Journey to the Savage Planet: la guida per vivere all'avventura

Trucchi e consigli nella nostra guida per sopravvivere al meglio nei luoghi selvaggi di Journey to the Savage Planet.

guida Journey to the Savage Planet: la guida per vivere all'avventura
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • In questo primo periodo dell'anno che ha visto l'annuncio di numerosi rinvii, una delle poche novità che ha fatto il proprio arrivo sugli scaffali dei negozi fisici e digitali è Journey to the Savage Planet (recuperate la recensione di Journey to the Savage Planet), un'avventura ricca di humour che alterna fasi d'esplorazione ad altre di combattimento e può essere interamente giocata in compagnia di un amico grazie alla modalità cooperativa online. Se prima di partire alla ricerca di nuove forme di vita su un pianeta sconosciuto avete bisogno di qualche dritta, ecco per voi una serie di consigli utili.

    In giro per AR-Y 26

    L'esplorazione è senza dubbio uno degli elementi alla base del gameplay di Journey to the Savage Planet e, pertanto, è fondamentale andare a zonzo per il pianeta AR-Y 26 ogni volta che se ne ha la possibilità. Cercate sempre di utilizzare lo scanner (attivabile con la pressione della freccia su della croce digitale del pad) su qualsiasi oggetto e di osservare con attenzione l'ambiente che vi circonda alla ricerca di passaggi segreti e luoghi d'accesso a zone mai viste prima.

    Questi sentieri potrebbero condurvi ad aree piene zeppe di materiali da raccogliere come l'utilissima Melma Arancione o la Lega Aliena, la quale vi permette di sbloccare molti potenziamenti. Se poi doveste ritrovarvi di fronte a luoghi inaccessibili non demordete: significa che non disponete ancora dei potenziamenti necessari ad attraversare quella specifica zona. In questi casi è consigliabile non sprecare il proprio tempo nel tentativo di arrivare in posti irraggiungibili, non dimenticando di segnare la loro posizione per poi fare un po' di sano backtracking in un secondo momento.

    Tutto è un bersaglio

    Durante l'esplorazione del pianeta AR-Y 26, in Journey to the Savage Planet vi ritroverete più volte a combattere con creature più o meno pericolose tra le quali troviamo anche dei mostruosi boss. Il vostro strumento principale in questi casi è la pistola, ma dovreste prendere in seria considerazione anche gli innumerevoli gadget che si nascondono su AR-Y 26. In giro per la mappa dovreste sempre raccogliere gli slime nei quali vi imbattete, poiché non si tratta di semplici oggetti ma di potentissimi strumenti da utilizzare in battaglia.

    Alcuni di questi slime potrebbero infatti danneggiare o stordire per qualche istante persino i boss, così da fornirvi una perfetta finestra d'attacco.
    A proposito di scontri a fuoco, ogni singola creatura presente nel mondo di gioco è per voi un bersaglio. Sparare agli esseri viventi che si aggirano per il pianeta fa in modo che questi lascino cadere degli utili materiali per i potenziamenti. Non dimenticate però di scansionare sia la flora che la fauna prima di accanirvici sopra con il blaster.

    Power-up

    In Journey to the Savage Planet esistono svariati modi per potenziare il proprio personaggio e, per iniziare l'avventura su AR-Y 26 con il piede giusto, potrebbe essere un'ottima idea quella di fiondarsi sin da subito alla ricerca di materiali utili all'incremento della quantità massima di Salute ed Energia. Se la salute sarà indispensabile per incassare un maggior quantitativo di danni, l'Energia vi servirà per scattare più a lungo senza la necessità di prendere una pausa tra una corsa e l'altra.

