WildRift

League of Legends Wild Rift: la Mid Lane e i migliori campioni per il ruolo

Vediamo cos'è la Mid Lane e quali sono i migliori campioni per gestire questo dedicato ruolo in League of Legends Wild Rift.

guida League of Legends Wild Rift: la Mid Lane e i migliori campioni per il ruolo
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Nel corso dei precedenti speciali abbiamo potuto fare la conoscenza dei campioni più adatti ai neofiti di LoL Wild Rift e quelli, invece, che danno il loro meglio nei fondamentali ruoli di Tank e Jungler, come visto nella guida al ruolo di Tank di LoL e guida ai migliori Jungler di LoL Wild Rift.

    In questo approfondimento, invece, tratteremo la cosiddetta Mid Lane, altrimenti detta corsia centrale: il percorso che taglia a metà la Landa e che si differenzia per utilità, economia e ruoli dalle altre vie, ovvero la corsia superiore (o corsia del Barone), la giungla (di cui vi abbiamo parlato in occasione dell'approfondimento sui jungler, appunto) e la corsia inferiore (quella del drago).

    In medio stat virtus

    La corsia centrale, l'abbiamo detto poco fa, è quella che spezza esattamente il centro della mappa. È probabilmente uno degli snodi più importanti poiché consente a tutti i componenti della squadra di muoversi rapidamente e raggiungere uno qualsiasi degli obbiettivi principali, ossia la corsia superiore, quella inferiore oppure direttamente la base avversaria.

    Bisogna tenere a mente che le torri della corsia centrale sono anche le più sottoposte a pressione, proprio perché sono quelle che idealmente proteggono la via più breve tra le due basi. La corsia centrale, poi, è anche il luogo prediletto per tutti quei campioni "solitari", ovvero coloro che, grazie alla loro potenza, possono tenere in scacco l'avversario senza la necessità di grossi interventi da parte dei compagni di squadra, i quali potranno dedicarsi alle altre corsie (e intervenire solo secondo le necessità).

    Il ruolo dei mid laner è dunque fondamentale e richiede molta pratica. Il giocatore che si assume la responsabilità di tenere questa specifica corsia deve avere ben chiaro cosa fare e deve esser conscio che il suo ruolo sarà uno tra i più attivi di tutto il team. I mid laner sono i principali "damage dealer" della squadra. Ad esempio, devono cercare di soverchiare l'avversario con farm (EXP, Gold) e uccisioni, per aumentare rapidamente danni e potenza generale.

    Ogni volta che sceglierete di esser mid laner dovrete tenere a mente ciò di cui la squadra avrà bisogno e leggere attentamente le scelte dei compagni (o confrontarvi prima con loro). Occorrerà concentrarsi più sui danni AD (attack damage, ovvero il danno fisico) o sugli effetti AP (attack power, ovvero il danno di tipo magico)? In base a questo parametro potrete decidere se prediligere un assassino o, al contrario, un mago. In altre parole, dovrete scegliere il vostro campione a seconda della sinergia che si potrà creare con quelli degli altri giocatori (il duo Malphite-Yasuo, per citarne uno, può andare bene).

    Un altro aspetto da approfondire riguarda il posizionamento sulla corsia. Ovviamente anche questo varia a seconda del campione scelto. Gli assassini, dotati di ottima mobilità, possono farmare esperienza e denaro più facilmente (e osando anche mosse più rischiose), giostrarsi con il roaming e ottenere uccisioni in maniera più "semplice" rispetto a combattenti più strutturati ma statici.

    Se, al contrario, volete giocare con dei maghi (come, ad esempio, Annie) è meglio andare sul sicuro, stare dietro a minion e torri, per rubare ciò che si può e, intanto, generare stallo e aumentare le proprie statistiche in previsione dei teamfight.

    Vediamo ora alcune tra le migliori soluzioni per il ruolo da mid laner. Dal breve excursus che seguirà, aggiungiamo anche la piccola Annie di cui vi abbiamo parlato in occasione della guida ai migliori campioni per neofiti. Ecco, se vi state avvicinando solo ora al gioco, vi consigliamo di provare il prima possibile proprio Annie. Per tutti gli altri, invece, vi elenchiamo alcune interessanti soluzioni.

    Zed

    Zed è, fondamentalmente, un Assassino che spicca per la sua grande mobilità e gli attacchi furtivi e imprevedibili. La sua passiva (Disprezzo per i deboli), in particolare, permette al campione di godere di un enorme vantaggio all'inizio del match, permettendogli di eliminare i minion più velocemente rispetto ad eventuali avversari, il che si traduce in una migliore e più rapida costruzione della build. In sostanza, la skill passiva fornisce una percentuale bonus danni su avversari con salute inferiore al 50%.

    All'interno del pool abilità di Zed, quella che spicca di più è la sua Ombra Vivente (skill 2) che, in combinazione con lo Shuriken (abilità 1), consente di avere un migliore controllo della corsia centrale grazie all'efficacia in fase di pulizia della stessa, oltre a permettergli di colpire gli avversari dalla distanza e senza rischiare di subire danni. Questo perché Ombra Vivente è un'abilità "switch", ovvero necessita di due azioni da parte del giocatore: una prima per posizionare il simulacro, e un'altra per attivare materialmente l'effetto, che si sostanzia nello scambio istantaneo tra l'ombra effimera e il corpo fisico del campione.

