WildRift

League of Legends Wild Rift: i migliori campioni per i nuovi giocatori

Neofiti di League of Legends unitevi: se avete tentato un timido approccio a Wild Rift ma volete saperne di più sui Campioni, ecco la nostra guida.

guida League of Legends Wild Rift: i migliori campioni per i nuovi giocatori
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • League of Legends può essere un titolo davvero ostico da capire e padroneggiare. Nonostante con Wild Rift il team di sviluppo abbia cercato di plasmare un'esperienza ludica leggera, intuitiva e appetibile per un pubblico diverso rispetto a quello tradizionale, la complessità rimane pressoché intatta. L'obbiettivo, con questa mini-guida introduttiva, è di trovare i campioni più adatti ai neofiti, tra i quarantanove attualmente disponibili. Come avrete modo di vedere, cercheremo anche di contestualizzare la regione degli eroi, ciascuno proveniente dal mondo di Runeterra, universo vivo e vibrante tutto da scoprire. A tal proposito, potete recuperare la nostra recensione del libro sui Reami di Runeterra. Ecco, dunque, le nostre prime cinque scelte.

    Garen - Il paladino

    Garen, campione della regione di Demacia, è forse quello più "semplice" da usare nella Landa. Tank e combattente, Garen è il tipico guerriero da mischia da sfruttare nella cosiddetta Baron Lane. Quella del Barone è la classica corsia "solo": ciò significa che anche un singolo giocatore può occuparsi del suo controllo, solitamente con campioni come Garen, in grado di cavarsela benissimo da soli nell'early game, nonché capaci di sostenere le situazioni 2vs1. Non dobbiamo tralasciare inoltre il fatto che i tank e i combattenti rimangano piuttosto versatili, visto che possono accorrere in aiuto delle altre corsie in caso di bisogno.

    Garen, in questo senso, sembra possedere le meccaniche più semplici (e più potenti) da padroneggiare per i neofiti, dal momento che non necessita di particolari abilità o accortezze da seguire. Perseveranza, la sua skill passiva, gli permette - se non subisce danni per oltre cinque secondi - di rigenerare la salute (1.2% della salute mancante al secondo), dando modo così al giocatore di ritirarsi senza tornare alla base.

    L'abilità passiva funziona ottimamente con Colpo Decisivo (il campione si libera da tutti i rallentamenti divenendone immune per 0.5 secondi e aumentando del 30% la velocità) e con Giudizio (una tempesta di lame che gli consente non solo di portare danno durante la rotazione, ma anche di muoversi nella direzione voluta).

    Coraggio, invece, è un'abilità che lo premia con una discreta riduzione del danno per due secondi, oltre a renderlo meno sensibile a tutti gli effetti di rallentamento. Infine, la sua Ultimate, Giustizia di Demacia, infligge ingenti danni AoE a tutti i nemici coinvolti nel raggio d'azione dell'abilità.
    Garen può avere problemi all'inizio, soprattutto contro gli avversari fastidiosi che sfruttano gli attacchi dalla distanza, ma più si prosegue più sarà semplice per il giocatore colmare il gap che gli impedisce di ingaggiare con il corpo a corpo.

    Insomma, Garen è una perfetta scelta per gli utenti meno esperti, grazie alla sua capacità di rigenerare salute mentre non è in combattimento e alla possibilità di scrollarsi di dosso il push avversario eliminando eventuali malus.
    Consigliamo, a tutti coloro che lo vogliono provare, di guardarsi bene dai campioni nemici con grande mobilità e capacità di stordimento (vedasi Camille e Shyvana, ad esempio).

    Infine, per ciò che concerne gli oggetti da acquistare e le rune, i nostri setup (li potete modificare nella pagina dedicata di ogni campione) sono i seguenti.
    Oggetti: Mannaia Oscura, Calzari di Mercurio, Virtù della Triade, Corazza dell'Uomo Morto, Ombra Tagliente, Corazza Spirituale, Arrivo dell'Inverno.
    Rune: riguardo a questo punto potete tenere ferme le rune canoniche, ovvero, percorso Conquistatore, Vampirismo (in alternativa, Brutale), Titano (o Spina Dorsale), Apripista (Cacciatore in Branco).

