Kingdom Hearts: in che ordine giocarli per seguire la storia?

Con tanti capitoli dalle storie profondamente intrecciate, ecco in quale ordine giocare i vari titoli e raccolte per seguire la trama cronologicamente.

Kingdom Hearts: in che ordine giocarli per seguire la storia?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • In che ordine giocare la serie di Kingdom Hearts? Una domanda a cui non è semplice dare una risposta, e non solo per i numerosi titoli usciti dal 2002 a oggi dedicati alla serie firmata Square Enix. Le avventure di Sora hanno una cronologia molto complessa ed articolata, dove ogni gioco ha il suo ruolo centrale.

    Kingdom Hearts è uno di quei rari casi in cui anche gli spin-off è quasi scorretto definirli tali, in quanto ampliano ulteriormente la narrazione della serie Square-Enix/Disney risultando strettamente collegati agli episodi numerati. Per dire, Kingdom Hearts II non è seguito diretto del primo capitolo, ma tiene conto negli eventi narrati in Kingdom Hearts Chain of Memories, lo spin-off uscito originariamente su Game Boy Advance un paio d'anni prima. E per comprendere al meglio gli eventi narrati nel secondo capitolo è necessario aver giocato anche Chain of Memories. Ossia un gioco per GBA che solo successivamente è stato riadattato per PS2 (e questa versione tra l'altro non è mai giunta in Europa ufficialmente). Di fronte a una situazione simile, oggi seguire la semplice uscita sul mercato in ordine temporale dei giochi potrebbe non essere la scelta migliore per avere un quadro perfettamente chiaro della saga. Ecco quindi quale ordine seguire per giocarsi la trama in maniera cronologica.

    Kingdom Hearts in ordine cronologico

    Kingdom Hearts X(chi) è il vero prequel della saga intera, ambientato diversi anni prima della Keyblade War e racconta gli eventi che hanno portato all'inizio di quella guerra che finì con il plasmare il mondo di Kindgom Hearts come lo conosciamo. All'epoca della sua uscita originale nel 2013 era un gioco per browser web esclusivo in Giappone, per poi essere convertito un paio d'anni dopo su sistemi iOS e Android rinominato Kingdom Hearts Unchained X, che si evolverà poi in Kingdom Hearts Union X[Cross] per poi concludersi infine con il titolo stand-alone Kingdom Hearts Union X Dark Road (chiuso dal 31 maggio 2021), sempre per dispositivi mobile.

    Sebbene tutti i titoli qui citati si trattano di espansioni dell'originale Kingdom Hearts X, ciascuno di essi approfondisce ulteriormente la storia di questo prequel con punti di vista alternativi e reinterpretazioni. Dark Road in particolare risulta importante per scoprire le origini di Xehanort, antagonista principale della saga e le motivazioni che lo hanno spinto ad intraprendere il suo cammino verso l'oscurità.

    Se si vuole seguire la storia in perfetto ordine cronologico si dovrebbe partire da qui, sebbene le numerose versioni aggiornate e il fatto che alcune funzionalità online di Union X Dark Road cesseranno di funzionare quest'anno potrebbe rendere il tutto molto più complicato da seguire senza tralasciare nulla di rilevante.

    Si procede con un altro prequel, Kingdom Hearts Birth By Sleep per PSP, ambientato 10 anni prima dei fatti narrati nel capostipite. Narra le vicende di tre apprendisti della Keyblade sotto la supervisione di Master Eraqus: Terra, Aqua e Ventus, che partiranno in una missione alla ricerca dello scomparso Xehanort. Nel corso del gioco fanno la loro comparsa anche versioni giovanissime di Sora, Riku e Kairi, futuri personaggi principali della saga che rivestono qui un ruolo minore. Vengono introdotti anche alcuni personaggi che più avanti nella serie entreranno a far parte dell'Organizzazione XIII, nel titolo PSP ancora raffigurati nella loro forma umana.