    È importante imparare sin da subito a studiare il posizionamento di Ombra Vivente, sia per prevedere i movimenti del nemico sia perché è essenziale per avere la meglio sugli avversari negli scontri 1vs1. Ombra Vivente può esser utile per scappare, e ancor di più nei combattimenti a squadre (soprattutto se sfrutterete la versione potenziata, ovvero l'ultimate Marchio della morte), per sbilanciare il team nemico.

    Zed può essere un po' difficile da usare, all'inizio, dato funzionamento delle sue abilità e la necessità di conoscere al meglio la mappa per comprendere in che modo controllare il posizionamento dell'Ombra. Tuttavia, una volta imparato a padroneggiarlo, può diventare una delle migliori scelte mid lane per qualsiasi match.

    Come ormai di consueto, vi consigliamo la migliore soluzione per build e rune. Iniziamo da queste ultime. Per ciò che concerne le rune di Zed, noi utilizziamo Elettroshock, Brutale, Eremita Spirituale, Cacciatore - Genio. Per ciò che concerne la build, invece, potete tenere la Lama di Youmuu, Stivali del Goloso, Lama crepuscolare di Draktharr, Angelo Custode, Mannaia Oscura, Danza della Morte.

    Orianna

    Orianna è, senza ombra di dubbio, un'ottima scelta per qualsiasi tipo di squadra e può davvero ribaltare le sorti di uno scontro con la sua ultimate: Onda d'Urto. Questa abilità è talmente particolare nel panorama di League of Legends che merita di esser provata. Inoltre, è una soluzione perfetta per chiunque desideri avere un main mid laner, specialmente uno il cui punto di forza sia proprio la versatilità.

    Orianna si può permettere una grande quantità di danni all'inizio del match, grazie alle sue abilità attive, che le consentono di controllare la sua palla attraverso i comandi: in particolare Attacco (ordina alla palla di dirigersi verso il certo punto prefissato, infliggendo danni magici ai bersagli che gli si parano davanti) e Dissonanza (indica alla sfera di scatenare un impulso di energia che infligge danni magici immediatamente attorno ad essa, oltre ad aumentare la velocità di movimento degli alleati e rallentare i nemici).

    Orianna, tra l'altro, è in grado di cavarsela o supportare ottimamente gli alleati anche nelle situazioni più rischiose grazie all'ultimo - ma non meno importante - comando: Protezione (Orianna "lega" la palla a un campione alleato, garantendo scudo, armatura e resistenza magica aggiuntivi e infliggendo danni magici ai nemici sul suo cammino).

    Inoltre, la mobilità della sua palla e il raggio di attacco le consentono di dar fastidio agli avversari da una discreta distanza, provocandoli in continuazione. Ciò le consente anche di tenere il controllo della situazione con una certa facilità e dileguarsi se le cose si mettono male (la combattente infatti è molto debole sul lato vita).

    Riguardo a rune, la nostra esperienza ci porta a consigliarvi Elettroshock, Campione, Rigenerazione e Fascia del Flusso. Per la build, invece, Eco di Luden, Stivali del Goloso, Bastone del Vuoto, Copricapo di Rabadon, Sfera dell'Infinito, Ladro d'Anime.

    Ahri

    Ahri è forse uno dei campioni più famosi di tutta Ruenterra, nonché il più "completo" dal punto di vista dell'offerta, per chi sta cercando un perfetto mid da masterizzare. La combattente rientra pienamente nel doppio ruolo mago-assassino e risulta estremamente efficace, anche se necessita di un po' di pratica per essere padroneggiata al meglio e non trovarsi con il pool di mana prosciugato nel momento cruciale.

    Ciò che possiamo consigliarvi, arrivati al livello 6 o 7, è di iniziare a ruotare verso altre corsie: così facendo, sarete ottimi elementi nell'assistenza degli alleati. Non disdegnate di utilizzare Malìa Amorosa, molto utile per agganciare i nemici e bersagliarli con le altre due abilità: Globo dell'Inganno e Volpe di fuoco. Gli avversari ammaliati da Ahri, tra l'altro, subiranno anche un aumento dei danni ricevuti.

    Assalto Spirituale (la sua ultimate) può essere una delle sue risorse più importanti (usatela con intelligenza e parsimonia) a disposizione del giocatore, poiché consente di cogliere i nemici alla sprovvista, colpire e spostarsi nuovamente.

    Per le rune vi consigliamo: Elettroshock, Brutale, Eremita spirituale, Fascia del Flusso. Infine, la build che utilizziamo nella Landa è la seguente: Eco di Luden, Stivali del Goloso, Sfera dell'Infinito, Cappello di Rabadon, Morellonomicon e Bastone del Vuoto.

    Quanto attendi: League of Legends Wild Rift

    Hype
    Hype totali: 23
    77%
    nd