    Per dare un boost ad entrambi i parametri non dovrete far altro che mettervi alla ricerca della Melma Arancione, un particolare materiale che se mangiato conferisce al vostro personaggio dei potenziamenti. Ma dove si nasconde questa Melma Arancione? Il suo nascondiglio perfetto è tra l'erba alta, quindi il consiglio che possiamo darvi è quello di sparare o colpire a vista tutti i luoghi in cui potrebbe esserci questo prezioso materiale. Sappiate anche che tale oggetto emette un rumore che imparerete a riconoscere molto presto, così da semplificare ulteriormente le vostre sessioni di ricerca.

    Nelle fasi avanzate di gioco inoltre, avrete anche l'opportunità di ottenere un upgrade della tuta che mostrerà direttamente sull'interfaccia la Melma Arancione nei vostri paraggi. I potenziamenti non riguardano però le sole statistiche come HP e stamina, dal momento che esiste anche la possibilità di acquisire dei power-up per la tuta, per le armi e per il jet-pack. In questo caso però, non avrete bisogno semplicemente di mangiare della melma e dovrete portare a termine una serie di attività secondarie che prendono il nome di Esperimenti. Si tratterà di incarichi piuttosto semplici che vi richiederanno di cadere da altezze specifiche sopravvivendo, di eliminare creature in modo stravagante e così via. Vi suggeriamo di prendere molto sul serio questo genere di missioni e dare loro la medesima priorità che darete alle quest principali, così da non restare mai indietro.

    Osservate la bussola

    Soprattutto nelle prime fasi d'esplorazione del pianeta di Journey to the Savage Planet, potrebbe essere facile perdersi e, per ovviare sin da subito al problema, sarà molto utile imparare a comprendere il significato di ciascun simbolo presente sulla bussola nella parte alla dello schermo. Iniziamo con quello che è forse il simbolo più importante di tutti: la K arancione.

    Questa lettera starà ad indicare la Kindred Aerospace, la quarta compagnia spaziale più importante della Terra grazie alla quale avete avuto l'opportunità di esplorare il colorato pianeta AR-Y 26: questa sarà la chiave per tornare alla navicella che funge da hub di gioco. Se quindi sarete in una situazione critica, vi basterà seguire la K arancione sulla bussola per ritornare in un luogo sicuro. L'iconcina simile ad un aquilone viola indicherà una missione secondaria nei paraggi, invece quello giallo vi condurrà alla missione attualmente attiva (tramite il diario potete cambiarla in qualsiasi momento). Nello sfortunato caso in cui qualcuno o qualcosa dovesse uccidervi, si aggiungerà alla bussola anche un pacchetto regalo: seguitelo per tornare al luogo esatto in cui siete morti per recuperare tutte le risorse (solo ed esclusivamente se ne avevate nello zaino). Recuperando il cadavere avrete accesso non solo ad un po' di materiali extra, ma assisterete anche ad un divertente siparietto di cui non vi sveliamo alcun dettaglio per non rovinarvi la sorpresa.

    A proposito di morte, un ottimo modo per evitare di perdere tutti i materiali faticosamente accumulati sarà quello di fare ritorno alla nave ogni volta che lo zaino inizierà ad essere pieno. Così facendo depositerete anche la Lega Aliena e, se avrete completato un numero sufficiente di Esperimenti, potreste anche pensare di costruire qualche potenziamento.

    Tocco di classe

    Per impreziosire la vostra partita di Journey to the Savage Planet con un po' d'ironia, non possiamo che consigliarvi di scegliere il cane al momento del login, nel quale vi ritroverete a scegliere il protagonista selezionando tra una piccola collezione di foto.

    Se la vostra scelta dovesse ricadere sull'animale a quattro zampe, sappiate che tutti i vostri dialoghi verranno rimpiazzati da versi e, in base alla situazione, potreste sentire il vostro personaggio ringhiare o abbaiare. A meno che non vogliate giocare il titolo in maniera molto seria e rigorosa, questa è un'aggiunta molto divertente e sicuramente da provare.

    Che voto dai a: Journey to the Savage Planet

    Media Voto Utenti
    Voti: 20
    7.6
    nd