama in poche decine di minuti. Il nostro consiglio è quello di non perdersi in chiacchiere e di procedere al completamento di questi pochi e semplici obiettivi così da avere accesso ad una serie di extra che vi permetteranno di divertirvi al meglio con gli strumenti offerti dal gioco.

    Al completamento della quest, infatti, avrete accesso ad un NPC che vi affiderà ogni giorno una serie di piccole sfide e vi permetterà di scambiare i punti accumulati con una serie di progetti legati alla costruzione degli edifici. Insomma, per giocare seriamente è fondamentale poter interagire con questo personaggio.

    Cercate cibo e acqua

    Nelle prime fasi di gioco il vostro inventario è completamente vuoto e, nonostante ciò, bisogna comunque provvedere a tenere alti gli indicatori di fame e sete, ovvero le due icone in basso a sinistra dello schermo. Il modo migliore per soddisfare la fame del protagonista è sicuramente quello di cucinare qualche insetto, ma per farlo è necessaria una serie di strumentazioni che non è ancora in vostro possesso.

    Per ovviare a questo problema dovreste andare in cerca di grossi funghi bianchi e rossi, ai piedi dei quali è possibile trovare dei funghi più piccoli che potete tenere nello zaino e mangiare al bisogno. Passando invece alla sete la situazione è leggermente più complessa, dal momento che bere da uno specchio d'acqua rischia di avvelenare il personaggio e dovrebbe essere una possibilità da considerare in casi di estrema necessità. Per dissetare il giovane protagonista dovreste infatti saltare di foglia in foglia alla ricerca di gocce di rugiada, le quali possono essere bevute semplicemente interagendoci.

    Create gli strumenti adatti

    Il sistema di crafting di Grounded è molto particolare e non permette al giocatore di combinare a proprio piacimento gli oggetti, dal momento che è prima necessario apprendere i vari progetti. Per ampliare le proprie conoscenze occorre andare in cerca dei laboratori (Field Station), luoghi speciali nei quali è possibile sottoporre ad una serie di analisi un numero limitato di oggetti per scoprire quali sono le ricette che li coinvolgono

    . Il nostro consiglio è di analizzare un sasso (pebblet) il prima possibile, così da accedere ai progetti di martello e ascia, due strumenti fondamentali con i quali procedere alla raccolta di foglie grandi e altri materiali con i quali costruire oggetti utili alla sopravvivenza. Altri oggetti che è importante analizzare sono i ciuffi d'erba (plant fiber) e la linfa (sap), ovvero le sfere di colore arancione che si trovano solitamente sui rami: con l'analisi di questi due oggetti potrete costruire il tavolo da lavoro (workbench), l'arco e le frecce. Se non riuscite a trovare un laboratorio vi consigliamo di andare in giro per la mappa tenendo costantemente d'occhio l'indicatore in basso a sinistra: in prossimità di un laboratorio vedrete un radar di colore viola che segnalerà la distanza del punto d'interesse e ascolterete un suono che vi aiuterà a trovarlo.

    Armatevi il prima possibile

    Il mondo di Grounded è popolato da una vasta gamma di insetti, alcuni dei quali tendono ad ignorare chi non li infastidisce. La maggior parte delle creature che si aggirano per la mappa, però, non gradirà la vostra presenza e vi attaccherà a vista.

    Parliamo nello specifico di ragni e formiche: nel primo caso fareste bene a darvela a gambe, poiché un semplice attacco vi manderà al tappeto, invece le formiche possono essere tranquillamente gestite, a meno che non siano troppe. Per combattere efficacemente una formica, i cui resti possono essere utilizzati per la costruzione di armature ed armi, potete aiutarvi con il lancio di un sasso, il quale stordisce l'animale per una manciata di secondi impedendogli di reagire ai vostri attacchi.

    Inizialmente avrete a disposizione solo i sassi per combattere, ma seguendo i nostri consigli potrete analizzare i giusti oggetti e procedere alla creazione di mazze, lance e altre armi decisamente più efficaci di una piccola roccia. A prescindere dall'arma utilizzata dovreste però fare sempre molta attenzione all'indicatore della stamina, ovvero quello situato a sinistra delle icone di fame e sete, dal momento che effettuare troppi attacchi consecutivi potrebbe lasciarvi scoperti per qualche istante, consentendo al nemico di darvi il colpo di grazia.

    Fatevi una dormita

    Un'altra meccanica di Grounded da non sottovalutare è la possibilità di crearsi una base posizionando una serie di strutture, ciascuna con la propria utilità. La prima che dovreste costruire (anche perché rientra tra gli obiettivi della quest principale) è la tenda, oggetto che non ha solo una funzione estetica ma influenza anche il gameplay: oltre alla possibilità di interagire con essa nelle ore notturne per far trascorrere velocemente il tempo, va anche segnalata la funzione di reset del respawn, grazie alla quale potrete rinascere in corrispondenza del giaciglio in caso di morte.

    Tra gli altri oggetti di fondamentale importanza per una qualsiasi base troviamo poi la cucina, utile ad arrostire gli insetti più piccoli, e il baule, all'interno del quale poter posizionare tutti gli oggetti in eccesso, dal momento che l'inventario inizierà a sembrare stretto molto presto.

    Modalità per aracnofobiciÈ inutile girarci intorno, Grounded non è un gioco adatto a chi soffre alla sola vista degli insetti. Se però il vostro problema sono esclusivamente i ragni, sappiate che esiste una particolare opzione di gioco che permetterà anche a voi di divertirvi.

    Per consentire agli araconofobici di godersi l'avventura, Obsidian ha pensato bene di implementare una particolare opzione dedicata a chi soffre di questo problema, la quale permette con un cursore di modificare in maniera più o meno importante l'aspetto dei ragni e i suoni da loro emessi. Se questa opzione è impostata al massimo delle possibilità, gli animali di questo tipo presenti nel gioco non saranno altro che degli oggetti volanti simili a palle da rugby e che difficilmente vi ricorderanno anche solo da lontano un ragno.

    Nel caso in cui la visuale in prima persona dovesse poi darvi fastidio per via della presenza degli insetti, vi ricordiamo che tramite i menu di gioco c'è anche la possibilità di passare alla telecamera in terza persona in qualsiasi momento.

    Che voto dai a: Grounded

    Media Voto Utenti
    Voti: 28
    7.6
    nd