The Last of Us Parte 2: guida e trucchi utili per sopravvivere

Trucchi e suggerimenti per far salvaguardare la vita di Ellie nel pericoloso e violento mondo di The Last of Us 2 per PlayStation 4.

The Last of Us Parte 2 4K
Recensione: PlayStation 4 Pro
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Tra posticipi, spoiler e review bombing, quella dell'ultimo titolo Naughty Dog per PlayStation 4 è stata una strada tutta in salita. Come avete avuto modo di leggere nella nostra recensione di The Last of Us Parte 2 però, l'attesa è stata ripagata fino all'ultimo secondo e quello arrivato sugli scaffali è un vero e proprio capolavoro che spinge l'ammiraglia Sony come nessun altro è riuscito a fare sin dal suo debutto. Se anche voi state per immergervi per la seconda volta nel crudo mondo popolato da sopravvissuti ed infetti, ecco una serie di consigli privi di spoiler che vi aiuteranno ad affrontare meglio l'avventura.

    Controlli

    The Last of Us Parte 2 non è un gioco caratterizzato da un gameplay particolarmente complesso, ma si tratta in ogni caso di un titolo con uno schema comandi piuttosto lungo e con singoli tasti che possono svolgere svariate funzioni in base al contesto e alla loro pressione combinata.

    Ecco di seguito lo schema completo dei controlli:

    • Movimento: stick analogico sinistro
    • Gestione della telecamera: stick analogico destro
    • Salto/Arrampicata: X
    • Accovacciarsi: Cerchio
    • Stendersi: tenere premuto Cerchio
    • Interazione/Raccolta oggetti: Triangolo
    • Attacco corpo a corpo: Quadrato
    • Torcia: R3
    • Cambio arma rapido: R1
    • Modalità Ascolto: tenere premuto R1
    • Ricarica arma/Lancio veloce/Utilizzo oggetti: R2
    • Modalità mira: L2
    • Fuoco: R2 (con la modalità mira attiva)
    • Schivata: L1
    • Scatto: tenere premuto L1
    • Zaino: touchpad
    • Selezione oggetti dello zaino: croce digitale

    Se per qualche ragione non doveste gradire l'assegnazione di qualche tasto, sappiate che il gioco permette di personalizzare i controlli a proprio piacimento tramite un'apposita voce nel menu delle impostazioni.

    Difficoltà personalizzabile

    Poco prima di imbarcarsi in questa nuova storia con protagonista la giovane Ellie, è necessario selezionare il livello di difficoltà tra Molto facile, Facile, Intermedio, Difficile e Sopravvissuto. Se siete più interessati ai Trofei che alla sfida, sappiate che non c'è bisogno di completare il gioco a difficoltà Sopravvissuto per sbloccare il Platino.

    Il nostro consiglio è quindi di conservare la difficoltà massima per un'eventuale seconda run e di iniziare subito con Difficile se siete giocatori che hanno completato una o più volte il precedente capitolo.

    Se invece volete semplicemente godervi la trama potete scendere verso il basso fino a Molto facile, in cui i combattimenti con umani ed infetti non sono un problema. Non abbiate paura di scegliere una difficoltà troppo alta per voi, dal momento che in qualsiasi punto del gioco è possibile modificare il livello selezionato, così che si adatti meglio alle vostre abilità.
    Se poi non vi accontentate della semplice selezione del livello di sfida, potete inoltre entrare nei menu dell'accessibilità e personalizzare ogni singolo aspetto dell'esperienza. Il gioco presenta infinite opzioni per modificare la quantità di risorse presenti nella partite, aumentare l'efficacia di mira assistita e aggancio automatico, semplificare gli scontri corpo a copro e così via. Insomma, potete plasmare il gioco a vostro piacimento, basta solo trascorrere qualche minuto nella schermata relativa all'accessibilità. Non dimenticate che subito dopo aver selezionato la difficoltà è possibile attivare i bonus del pre-order di The Last of Us Parte 2, grazie ai quali si può ottenere istantaneamente un potenziamento per la pistola e un manuale.

    Esplorate ogni angolo

    Una componente molto importante del gameplay di The Last of Us Parte 2 è l'esplorazione: spesso ci si ritrova all'interno di aree più o meno grandi di cui non è necessario visitare ogni pixel. Andare a caccia di tutti i segreti e accedere alle aree nascoste non solo rappresenta per il giocatore una grande soddisfazione, ma gli consente di mettere da parte le risorse utili ad affrontare con sufficiente serenità le fasi successive.