    Il passaggio successivo è rappresentato da A Fragmentary Passage, epilogo definitivo delle vicende narrate in Birth By Sleep e incluso all'interno della raccolta Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue uscito originariamente nel 2017 su PS4. La storia è narrata dal punto di vista di Aqua ed è basata sul periodo in cui è rimasta intrappolata nel Regno dell'Oscurità.

    Si arriva finalmente agli eventi narrati nel primo Kingdom Hearts, il capostipite uscito nel 2002 su PS2 e che introduce Sora come protagonista principale. Il giovane ragazzo diventa il possessore della Keyblade e inizia il suo cammino dopo che la sua casa è stata distrutta da misteriose entità note come gli Heartless. Il desiderio di Sora è semplicemente quello di volersi riunire con i suoi amici dispersi e ricostruire il suo mondo, ma si ritroverà ben presto coinvolto in eventi più grandi e ancora più cruciali di quanto avesse mai immaginato.

    Kingdom Hearts Chain of Memories per GBA è il seguito diretto del primo capitolo ed i suoi eventi si svolgono un anno prima di Kingdom Hearts II. La storia prende il via immediatamente dopo i fatti del primo titolo PS2, con Sora ed i suoi amici si ritrovano intrappolati all'interno di un misterioso castello (Castle Oblivion), dentro il quale dovranno recuperare le memorie della loro precedente avventura, nel frattempo che portano avanti la ricerca di Riku e Re Topolino.

    Chain of Memories risulta fondamentale in quanto viene formalmente introdotta l'Organizzazione XIII come nuova antagonista (sebbene uno dei suoi membri principali, Xemnas, sia già comparso nella versione estesa giapponese del titolo originale, Kingdom Hearts Final Mix), così come il misterioso Roxas, che avrebbe poi rivestito un ruolo importante all'interno del secondo capitolo.

    Per Kingdom Hearts 358/2 Days, uscito su Nintendo DS, il discorso è un po' più complesso. Il gioco è tutto incentrato sulla figura di Roxas partendo dalle sue origini, quando viene reclutato da Xemnas come tredicesimo membro dell'Organizzazione XIII. I primi 24 giorni del gioco si svolgono parallelamente alla fase finale del primo Kingdom Hearts, mentre i giorni compresi tra il 25 e il 49 avvengono parallelamente a Chains of Memories. Dal giorno 50 in poi si svolge l'avventura procede in maniera autonoma senza nessun parallelismo con altri capitoli, finendo per ricollegarsi a Kingdom Hearts II.

    Ed eccolo appunto qui, Kingdom Hearts II, il secondo capitolo principale uscito su PS2 nel 2006. Ambientato un anno dopo le vicende di Chains of Memories e qualche tempo dopo 358/2 Days, si concentra di nuovo su Sora alla ricerca dei suoi amici, nel frattempo che porta avanti la battaglia contro la sinistra Organizzazione XIII e il suo leader Xemnas. Roxas riveste un ruolo chiave all'interno della vicenda che risulterà ancora più chiaro se il secondo capitolo viene giocato dopo i prequel per GBA e DS.

    Completato il secondo episodio si prosegue con Kingdom Hearts Coded, uscito originariamente come una serie a episodi per sistemi mobile, e in seguito convertita in maniera integrale in un remake per DS chiamato Kingdom Hearts Re:Coded. La vicenda comincia a un passo dall'epilogo di Kingdom Hearts II per poi andare oltre, e segue le vicende del Grillo Parlante, Paperino, Pippo e Re Topolino all'interno del Castello Disney. Il gruppo sta cercando di decifrare il mistero su una pagina del suo diario (dove ha tenuto traccia di tutti gli eventi vissuti fino a quel momento) che riporta una frase da lui mai scritta.

    È il turno di Kingdom Hearts 3D Dream Drop Distance, uscito esclusivamente su 3DS e che riparte dopo la fine di Re:Coded. La vicenda segue Sora e Riku nel loro tentativo di superare l'Esame del simbolo di maestria e prepararsi così al ritorno di Xehanort e la battaglia finale contro di lui. Tutto è ormai pronto per l'attesissimo terzo capitolo, non prima di un ultimo approfondimento: 2.9 - The First Volume, epilogo definitivo di A Fragmentary Passage (da recuperare attraverso la raccolta 2.8) e che funge da prologo di Kindgom Hearts III.