    Master Yi - Maestro di lame

    Master Yi, originario della regione di Ionia, è uno dei campioni più forti - assieme a Garen - che i giocatori possono trovare in Wild Rift. Ed è davvero semplice da giocare e perfetto per i neofiti del MOBA targato Riot Games.

    Anzitutto: qual è il suo ruolo? Master Yi è fondamentalmente un jungler, ovvero un campione che ha totale libertà di movimento e si occupa di gironzolare per le zone della mappa infestate di mob. Master Yi è un eroe versatile (assassino-combattente), che può diventare molto potente sin dalle prime fasi di gioco.

    Una volta acquistati alcuni oggetti chiave, la velocità d'attacco e la quantità di danni portati da Master Yi divengono davvero enormi, permettendo di annichilire l'eventuale avversario in brevissimo tempo.

    Nonostante la sua apparente complessità, Master Yi è un campione perfetto per i nuovi arrivati, perché si basa fondamentalmente sulla quantità di attacchi (o sulla loro concatenazione), piuttosto che sulla capacità di costruire delle combo articolate. L'abilità passiva (Doppio Colpo), ad esempio, gli consente di colpire due volte ogni quattro attacchi base.

    Stile Wuju (la terza skill attiva), invece, permette di aumentare i danni bonus inflitti.
    Colpo Alfa (la prima skill) gli dà l'opportunità di attaccare più unità senza poter essere bersagliato. Meditazione, poi, gli garantisce una certa percentuale di rigenerazione e riduzione del danno.

    Infine, l'Ultimate Agilità Superiore non solo aumenta movimento e velocità di attacco, ma lo rende anche immune al rallentamento, oltre a ridurre del 70% il cooldown delle altre abilità (in caso di eliminazione del nemico).
    Per la build, noi consigliamo: Lama del Re in Rovina, Pugnale di Statikk, Danzatore fantasma, Martello Ghiacciato, Danza della morte, Argento vivo del goloso.

    Riguardo alle Rune, invece: Conquistatore, Trionfo, Rigenerazione, Apripista.
    Attenzione a tutti quei campioni forti nel crowd control (come Yasuo, Shyvana, Tryndamere) che potrebbero facilmente gambizzare Master Yi.

    Ashe - La cacciatrice glaciale

    Ashe, tiratrice proveniente dalle gelide lande di Frejlord, è uno dei primi campioni di League of Legends e molti giocatori la scelgono come punto di partenza per approfondire il ruolo ADC. È eccellente per i neofiti: piuttosto semplice ed efficace da usare come support, tanto in attacco quanto in difesa. Ad ogni modo, tutto ciò che riguarda Ashe ruota attorno alla sua capacità di rallentare gli avversari.

    Il suo attacco, grazie alla passiva Colpo di Ghiaccio, diminuisce la velocità del bersaglio aumentando i danni inflitti. Concentrazione dell'esploratrice è la sua prima skill attiva: questa permette di accumulare la concentrazione semplicemente attaccando. Quando simile parametro è al massimo, Ashe può lanciare Concentrazione dell'esploratrice per aumentare velocità d'attacco e trasformando il suo assalto base in uno più potente.

    Con Raffica di Frecce, invece, si possono scagliare cinque frecce in un'area conica in grado di infliggere danni maggiori, oltre a godere dell'effetto rallentante del Colpo di ghiaccio.

    La sua suprema, invece, è la Freccia di Cristallo Incantata, un dardo potente che può essere anche direzionato, e che stordisce per una manciata di secondi il primo nemico colpito, infliggendo 200 danni magici anche ai bersagli vicini. Questa abilità è perfetta se si vuole dare il via a un gank di gruppo, oppure può anche essere sfruttata in difesa.

    Per ciò che concerne gli oggetti da inserire nella build, vi consigliamo: Archibugio a ripetizione, Memento Mori, Frammento d'Infinito, Uragano di Runaan, Lama del Re in Rovina, Argento vivo del goloso.

    Riguardo alle rune, potete usare le seguenti: Piede lesto, Debolezza, Rigenerazione, Cacciatore-Genio.

    Annie - La bambina psicopatica

    Annie è una dolce e inquietante ragazzina proveniente dalla regione di Noxus , che non si separa mai dal proprio orsetto di pezza chiamato Tibbers. La bambina è anche una maga molto potente (esperta nella piromanzia) e, all'occorrenza, può trasformare il suo orso in un companion dalla stazza imponente.

