Square Enix

Star Ocean The Divine Force: guida e trucchi per i nuovi giocatori

Se vi siete appena avvicinati a Star Ocean The Divine Force, questa guida vi tornerà molto utile per apprendere le principali meccaniche di gioco.

Star Ocean The Divine Force: guida e trucchi per i nuovi giocatori
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Atterrato soltanto di recente su PC e console, Star Ocean: The Divine Force si è rivelato un buon punto di ripartenza per la serie di Square Enix, che dopo i grossolani errori commessi col precedente episodio doveva necessariamente reinventarsi (per tutti i dettagli fiondatevi sulla nostra recensione di Star Ocean: The Divine Force). Pur essendo un ottimo "entry point" per iniziare a scoprire il longevo brand di tri-Ace, il titolo rimane comunque un JRPG complesso e impegnativo, ragion per cui abbiamo stilato una breve lista di consigli che potrebbero facilitarvi la sopravvivenza sul remoto e sottosviluppato pianeta Aster IV.

    Abusate del Blindside

    Come spiegato nel nostro speciale sulle cinque cose da sapere prima di iniziare Star Ocean: The Divine Force, nelle primissime ore dell'avventura il gruppo capeggiato da Raymond Lawrence e Laeticia Aucerius entrerà in possesso di una misteriosa macchina senziente chiamata D.U.M.A., che da quel momento in poi consentirà al personaggio controllato dal giocatore di librarsi in volo e sfrecciare a tutta velocità nella destinazione desiderata.

    Potendo lanciarvi come un missile contro i nemici attraverso la singola pressione di un tasto, il D.U.M.A. vi permetterà di aggirare agevolmente gli avversari e coglierli di sorpresa, facilitando l'eliminazione del bersaglio preso di mira e, di conseguenza, l'accumulo di punti esperienza.

    Poco prima di dare inizio a uno scontro, cercate dunque di cambiare direzione per sfuggire alla vista dei mostri, per poi colpirli di soppiatto: così facendo innescherete il cosiddetto Blindside (una meccanica introdotta originariamente in Star Ocean: The Last Hope) e i vostri avversari rimarranno paralizzati per diversi secondi, offrendovi un'imperdibile occasione per risolvere la disputa in una manciata di secondi appena.

    Crescita dei personaggi

    Sconfiggendo i nemici e salendo di livello, i personaggi di Star Ocean: The Divine Force acquisiscono costantemente dei nuovi SP, indispensabili per sbloccare nuovi talenti e potenziamenti negli appositi skill tree: questi, difatti, non includono solo dei permanenti power-up in termini di statistiche, ma anche tecniche attive e abilità passive da inserire manualmente nei talenti in uso.

    Giacché gli skill tree sono piuttosto vasti e non troppo diversi dalle sfereografie di Final Fantasy X, sin dall'inizio della campagna è importante pianificare l'avanzamento, in modo tale da sbloccare quanto prima i nodi più interessanti e i talenti più vicini al proprio stile di gioco.

    Anche perché, ad eccezione fatta per qualche casella bloccata, tutti i nodi sono accessibili già nelle prime ore di gioco, il che permettere di stabilire un vero e proprio percorso di crescita e creare degli eroi che rispecchino alla perfezione i gusti dell'utente. Dal momento che gli SP spesi negli alberi delle abilità non possono essere in alcun modo resettati, vi suggeriamo di studiare attentamente i nodi di ogni singolo membro del party e cominciare a investirli solo dopo aver individuato dei talenti consoni alle vostre strategie di battaglia.

    Usate la pausa tattica

    Una delle trovate più interessanti di Star Ocean: The Divine Force è senza dubbio la Stop Mode, ossia quella modalità attivabile in qualsiasi momento dell'avventura per arrestare il tempo e prendersi una pausa. Premendolo l'apposito tasto nel mezzo delle battaglie, questo interrompe bruscamente l'azione, offrendo al giocatore la possibilità di elaborare un cambio di strategia, utilizzare oggetti curativi per rimettere in sesto i compagni o anche solo riprendere fiato.

    Giacché l'utilizzo di oggetti e pozioni innesca un'animazione che richiede alcuni secondi, al momento di dover curare o rianimare un compagno ferito o addirittura messo fuori combattimento può essere utile impartire il suddetto ordine a un personaggio diverso da quello controllato dal giocatore: dopo aver assunto momentaneamente le redini di un altro alleato per curare il lottatore ferito, potrete quindi tornare all'eroe precedentemente controllato per continuare a torchiare i nemici con combo rovinose e spettacolari.

    Lontano dal campo di battaglia o subito dopo aver vinto uno scontro, invece, potrete servirvi della Stop Mode per curare in automatico gli alleati feriti e dar fondo alle vostre scorte di pozioni. Ricordatevi soltanto di rifornirvi costantemente, anche perché Raymond e gli altri possono trasportare solo venti unità di ciascun oggetto curativo, e pertanto potrebbe capitare di ritrovarvi a corto di pozioni senza neanche accorgervene.

    A caccia del tesoro!

    Poiché gli sviluppatori di Star Ocean: The Divine Force hanno sfruttato la verticalità per realizzare mappe vaste e complesse, al loro interno capita assai spesso di trovare tesori nascosti in luoghi sopraelevati o comunque difficilmente raggiungibili.

    Una volta entrati in possesso del D.U.M.A., ricordatevi di estendere il prima possibile l'abilità Scan, affinché il robottino possa analizzare una zona più ampia e indicarvi con estrema precisione la precisione di eventuali forzieri e segreti. Individuando e recuperando di volta in volta i forzieri del tesoro allungherete le mani su materiali, equipaggiamenti rari e ingenti somme di denaro che sapranno tornarvi utili nelle fasi crafting e non solo.

    Calibrate la difficoltà

    Come qualsiasi altro JRPG che si rispetti, Star Ocean: The Divine Force presenta dei boss formidabili che potrebbero addirittura annientare con un solo colpo due o più componenti della squadra. Davanti a un avversario troppo forte, la scelta più saggia è indubbiamente quella accrescere il proprio livello e migliorare l'equipaggiamento, ma quand'anche le suddette soluzioni non dovessero funzionare potreste considerare l'idea di abbassare anche solo momentaneamente la difficoltà. Accedendo al menu con le impostazioni avrete infatti la possibilità di ridurre e incrementare a piacimento il livello di sfida, in questo modo potrete sempre adattare l'esperienza alle vostre necessità o comunque al tempo a vostra disposizone.

    Che voto dai a: Star Ocean: The Divine Force

    Media Voto Utenti
    Voti: 21
    7
    nd