    Siamo infine giunti alla resa dei conti, al capitolo conclusivo della saga di Xehanort, raccontata attraverso il terzo episodio uscito su PS4 e Xbox One nel gennaio del 2019 (e potete anche leggere la nostra recensione di Kingdom Hearts 3). Arrivati a questo punto dopo aver giocato tutti i precedenti titoli e vissuti fino in fondo consentirà di avere un quadro perfettamente chiaro dell'intera vicenda e potersi quindi godere appieno un epilogo atteso per quasi 17 anni. E a questo punto c'è spazio per l'ultimissimo esponente (finora) del franchise, Kingdom Hearts Melody of Memory, che ripercorre tutta la saga dal punto di vista di Kairi attraverso meccaniche da rhythm game.

    Le collection di Kingdom Hearts

    Con una lunga serie di giochi usciti sulle più svariate piattaforme, riuscire a recuperare ogni titolo potrebbe risultare un'impresa parecchio impegnativa e non alla portata di tutti. Per questo motivo Square-Enix ha cercato di venire incontro ai giocatori realizzando negli anni più recenti diverse raccolte comprensive della maggior parte dei giochi, sia principali che spin-off. Andiamo a vedere i loro contenuti e qual è l'opzione migliore per poter seguire l'intera saga risparmiando tempo e denaro.

    La prima collection è stata Kingdom Hearts HD 1.5 Remix, uscita nel 2013 su PS3 e che comprende al suo interno le versioni in alta definizione di Kingdom Hearts Final Mix e di Kingdom Hearts Re:Chain of Memories. Si tratta quindi delle edizioni giapponesi del capostipite e del titolo GBA, finalmente disponibili anche in occidente.

    E non solo: la raccolta offre anche un riassunto cinematografico di Kingdom Hearts 358/2 Days, permettendo così ai giocatori di avere un quadro chiaro della vicenda in vista del secondo capitolo.Si passa così a Kingdom Hearts HD 2.5 Remix, sempre per PS3, che comprende al suo interno le versioni Final Mix sia di Kingdom Hearts II che di Kingdom Hearts: Birth By Sleep. In questo modo si ha accesso ai contenuti completi dei due giochi con tanto di ulteriori dettagli in più sulla storia. Anche in questo caso c'è un riassunto cinematografico relativo a Kingdom Hearts Re:Coded, ambientato dopo il secondo episodio.

    La terza raccolta è Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue, arrivata originariamente su PS4 a inizio 2017. Questa ulteriore collection offre la versione HD di Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance e A Fragmentary Passage con tanto di epilogo 2.9 The First Volume. In aggiunta, un riassunto di un'ora dedicato a Kingdom Hearts X, chiamato Back Cover, che dà così un quadro completo sulla genesi di tutta la serie. volete saperne di più? Ecco la recensione di Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue.

    Esiste un'ulteriore produzione che consentirebbe di avere in un colpo solo la saga intera: si tratta della collection Kingdom Hearts The Story So Far per PS4 (in vendita su Amazon a 25.99 euro). Al suo interno contiene infatti tutte e tre le altre raccolte citate poc'anzi. The Story So Far è la miglior scelta possibile per recuperare l'intero Kingdom Hearts e prepararsi in vista del terzo e conclusivo capitolo. Se dunque non vi siete finora mai avvicinati alla serie e intendete farlo, partite da qui.

    Adesso avete tutto l'occorrente per godervi Kingdom Hearts senza lasciarvi sfuggire nulla della sua lunghissima odissea. E se può esservi ulteriormente d'aiuto, ecco a voi l'approfondimento sulla storia di Kingdom Hearts.

    Che voto dai a: Kingdom Hearts 3

    Media Voto Utenti
    Voti: 173
    7.8
    nd