Rainbow Six Siege: guida e trucchi per giocare con Osa

Operazione Crystal Guard di Rainbow Six Siege è disponibile, ecco un ripasso utile anche per i nuovi giocatori.

Rainbow Six Siege: guida e trucchi per giocare con Osa
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Rainbow Six Siege, ormai lo sappiamo, è un titolo in costante espansione. Non solo: anche in rapido rinnovamento. Il tactical shooter targato Ubisoft dopo aver spento sei candeline (vi consigliamo di leggere la nostra anteprima sulle novità dell'Anno 6 di R6) ha colonizzato le console di nuova generazione e ricevuto non pochi lifting da parte del team di sviluppo, per mantenerlo al passo con le innovazioni tecnologiche odierne.

    Ovviamente il rilascio di nuovi contenuti non si è mai arrestato e anzi, da poche settimane i giocatori possono immergersi nella nuova stagione, la terza dell'Anno Sei per essere precisi. Vedemmo tutte le novità in occasione della nostra anteprima dell'Operazione Crystal Guard, lo scorso agosto.
    L'operazione, oltre al consueto nuovo operatore che vedremo tra breve, apporta anche bilanciamenti a molti operatori IQ, Fuze e Twitch. Infine, in questo caso il team di sviluppo non si è concentrato sul rework di una sola mappa ma ha deciso di ritoccare diverse location storiche: Club House, Coastline e Banca. Oggi andremo alla scoperta dell'operatore croato Osa.

    Le caratteristiche di Osa

    Per chi ancora non avesse avuto modo di approfondire il background del nuovo operatore, Anja Katarina "Osa" Jankovi? è una combattente croata, appartenente al team degli attaccanti.

    Anja, stando al background narrativo messo in piedi dai ragazzi del team creativo di Ubisoft Montreal, ha sviluppato sin dalla tenera età una intensa passione per tutto ciò che ha a che fare con la tecnologia. Allergica alle regole e ai protocolli, trova un proprio metodo di lavoro, decisamente poco ortodosso, che attira l'attenzione di Kali (l'operatore indiana a capo di Nighthaven, introdotta nella squadra Rainbow assieme a Wamai. Recuperatevi la nostra recensione di R6 Operazione Shifting Tides per approfondire) e conduce al suo successivo ingresso proprio nell'agenzia privata Nighthaven. Osa è talmente efficiente e utile all'agenzia - grazie principalmente alle sue trovate eclettiche - che arriva ben presto a rivestire la posizione di capo della ricerca e sviluppo di Nighthaven. Insomma, una sorta di omonima di Mira, l'operatrice spagnola a capo del settore R&D della squadra Rainbow. Il trentunesimo operatore del roster degli aggressori, come abbiamo già visto in occasione della nostra anteprima dedicata all'Operazione Crystal Guard, vanta scudi balistici mobili.

    Una novità piuttosto gradita dai giocatori. L'operatore, di "taglia media" (caratterizzato, stando alla vecchia classificazione, da due punti velocità e due punti corazza), ha portato alla squadra in attacco una ventata d'aria fresca; un pizzico di atteggiamento "difensivo" unito all'estrema mobilità. I suoi scudi Talon-8 sono infatti molto più eclettici e maneggevoli rispetto agli ingombranti muri di solido acciaio portati da Montagne e, in maniera minore, da Blitz. Osa, insomma, è un operatore estremamente flessibile.

    Non solo, la combattente croata può anche vantare su una potenza di fuoco esplosiva. Diciamoci la verità: l'equipaggiamento previsto per Osa non è esattamente il più esaltante (se pensiamo, ad esempio alla dotazione del precedente operatore, Thunderbird, per approfondire ecco il nostro speciale dedicato a Rainbow Six Siege Operazione North Star). Tuttavia, nonostante non sia una grande novità, è comunque un loadout di tutto rispetto.

    Osa può scegliere tra il fucile d'assalto 556XI (già ampiamente conosciuto dai giocatori, in quanto presente nella dotazione di Thermite) e la mitragliatrice PDW9 di Jackal. Sebbene Il 556XI è uno dei fucili d'assalto migliori in Siege ed è semplice da usare, per chi non ha ancora molta dimestichezza con le armi più complesse. Riguardo a quest'ultimo punto, vi consigliamo di approfondire con la nostra guida su come migliorarsi ed essere competitivi.

    La sua arma da fianco, la semi-automatica PMM, è molto efficace e anche in questo caso i giocatori la ritroveranno affidata a diversi operatori oltre a Osa: gli Spetsnaz russi (quindi Fuze, Finka, Kapkan, Tachanka, Glaz). Per quanto riguarda, invece, i gadget, Osa può scegliere tra granate fumogene o una claymore (quest'ultima molto efficace in fase in fase di "difesa" del defuser).

    Trucchi per usare i Talon-8

    Veniamo ora a qualche trucco e consiglio che potete tenere a mente e sfruttare, per padroneggiare al meglio gli scudi balistici di Osa. Ovviamente, in attacco, gli scudi mobili hanno un ventaglio di funzionalità leggermente più ristretto rispetto a quelli in dotazione ai difensori.

    Gli scudi Talon-8 di Osa, però, possono essere molto validi, come dicevamo, in fase di difesa del sito o del defuser. Ad esempio, risultano essere estremamente utili per proteggere il "plant" e, dunque, per il giocatore che sta piazzando il disinnescatore.

    Se giocate con Osa, il vostro compito primario dovrebbe esser quello di tentare di entrare prima dei compagni nel site e installare lo scudo, in modo da creare una safe zone in cui i (o il compagno) può essere al sicuro nella delicata fase di plant. La combattente croata, infatti, grazie alla sua dotazione di smoke e della potenza di fuoco, può entrare rapidamente nel site e attestarsi sulla difesa passiva, se ben coadiuvata.

    Ovviamente, uno dei consigli più banali - ma sempre validi - che possiamo darvi è quello di far di tutto per non morire per primi. Prendete tutte le informazioni possibili, e magari procedete con con lo scudo balistico davanti a voi per evitare sorprese. Tendenzialmente il consiglio di non morire per primi vale un po' per tutti i giocatori, ma se avete per le mani un'operatrice così team-based come Osa, se morite all'inizio del round senza apportare alcun significativo vantaggio al team (il che si traduce nel mettere a terra almeno uno scudo), la squadra si troverà sicuramente in uno svantaggio ancor più significativo. Un altro trucchetto che potete sempre tenere a mente consiste nel posizionare lo scudo sulle finestre o davanti alle porte esterne dell'edificio.

    Soprattutto davanti a quelle in cui di solito i difensori decidono di rischiare a metter fuori il naso dal proprio nascondiglio con un run-out.Esiste ormai nella prassi anche il cosiddetto "Claymore Bait". Tutto quello che dovete fare è mettere a terra lo scudo e posizionare a fianco la vostra Claymore nascondendola il più possibile. Quando gli avversari cercheranno di stanarvi, magari avvicinandosi a voi, attirateli verso la Claymore. Voi rimarrete comunque protetti dallo scudo. Infine, rispetto agli altri scudi mobili dei difensori, con Osa tenete a mente che potete scavalcare lo scudo senza smettere di sparare e, in potenza, questo può darvi un vantaggio tattico modificando quel tanto che basta l'altezza e la traiettoria di tiro per superare eventuali barriere architettoniche ed essere autori di incredibili e fulminei pixel pick.

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 237
    7.6
    nd