    Per quale motivo abbiamo deciso di inserire un campione mid lane mago/supporto nella lista delle scelte per i neofiti, quando i combattenti in tali ruoli sono notoriamente ostici da padroneggiare? Semplice: Annie è uno dei campioni meno complessi sotto il profilo delle combinazioni ed è tra i più intuitivi da usare.

    La sua passiva, Piromania, porta Annie a stordire il nemico ogni quattro abilità lanciate; un vantaggio che, se ben sfruttato con le skill attive, mette nelle mani dell'utente una potenza di fuoco decisamente elevata. Questo perché le abilità di Annie (Disintegrazione e Incenerimento) possiedono un effetto AoE che permette di infliggere danni magici a più nemici.

    Non manca, poi, la possibilità di avere uno scudo temporaneo che protegge il campione o gli alleati e al contempo infligge danni magici agli attaccanti. Infine Annie, oltre a evocare Tibbers per assisterla, può farlo "infuriare". Questo stato si scatena quando un nemico è colpito da Piromania o quando Annie muore. La furia lo porta ad aumentare del 100% la velocità di movimento, e oltre al 210% quella d'attacco.

    Per quanto riguarda gli oggetti, vi possiamo consigliare: Bastone del Vuoto, Scettro di Cristallo di Rylai, Morellonomicon, Copricapo di Rabadon, Stivali dell'acume di Ionia e Bastone Secolare. Se state cercando le migliori rune, invece, potete inserire le seguenti: Elettroshock, Brutale, Rigenerazione, Fascia del flusso.

    Jinx - La matta

    Jinx, combattente proveniente dalla regione di Piltover e Zaun, è un'altra ottima scelta per tutti quei principianti che non si fidano del corpo a corpo e preferiscono usare un campione da "retrovia", efficace e sicuro dalla distanza, così da imparare a leggere l'azione e il flow del match in generale: minimo sforzo, massimo risultato.

    Jinx è una Marksman (altrimenti detta tiratrice), da sfruttare principalmente nella corsia inferiore (o superiore, se la mappa è invertita). Il suo kit è facile da usare poiché fa affidamento per la quasi totalità del tempo sull'attacco "normale".

    Riguardo alle abilità, invece, Jinx è una campionessa che sfrutta molto mana. Caaambio è la sua prima skill attiva ed è praticamente una sorta di potenziamento dell'assalto normale, che porta quest'ultimo a infliggere il 110% dei danni al bersaglio e ai nemici circostanti, oppure aumenta la velocità d'attacco per tre secondi, accumulabile fino a tre volte.

    Zap! è invece la seconda abilità che non solo infligge 103 danni fisici al nemico ma lo rende visibile e lo rallenta del 30% per due secondi.
    Con Fuochino Fuochino Jinx lancia tre granate che esplodono dopo cinque secondi (se nessuno le attiva), oppure quando entrano a contatto con campioni avversari. In questo caso le granate interrompono gli scatti e li immobilizzano per 1.3 secondi, oltre a causare loro danni magici.

    L'Ultimate non poteva che essere il Super Mega Razzo della Morte. Il missile guadagna velocità e danno nel primo secondo, esplodendo a contatto col primo campione raggiunto, infliggendo sino a 250 danni fisici più il 25% della salute mancante. Senza contare poi il fatto che danneggia i nemici circostanti (i quali subiscono l'80% dei danni appena descritti). Noi vi consigliamo di testare la combo in ordine decrescente, ovvero lanciare in successione Fuochino Fuochino, Zap e Caaambio, per avere il controllo della lotta.

    Riguardo a oggetti e rune, invece, ecco i nostri consigli.
    Oggetti: Frammento dell'Infinito, Uragano di Runaan, Archibugio a ripetizione, Pugnale di Statikk e Bramasangue, Stasi Rapida.
    Rune: Piede lesto, Trionfo, Rigenerazione, Cacciatore - Genio.

    Se avete iniziato da poco a giocare non dimenticate di consultare la nostra guida di League of Legends Wild Rift e la guida al ruolo dei campioni di LoL Wild Rift.

    Quanto attendi: League of Legends Wild Rift

    Hype
    Hype totali: 15
    79%
    nd