    Alle volte potreste imbattervi in porte apparentemente chiuse che richiedono la risoluzione di piccoli enigmi per essere aperte, mentre in altre si può semplicemente buttare giù il vetro della finestra giusta per aggirare un lucchetto. Insomma, con un po' d'attenzione riuscirete ad accumulare tante risorse non solo per il crafting di consumabili ma anche per il potenziamento delle abilità della protagonista e il miglioramento delle sue bocche da fuoco.
    Se trovate cumuli di oggetti non dimenticate che è possibile raccoglierli tutti insieme con la semplice pressione prolungata del tasto Triangolo, così da velocizzare il processo e assicurarvi di non lasciare nulla alle spalle.

    Molla l'osso

    Tra una passeggiata a cavallo e l'altra bisognerà affrontare gruppi di nemici umani più o meno organizzati e non sempre sarà un gioco da ragazzi riuscire a farli fuori tutti. Il modo migliore per farsi strada tra i nemici è agire furtivamente almeno in un primo momento, magari eliminando gli avversari che tendono a muoversi da soli e lontani da occhi indiscreti, e poi concentrarsi sugli altri senza fare troppa attenzione a non essere rumorosi.

    A prescindere dalla strategia che volete mettere in pratica, è fondamentale però stare alla larga dai cani: non ce ne voglia la PETA, ma in The Last of Us Parte 2 questi animali costituiscono una grave minaccia per la protagonista ed eliminarli il prima possibile semplifica sensibilmente qualsiasi scontro.
    Se qualcosa dovesse andare storto potete comunque contare sulla potenza di fuoco di Ellie e su gadget come le bombe molotov. In questi casi vi suggeriamo di sparare da accovacciati per rendere la mira più stabile e di fare il possibile per essere più precisi: eliminando un nemico con un proiettile ben piazzato si può fare un massacro con l'ausilio di un unico caricatore.

    Divorati dal Cordyceps

    Se la minaccia umana rappresenta un pericolo per Ellie, sappiate che gli infetti non saranno una passeggiata da sconfiggere. Esistono creature di varia natura che spesso convivono negli stessi ambienti: in questi casi è molto importante osservare l'area e decidere quale tipologia di nemico eliminare prima. I runner, ovvero gli avversari più simili agli zombi, potrebbero ad esempio individuarvi mentre eliminate furtivamente i clicker, gli infetti con un super udito ma privi di vista (fortunatamente il rumore dell'esecuzione furtiva di un altro nemico non attira la loro attenzione).

    Conoscere bene il tipo di minaccia che si sta affrontando è quindi il primo passo per studiare una tattica che possa essere efficace. In ogni caso, a differenza di quanto avviene con gli umani, è sempre meglio agire furtivamente quando si tratta di infetti, poiché alcune di queste creature, in particolar modo i clicker, potrebbero essere letali nel rispondere ai vostri attacchi corpo a corpo.

    Questi ultimi dovrebbero essere utilizzati solo in casi estremi: vi consigliamo di stordire le creature con il lancio di oggetti come mattoni e bottiglie di vetro, così da renderli vulnerabili per qualche istante e finirli con un solo colpo. Un'eccezione è rappresentata dai piccoli gruppi di runner, i quali con un po' d'abilità nella schivata possono essere fatti fuori singolarmente a suon di cazzotti.

    Se poi doveste imbattervi in aree più grandi in cui ci sono sia infetti che umani, potreste pensare di sfruttare gli oggetti da lancio per attirare l'attenzione di entrambi e fargli fare "amicizia": in questo modo assisterete al massacro e consumerete meno risorse per procedere.

    Consultate la mappa

    Come detto poco sopra, alcune aree di The Last of Us Parte 2 sono più ampie e liberamente esplorabili. A questo proposito, non disdegnate l'utilizzo della mappa, poiché risulta essere uno strumento incredibilmente utile se non volete perdervi nemmeno una virgola.

    Man mano che vi muoverete per il mondo di gioco e leggerete documenti, Ellie disegnerà dei grossi punti interrogativi sulla mappa: esplorateli per accedere a risorse extra, vedere luoghi inediti e, perché no, ascoltare qualche dialogo aggiuntivo. Una volta recuperato il bottino in una di queste zone contrassegnate dall'icona, la protagonista le cancellerà con un segno, così da rendere più leggibile la mappa e comprendere subito quali sono i territori ancora da esplorare.

    Salvataggio manuale

    The Last of Us Parte 2 utilizza un sistema di salvataggio automatico che tende a registrare i progressi con una certa frequenza, sebbene di tanto in tanto possa capitare che qualche checkpoint venga saltato. Per questo motivo vi suggeriamo di salvare manualmente i progressi dopo aver superato un momento difficile o quando avete il presentimento che le cose stiano per mettersi male. Così facendo non rischierete di perdere nemmeno un minuto di gioco e potrete recuperare vecchi salvataggi nel caso in cui un combattimento dovesse costarvi troppe risorse.

    Che voto dai a: The Last of Us Parte 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 265
    8.9
    nd